Blog

Il dolore innocente e la risposta cristiana. Che c’è

Nell’udienza generale di mercoledì 4 gennaio, la prima del 2017, papa Francesco è tornato sulla questione del dolore innocente. Ne aveva già parlato nel dicembre scorso, durante il discorso rivolto alla comunità dell’ospedale pediatrico Bambin Gesù, e di nuovo, come in quella occasione, rispetto al testo scritto ha voluto fare un’integrazione a braccio. Il 15 dicembre 2015, improvvisando, Francesco disse: «Perché i bambini soffrono? Non c’è risposta. Soltanto guardare il Crocifisso, lasciare che sia Lui a darci la risposta». E continuò con un  dialogo immaginario: «Tu potrai dirmi: “Ma lei, Padre, non ha studiato teologia?”». «Sì!». «E  ha letto libri…

Continua a leggere

Lettera a don Filippo. Un bravo prete

  Tempo fa un caro amico, Sandro, mi ha chiesto di scrivere una lettera per don Filippo, il prete che fu responsabile dell’oratorio San Carlo di Rho quando io ero bambino (si parla dunque degli anni Sessanta del secolo scorso!). Don Filippo è andato in pensione (come si suol dire con termine burocratico che,  dire il vero, non mi sembra adeguato a un prete, perché una vocazione di certo non va in pensione). Di qui l’idea di Sandro: chiamare a raccolta un po’ di amici di don Filippo e chiedere a ciascuno di loro una lettera. Ecco qui, dunque, la…

Continua a leggere

I nuovi lanzichenecchi che assediano il Vaticano. Nell’indifferenza generale

Passeggiare nelle zone vicine al Vaticano è diventato quasi impossibile. Non è che qualcuno te lo impedisca. È che, se ci provi, devi fare lo slalom in mezzo a decine e decine di molestatori (non saprei come definirli in altro modo) che ti propongono continuamente di affidarti a loro per un tour ai musei vaticani con il servizio «Skip the line», ovvero senza fare la fila. Questi individui, quasi tutti piuttosto giovani e poliglotti, per farsi riconoscere indossano pettorine colorate e tengono in mano un cartoncino con l’elenco delle loro offerte. Ma non si limitano a stazionare nelle vie. No,…

Continua a leggere

“Amoris laetitia”, i “dubia” di un parroco e una risposta “blowin’ in the wind”

«Le forme di convivenza more uxorio, al di fuori di un matrimonio religioso valido, contraddicono o no la volontà di Dio?». Il parroco che mi pone la domanda non nasconde di trovarsi in una situazione complicata. Si arrovella, ma è come in un labirinto. Dopo «Amoris laetitia», gli riesce difficile dare risposte univoche e chiare ad alcune domande di importanza fondamentale sia per la salvezza delle anime sia per la coerenza interna della dottrina cattolica. Si parla molto, e a ragione, dei dubia espressi su «Amoris laetitia» dai cardinali Brandmüller, Burke, Caffarra e Meisner, ma tanti sono anche i dubia,…

Continua a leggere

Quando il Nazareno si presentò in Vaticano

  In  quel tempo le cronache parlarono a lungo di un «patto del Nazareno», una complicata faccenda politica mai del tutto chiarita. Ma non si venne mai a sapere che il vero patto del Nazareno fu un altro. Un giorno infatti il Nazareno si fece coraggio e decise di andare in Vaticano. Aveva un patto da proporre al papa. Si presentò alle guardie svizzere ma fu respinto. Gli fecero un sacco di domande: chi era, che cosa voleva, se aveva prenotato, se aveva un accredito, se poteva contare su qualche amico cardinale. Il Nazareno rimase senza parole. Non aveva prenotato,…

Continua a leggere

Così spio le vite degli altri. Un detective racconta. E Padre Brown che ne direbbe?

«Non sono riuscito a smascherarlo. O lui è stato molto furbo oppure non aveva niente da nascondere». Chi parla è un investigatore privato. Mentre sto guidando, lo ascolto alla radio. Intervistato a proposito del suo lavoro, spiega che opera in una città vicina al mare e che quasi sempre i casi dei quali è chiamato a occuparsi ruotano attorno alle infedeltà coniugali: mogli che chiedono di pedinare il marito, mariti che chiedono di pedinare la moglie. Le solite cose. Ma non mancano le variazioni sul tema. Per esempio, la vicenda di cui sta parlando ora riguarda un prete. È lui…

Continua a leggere

Verità, giustizia, misericordia. Per un’analisi del “metodo Francesco”

«Io credo in Dio. Non in un Dio cattolico, non esiste un Dio cattolico, esiste Dio.» Parola di papa Francesco. Il concetto non è nuovo, perché già espresso, più compiutamente, dal cardinale Carlo Maria Martini nell’intervista al confratello gesuita Georg Sporschill. Il problema è che adesso qualcuno si pone una domanda analoga, ma con un soggetto diverso. Al posto di Dio c’è il papa: Francesco è cattolico? Settembre 2015, vigilia del viaggio di Francesco negli Stati Uniti. Su uno sfondo nero come la pece, il volto di papa Francesco appare in penombra. È la copertina di «Newsweek», e l’espediente è…

