Ecco le immagini del prete polacco portato via dalla polizia

Padre Michał Woźnicki, un salesiano espulso dall’ordine perché in conflitto con i suoi ex confratelli, è stato portato via dagli agenti con l’accusa di non aver rispettato le norme anti-Covid. Succede a Poznan, in Polonia.

“Questa è una cappella! Voi chi siete?” grida una donna mentre il sacerdote e il chierichetto vengono trascinati via con la forza.

La scena è drammatica.  “Questa è la casa di Gesù, vero Dio e vero uomo. Per favore, inginocchiatevi” chiede il prete agli agenti, ma uno di loro replica: “Non mi dia ordini! Mi consegni invece una carta d’identità”.

Il sacerdote cerca di resistere. Dice che lì si sta pregando il rosario e osserva: “Il vostro volto è coperto. Temo che degli intrusi con cattive intenzioni abbiano invaso questa cappella”. Ma non c’è niente da fare. La polizia preleva il prete e lo porta via. Anche il ministrante è trascinato via con la forza, mentre è ancora inginocchiato.

Sono stati gli stessi salesiani a chiamare le forze dell’ordine, segnalando che padre Woźnicki stava celebrando senza la mascherina e senza rispettare le altre norme anti-Covid.

Un portavoce dei salesiani, commentando il caso, tiene a sottolineare che il sacerdote coinvolto nell’intervento della polizia non fa più parte dell’ordine dal 2018 e vive “illegalmente” nella casa religiosa di Poznan, città che da sabato scorso è in zona rossa.

Iwona Liszczyńska, dell’ufficio stampa della polizia, ha confermato all’agenzia di stampa polacca Pap che la richiesta d’intervento, in relazione al mancato rispetto delle norme per contrastare il coronavirus, è arrivata agli agenti dagli stessi salesiani. La polizia, ha riferito la portavoce, una volta arrivata nella cappella ha verificato che i presenti non indossavano la mascherina e non rispettavano la distanza di sicurezza.

Padre Michał Woźnicki, espulso dai salesiani, è da tempo in conflitto con i suoi ex confratelli. Noto per le sue critiche al pontificato di Francesco, celebra con il rito antico e sostiene che le restrizioni imposte dal governo contro il coronavirus non valgono all’interno del tempio del Signore.

I salesiani da tempo hanno intimato a padre Michał di andarsene dalla residenza dei religiosi e gli hanno intentato una causa per sfrattarlo, ma finora il sacerdote non se n’è andato e il verdetto della giustizia non è stato ancora emesso.

Fonte: tvp.info

***

Cari amici di Duc in altum, è da poco uscito il mio ultimo libro: Virus e Leviatano (Liberilibri, 108 pagine, 11 euro). Lo si può acquistare qui, qui e qui oltre che su tutte le altre piattaforme per la vendita di libri e, ovviamente, nelle librerie.

Vi ricordo anche gli altri miei libri più recenti

Aldo Maria Valli, L’ultima battaglia (Fede & Cultura)

Aldo Maria Valli, Ai tempi di Gesù non c’era il registratore. Uomini giusti ai posti giusti (Chorabooks)

Aldo Maria Valli, Aurelio Porfiri, Decadenza. Le parole d’ordine della Chiesa postconciliare (Chorabooks)

Aldo Maria Valli, Non avrai altro Dio. Riflettendo sulla dichiarazione di Abu Dhabi, con contributi di Nicola Bux e Alfredo Maria Morselli (Chorabooks)

Aldo Maria Valli, Gli strani casi. Storie sorprendenti e inaspettate di fede vissuta (Fede & Cultura)

Aldo Maria Valli, Le due Chiese. Il sinodo sull’Amazzonia e i cattolici in conflitto (Chorabooks) 

Aldo Maria Valli (a cura di), Non abbandonarci alla tentazione? Riflessioni sulla nuova traduzione del “Padre nostro”, con contributi di Nicola Bux, Silvio Brachetta, Giulio Meiattini, Alberto Strumia (Chorabooks)

***

Sei un lettore di Duc in altum? Ti piace questo blog? Pensi che sia utile? Se vuoi sostenerlo, puoi fare una donazione utilizzando questo IBAN:

IT65V0200805261000400192457

BIC/SWIFT  UNCRITM1B80

Beneficiario: Aldo Maria Valli

Causale: donazione volontaria per blog Duc in altum

Grazie!

 

I miei ultimi libri