“Knock o Il trionfo della medicina”: era commedia, ora è realtà

Salute, medici e sanità: non si è parlato d’altro negli ultimi mesi, e si continuerà a parlarne fin quando l’emergenza epidemiologica da Covid-19 non sarà passata. Nella collana Liberilibri dedicata al teatro, il Circo, c’è una pièce di straordinaria attualità che tratta l’argomento con elegante ironia e che viene ora ristampata nella nuova edizione degli “inesauribili”: Knock o Il trionfo della medicina del drammaturgo francese Jules Romains.

Il testo rappresenta una bruciante e spassosissima satira sulla permeabilità degli individui a ogni genere di manipolazione quando si affrontano temi come la malattia e la salute, pascolo esclusivo della scienza medica, alla quale il cittadino riserva stima e fiducia incondizionate. Ma più che un atto d’accusa verso la medicina, è un’amara constatazione di come un “capo” possa approfittare a proprio vantaggio delle paure da lui indotte sulla massa dei cittadini. E il dottor Knock, lavorando di fino, riesce con la sua autorità di medico a far sentire ammalati anche i sani, a riempire gioiosamente il suo ambulatorio, e ad essere considerato l’angelo custode della salute della comunità, perché, come egli sostiene, “gli individui sani sono solo dei malati che ignorano di esserlo”.

Jules Romains, tra gli autori più rappresentati del suo tempo insieme a Luigi Pirandello e George Bernard Shaw, guida il lettore-spettatore nei labirinti della pan-medicalizzazione, del terrorismo sanitario e del salutismo ossessivo, mettendolo nello stesso tempo in guardia dalle insidie della globalizzazione mediatica della medicina.

Sembra un testo del 2020, ma questa commedia in tre atti fu scritta nel 1923 e messa in scena per la prima volta a Parigi nello stesso anno dal grande attore Louis Jouvet. Pur a distanza di quasi un secolo, dopo innumerevoli allestimenti e migliaia di repliche in Europa e in America, versioni televisive, radiofoniche e cinematografiche (l’ultima, nel 2017, è il film Dr. Knock con Omar Sy), le mirabolanti peripezie del giovane dottor Knock continuano a sedurre pubblico e lettori.

Di Jules Romains, Liberilibri ha pubblicato altri due testi teatrali: Cromedeyre-le-Vieil e Donogoo.

________________

________________

Fonte: L’Opinione delle libertà

***

Cari amici di Duc in altum, vi ricordo i miei ultimi libri

Aldo Maria Valli, Ai tempi di Gesù non c’era il registratore. Uomini giusti ai posti giusti (Chorabooks, 2020)

Aldo Maria Valli, Aurelio Porfiri, Decadenza. Le parole d’ordine della Chiesa postconciliare (Chorabooks, 2020)

Aldo Maria Valli, Non avrai altro Dio. Riflettendo sulla dichiarazione di Abu Dhabi, con contributi di Nicola Bux e Alfredo Maria Morselli (Chorabooks, 2020)

Aldo Maria Valli, Gli strani casi. Storie sorprendenti e inaspettate di fede vissuta (Fede & Cultura, 2020)

Aldo Maria Valli, Le due Chiese. Il sinodo sull’Amazzonia e i cattolici in conflitto (Chorabooks, 2020) 

Aldo Maria Valli (a cura di), Non abbandonarci alla tentazione? Riflessioni sulla nuova traduzione del “Padre nostro”, con contributi di Nicola Bux, Silvio Brachetta, Giulio Meiattini, Alberto Strumia (Chorabooks, 2020)

***

Sei un lettore di Duc in altum? Ti piace questo blog? Pensi che sia utile? Se vuoi sostenerlo, puoi fare una donazione utilizzando questo IBAN:

IT65V0200805261000400192457

BIC/SWIFT  UNCRITM1B80

Beneficiario: Aldo Maria Valli

Causale: donazione volontaria per blog Duc in altum

Grazie!

***

I contributi che appaiono nel blog sono disponibili anche su Telegram.

Potete cercarmi digitando il mio nome, Aldo Maria Valli, oppure cliccate sul link https://t.me/aldomariavalli e poi scegliete: unisciti al canale. 

I miei ultimi libri