X

Una parola al giorno / Sottopelle

Ho letto da qualche parte che il vaccino contro il Covid-19, se e quando sarà messo a punto, verrà forse somministrato mediante un cerotto dotato di microaghi, il che consentirà all’organismo una migliore assimilazione.

In materia sono del tutto ignorante, però, leggendo la notizia, mi sono ricordato di aver letto da qualche altra parte che ricercatori del Massachusetts Institute of Technology sono all’opera da tempo per consentire di impiantare nell’uomo, proprio con lo stesso sistema, una sorta di “libretto delle vaccinazioni” scritto sottopelle grazie a un inchiostro invisibile e monitorabile in ogni momento. Lo studio, già pubblicato su una rivista scientifica, ha il sostegno economico della Bill e Melinda Gates Foundation.

Ora, siccome tale fondazione, in linea con gli obiettivi dell’Onu, è da sempre su posizioni a favore del controllo delle nascite e della denatalità (loro la chiamano “salute sessuale e riproduttiva”), tanto da appoggiare il progetto di un dispositivo sottopelle che rilascia l’ormone contraccettivo, mi si è accesa una lampadina dalla luce un po’ inquietante, tanto più che, secondo gli stessi ricercatori che hanno messo a punto l’idea del cerotto a microaghi, nulla vieta che in futuro questa applicazione possa essere utilizzata per molti altri scopi.

Gates, che già nel 2015 aveva previsto la minaccia di un fenomeno come la pandemia in corso e ha donato cento milioni di dollari per aiutare la lotta al coronavirus, ha lasciato il consiglio di amministrazione di Microsoft e si sta dedicando a tempo pieno alle attività filantropiche della sua fondazione.

Non so perché, ma un brivido mi corre. Sottopelle.

A.M.V.

 

Aldo Maria Valli:
Post Correlati
Loading