Arcivescovo Viganò: “La dittatura cinese è il paradigma di ciò che attende il mondo intero. Se non sapremo opporci”

Cari amici di Duc in altum, vi propongo l’intervista realizzata da Maike Hickson all’arcivescovo Carlo Maria Viganò per Kultur Magazin.

di Maike Hickson

L’arcivescovo Carlo Maria Viganò mi ha gentilmente concesso un’intervista che abbiamo condotto per lo Schloss Rudolfshausen, un bell’apostolato cattolico in Germania, gestito dalla signora Helene Walterskirchen e da sua figlia, Alexandra. Stanno pubblicando traduzioni dall’arcivescovo Viganò, così come da LifeSite e molti altri. La signora Walterskirchen e sua figlia pubblicano anche la rivista Kultur Magazin, per la quale è stata condotta questa nuova intervista con il prelato italiano.

L’arcivescovo Viganò si occupa in questa lunga intervista di molti aspetti del Grande Reset, i suoi legami con la Cina e le sue dure politiche di lockdown; le sue connessioni con i principali attori globali come il World Economic Forum (WEF), il Gruppo Bilderberger, i Rockefeller e i Rothschild; e la sua essenzialmente “matrice massotica”. Come vediamo, è una sostituzione del cristianesimo con un dominio mondiale massonico simile a quello dei vecchi esperimenti comunisti nel mondo. Ciò che collega i vecchi esperimenti con questo nuovo esperimento internazionale è davvero la massoneria.

L’arcivescovo Viganò presenta il discorso di un ex massone francese, il dottor Pierre Gilbert, che venticinque anni fa predisse che ci sarebbe stata una malattia che sarebbe stata poi utilizzata per scopi politici.

C’è una dichiarazione molto interessante e rivelante di Pierre J. Gilbert (qui) che risale al 1995, che elenca tutti i passi che oggi vediamo svolgersi davanti ai nostri occhi con la tragica farsa del Covid, dall’inoculazione di massa con un vaccino alla creazione di campi di detenzione per dissidenti. Questo massone convertito ha rivelato gli obiettivi della famigerata setta venticinque anni fa.

Ma alla luce di queste notizie inquietanti, l’arcivescovo italiano non ci lascia senza speranza; sottolinea che questi elementi rivoluzionari spesso si rivolgiamo anche l’uno contro l’altro, e quindi non crede che sia ancora giunto il momento per il Grande Reset con le sue basi malvagie.Inizio modulo

Un segno che potrebbe essere proprio qui è il fatto che uno dei principali leader di questa agenda corona, Bill Gates, è attualmente sotto molte critiche per la sua vicinanza all’allora già noto molestatore sessuale, Jeffrey Epstein. Sempre più informazioni stanno attualmente venendo alla luce, e queste informazioni stanno seriamente sminuendo la credibilità di Gates.

Viganò confida nelle parole della Madonna di Fatima, secondo le quali la Consacrazione della Russia avrà luogo in ritardo, ma arriverà, e poi ci sarà “un tempo di pace”.

“L’incapacità di consacrare la Russia nel Cuore Immacolato di Maria”, spiega Viganò, “ha portato alla diffusione del comunismo in tutto il mondo; oggi vediamo il comunismo alleato con l’altro nemico giurato del cristianesimo, il liberalismo”. Continua dicendo: “Questa alleanza infernale ha lo scopo di portare all’istituzione del Nuovo Ordine e all’avvento dell’Anticristo. Ma non dimentichiamo che la Madonna ha detto che, prima della persecuzione finale, il mondo godrà di un periodo di pace. Penso che il Grande Reset e il progetto satanico del Nuovo Ordine sotto la sinarchia massonica non siano ancora riusciti a imporsi, anche se ci siamo avvicinati molto ad esso.

Ma in attesa della vittoria della Madonna, l’arcivescovo Viganò ci invita a condurre la vita secondo la regalità di Cristo, ammonendoci a “cercare di far regnare Cristo soprattutto nei nostri cuori e, di conseguenza, nelle nostre famiglie, perché regni anche nelle nostre società”.

Siamo grati all’arcivescovo Viganò per questa intervista illuminante e incoraggiante.

*

Mea est ultio, et ego retribuam in tempore, in quo labetur pes eorum!
Juxta est dies perditionis, et adesse festinat sors eorum.

La vendetta è mia, e io li ripagherò a tempo debito, che il loro piede possa scivolare! Il giorno della distruzione è a portata di mano e il loro tempo si fa fretta a venire.
Deut 32:35

  1. Cosa significa il Grande Reset?

“The Great Reset” è un’espressione coniata qualche anno fa dall’élite massonica che domina il mondo. Significa una sorta di rivoluzione globale che è stata decisa da questa élite per “resettare” l’intero tessuto sociale, imponendo una serie di cambiamenti alle masse che hanno lo scopo di prepararsi al regno dell’Anticristo, che in assenza di eventi calamitosi sarebbe difficile da adottare democraticamente con il loro consenso. Gli ideali di un mondo migliore, il rispetto per l’ambiente, la fraternità tra i popoli e l’inclusività sono solo un modo ipocrita e ingannevole di realizzare questa rivoluzione e mascherarla con una presunta nobiltà di scopo che in pratica nasconde i veri fini dell’élite: per loro stessa ammissione, “nulla sarà come prima”.