Continua a leggere

La vita del cristiano? Una “grande guerra”. Parola di Carlo Maria Martini

Da quando il padre Martini se n’è andato, nel 2012, non ho mai smesso di sentirlo vicino. Penso spesso a lui e a come commenterebbe le vicende che la storia ci propone, per quanto riguarda sia il mondo, sia la nostra Italia, sia la nostra Chiesa. Capirete perché un libro appena uscito, «Il sole dentro» (Piemme, 254 pagine, 17 euro) è stato davvero un bel regalo: come avere il padre Martini ancora una volta davanti e poterlo ascoltare in presa diretta. Il libro contiene un testo del tutto inedito, ritrovato in fondo a un cassetto nel monastero delle carmelitane scalze…

Continua a leggere

Cattolici a rimorchio?

Sul fascicolo di dicembre (n. 158, 2016) della rivista Il Timone sono stato intervistato da Lorenzo Bertocchi nell’ambito di una tavola rotonda sul tema Cattolici a rimorchio. Al centro della riflessione la tendenza, da parte di ampi settori della cultura cattolica, di andare appunto “a rimorchio” delle idee correnti senza saper proporre un chiaro punto di vista cristiano e senza, di conseguenza, riuscire a trasformare la fede in cultura. Assieme a me, hanno risposto alle domande monsignor Massimo Camisasca, vescovo di Reggio Emilia – Guastalla, Cesare Cavalleri, direttore della rivista Studi cattolici e delle Edizioni Ares, e il filosofo Stranislaw…

Continua a leggere

Due presepi is meglio che uan!

    L’altro giorno ho fatto il presepio. Il primo. Già, perché in casa nostra ne facciamo due. Uno secondo la tradizione della mia famiglia d’origine, uno secondo la tradizione della famiglia di mia moglie, Serena detta Santa Subito.  Il mio presepe è quello classico: statuine alte pochi centimetri, il muschio a fare da tappeto erboso, la carta crespa sullo sfondo, la capanna, la carta stagnola per fare il fiumiciattolo e il laghetto, un ponticello, le pecore, i pastori, il pollaio, la legnaia, l’uomo che mescola la polenta, la cascatella presa a Napoli a San Gregorio Armeno con il mio…

Continua a leggere

In morte della bellezza

Ogni volta che viene consacrata una nuova chiesa sono contento, perché Dio ha una nuova casa e le persone un luogo dove pregarlo. Se poi il luogo in cui la chiesa è consacrata è una periferia desolata, ancora meglio: in mezzo ai palazzoni-dormitorio, dove magari non c’è neanche una piazza per incontrarsi, la chiesa diventa un’isola di umanità e di speranza in un mare di grigiore reale ed esistenziale. Tra le periferie più desolate ci sono quelle romane, e dunque quando su «Roma sette», supplemento di «Avvenire», ho letto che a Ponte di Nona sarà presto consacrata una chiesa intitolata…

Continua a leggere

Dopo il caso di Saronno

Mi chiamano in televisione per dire quattro banalità sul caso del medico e dell’infermiera di Saronno, il primo accusato di aver intrepretato in modo un tantino estensivo il suo ruolo di anestesista, la seconda di aver collaborato con lui per far fuori il marito. Di banalità riesco (male) a dirne due. La prima. Mi ha colpito il fatto che i giornali, per rendere l’idea di una malvagità spinta così al limite, ricorrano al diavolo: «La coppia diabolica», «Gli amanti diabolici» eccetera. Ci piace tanto fare i moderni e i secolarizzati e poi, quando si tratta di dar voce a qualcosa…

Continua a leggere

“Amoris laetitia”: nella storia di sedici secoli fa una prefigurazione di ciò che potrebbe succedere?

  Sono passati sedici secoli, ma la Chiesa si ritrova a fare i conti con una situazione analoga. Se allora in discussione c’era la divinità di Gesù, adesso c’è l’indissolubilità del matrimonio. La tesi, che può sembrare avventata, non è sostenuta da uno qualunque, ma da un esperto di storia della Chiesa e di patrologia, Claudio Pierantoni, attualmente docente di filosofia medievale all’Universidad de Chile. Già firmatario della cosiddetta «Lettera dei quarantacinque», la petizione inviata mesi fa a Francesco per chiedergli di chiarire i punti oscuri di «Amoris laetitia», ora il professore pubblica un saggio, «La crisi ariana e la…

Continua a leggere

Per un san Francesco più autentico

È l’anno 1266 quando Bonaventura da Bagnoregio, generale dell’ordine francescano, ordina di distruggere tutte le biografie di san Francesco, morto quarant’anni prima. Nei quasi millecinquecento conventi francescani e nei quattrocento monasteri delle clarisse le vecchie ricostruzioni della vita di Francesco sono sostituite dalla nuova, scritta dallo stesso Bonaventura tre anni prima e chiamata «Leggenda Maggiore». È così che l’immagine di Francesco subisce un’autentica metamorfosi e diventa quella ancora oggi più nota: un povero frate piuttosto ingenuo, dotato di scarsa cultura, attirato dall’ascesi e dalla mortificazione della carne, un mistico mansueto in dialogo con gli animali più che con i suoi simili….

