L’ alfabeto di papa Francesco. Parole e gesti di un pontificato

“Predicate sempre il Vangelo, e se fosse necessario anche con le parole”. Francesco lo ha detto più volte. Allora, per comporre un “alfabeto di papa Bergoglio” bisogna tener conto non solo delle parole che ha pronunciato, ma anche dei gesti, degli atteggiamenti, delle scelte. Dalla A di “affari” alla Z di “zucchetto”. Temi importanti, come “famiglia” e “gioia”, ma anche curiosi e sorprendenti. E’ il caso della lettera B, dove si trova la “borsa” che il Papa porta con sé in aereo, della T, con il “telefono” così amato da Francesco, e della U, dove figurano le “utilitarie” da lui usate per spostarsi. Ne esce un riassunto, scritto con penna arguta e mai banale, degli aspetti più caratteristici di un pontificato che sta segnando in modo indelebile il messaggio e lo stile della Chiesa.