Continua a leggere

La fede, la Chiesa, la scomunica. Qualche precisazione

Dopo il mio articolo sulla scomunica mi hanno scritto molte persone e alcune mi hanno chiesto: perché la Chiesa prevede la scomunica per chi procura l’aborto e non in tanti altri casi di comportamenti gravissimi, come l’uccisione di un essere umano già venuto al mondo, la violenza sessuale, la pedofilia, la tortura e via elencando? Premetto che il mio non è stato un intervento di tipo tecnico e giuridico (non ho competenze in proposito) sulla scomunica e sui casi in cui è o non è applicata. Ho voluto piuttosto, relativamente al caso balzato in primo piano dopo il documento «Misericodia…

Continua a leggere

Voce del verbo scomunicare. Che fa rima con amare

Dopo la decisione di concedere a tutti i sacerdoti la possibilità di perdonare il peccato di aborto, contenuta nella lettera apostolica «Misericordia et misera» di Francesco, è tornata d’attualità una parola che sa d’antico: scomunica. Nel diritto canonico, infatti, la Chiesa prevede proprio la scomunica per chi si rende responsabile di un peccato così grave.  Viene dunque da chiedersi: perché in certi casi la Chiesa prevede la scomunica? E che cos’è precisamente la scomunica? La pena della scomunica, come dice la parola stessa, equivale a una sorta di esilio: la persona è messa fuori dalla comunità, è esclusa dalla comunione…

Continua a leggere

Peccato di aborto. Le parole del papa e quelle dei giornali

«Assolvete medici e donne che abortiscono». Titola così, nella sua home page, il quotidiano  Repubblica. Con tanto di virgolette. Il soggetto sottinteso è il papa, e l’uso dell’imperativo dà alla frase un tono pressante. Solo che il papa quella frase non l’ha mai pronunciata, né tanto meno scritta. Il titolo vuole riassumere il contenuto della lettera apostolica Misericordia et misera, nella quale Francesco, al termine del giubileo della misericordia, stabilisce che d’ora in poi a «tutti i sacerdoti, in forza del loro ministero», sarà concessa «la facoltà di assolvere quanti hanno procurato peccato d’aborto». Si noti: la facoltà di assolvere,…

Continua a leggere

Auguri al Cesare dell’Ares. Maestro e amico

Dell’Ares mi piace tutto: il pavimento di legno che scricchiola sotto i passi, i libri allineati in ordine sugli scaffali, il profumo delle pagine, il silenzio. Arrivi all’Ares, a Milano, nella storica sede di via Stradivari numero sette, e capisci subito che questa casa editrice ha un anima. Ce l’ha perché ha un padre o, se preferite, un nume tutelare. Anche quando la porta d’ingresso è chiusa, perché l’orario di lavoro è finito, succede che lui sia lì, nella sua stanza. Questo papà premuroso e carismatico ha un nome da imperatore, Cesare, e in effetti, per governare, governa, eccome! Lo…

Continua a leggere

“Amoris laetitia”, la legge, la libertà. Risposta al padre Sorge

Nell’ultimo numero di «Aggiornamenti sociali» (n. 11, novembre 2016), storica rivista dei gesuiti, il padre Bartolomeo Sorge, che della rivista è direttore emerito, pubblica un articolo, intitolato «A proposito di alcune critiche recenti a papa Francesco» (pagg. 751 – 756) nel quale si occupa di «critiche, piuttosto serie, venute specialmente dopo la pubblicazione dell’esortazione apostolica postsinodale Amoris laetitia» e si propone di confutarle. Precisato che fra tali critiche ce ne sono alcune preconcette mentre altre, che «vengono da persone illuminate e fedeli», sono «fatte senza arroganza, e lasciano trapelare un’evidente o malcelata contrarietà», il padre Sorge sceglie, come esemplificativi della…

Continua a leggere

Benedetto e Francesco, entrambi al servizio della Chiesa. Intervista al cardinale Müller

«Benedetto XVI e Francesco, successori di Pietro, al servizio della Chiesa». Si intitola così l’ultimo libro del cardinale Gerhard Ludwig Müller, prefetto della Congregazione per la dottrina della fede. Edito dall’Ares, il libro (112 pagine, 12 euro) raccoglie alcuni interventi che il cardinale ha dedicato ad argomenti diversi, tutti comunque collegati al ministero di Pietro e al modo in cui tale servizio è stato svolto da Joseph Ratzinger ed è attualmente interpretato da Jorge Mario Bergoglio. I capitoli più corposi si occupano di due temi: «Il primato di Pietro nel pontificato di Benedetto XVI» e «La povertà: via dell’evangelizzazione nello…

Continua a leggere