  1. Chi sono le persone chiave dietro il Grande Reset? Cosa sappiamo delle loro convinzioni personali?

L’élite che promuove il Grande Reset è composta dalle principali organizzazioni mondiali, dal World Economic Forum di Klaus Schwab alle Nazioni Unite, dalla Commissione Trilaterale al Gruppo Bilderberg, con il supporto dei loro servitori nei governi, nell’alta finanza, nelle multinazionali e nei media. Questo processo è andato avanti per secoli, guidato dalle grandi dinastie di capitali come i Rothschild e i Rockefeller, che interferiscono pesantemente nella politica delle nazioni grazie alla loro incommensurabile ricchezza.

La matrice è essenzialmente massonica, sia nei principi che esprimono sia nell’odio che mostrano verso la religione, sia ancora di più verso Nostro Signore Gesù Cristo. Se consideriamo le richieste promosse dai sostenitori del Grande Reset, possiamo risalire alla triade della Rivoluzione Francese e della Massoneria: libertà, uguaglianza e fraternità. Ogni cattolico istruito dal Magistero dei Romani Pontefici sa cosa implica la sovversione infernale in questi principi: libertà significa ribellione contro la Sovranità di Dio e la Sua Santa Legge; l’uguaglianza pone tutte le persone sullo stesso livello, il più basso, negando le differenze e l’individualità di ogni persona, e soprattutto annullando la distinzione fondamentale tra coloro che riconoscono Cristo come unico Dio e Signore e coloro che lo rifiutano; infine, la fraternità cerca di stabilire una società in cui gli uomini possano essere fratelli senza alcun riferimento alla paternità divina di Dio o appartenendo alla famiglia dei redenti in Cristo.

Consideriamo una cosa importante: l’uomo è fatto a immagine di Dio nel senso che riflette, nelle sue facoltà, gli attributi della Santissima Trinità: la potenza del Padre, la saggezza del Figlio, l’amore dello Spirito Santo. Il Grande Reset vuole rovesciare questa connaturale corrispondenza dell’uomo con il suo Creatore, Signore e Redentore in una parodia blasfema: sganciare la sua memoria, distorcere il suo intelletto e distorcere la sua volontà.

Tutto ciò che viene fatto in nome dell’ideologia globalista ha questo scopo non riconosciuto ma molto evidente: non dobbiamo più ricordare il nostro passato e la nostra Storia, non dobbiamo più saper riconoscere il Bene e il Male, non dobbiamo più desiderare la virtù e rifiutare il vizio; infatti, siamo spinti a condannare il Bene come intollerante e ad approvare il Male come liberazione e redenzione dalla morale cristiana. E se Dio viene rifiutato come Padre, non ci deve più essere paternità nemmeno nell’ordine naturale, perché la paternità naturale è uno specchio della paternità divina. Ecco perché c’è questo odio teologico contro la famiglia naturale e contro la vita non ancora nata. Se Dio non è morto per noi sulla Croce, non ci deve essere più sofferenza, né più dolore, né più morte, perché nel dolore siamo in grado di comprendere il significato del sacrificio e accettarlo per amore di Chi ha versato il Suo Sangue per noi. Se Dio non è Amore, non ci deve più essere amore tra gli uomini ma solo fornicazione e soddisfazione dei piaceri, perché se desideriamo il bene degli altri, siamo portati a condividere con loro il dono più prezioso che abbiamo, la Fede, e non possiamo abbandonarli a cadere nell’Abisso in nome di un concetto perverso di libertà. Non sono atei; non negano che Dio esista; piuttosto, lo odiano, proprio come Lucifero lo odia.

  1. È una battaglia tra il Bene e il Male, secondo lei?

Il Grande Reset non è solo l’ultima fase prima dell’istituzione del regno dell’Anticristo, ma ha acquisito tutte le connotazioni di una vera religione, prendendo in prestito la sua lingua, creando cerimonie, nominando i propri sacerdoti. La ritualità dell’attuale pandemia è abbastanza evidente, soprattutto nel modo in cui hanno voluto dare al vaccino un valore sacramentale, al punto da ricorrere a sacerdoti e vescovi – e persino al Papa stesso – per promuoverlo, anche predicando che è indispensabile per la salvezza, identificarlo come un “dovere morale” per ogni credente. Così, vietando il Santo Sacrificio al vero Dio e vietando l’amministrazione dei veri Sacramenti, la nuova religione Covid si è imposta con nuovi rituali igienici e nuovi sacramenti della salute.

La fede del discepolo del Coronavirus nella narrazione mediatica è la grottesca parodia dell’atto di fede richiesto al cattolico, con la differenza che i dogmi della religione sanitaria a cui è richiesto l’assenso incondizionato sono totalmente irrazionali, irragionevoli e illogici; non c’è adesione a una verità che trascende la ragione ma piuttosto a un dogma che la contraddice, dimostrando che, come tutte le false religioni, il Covid attraversa la linea nella superstizione. Chi crede nel Covid si trova così nella posizione di dover dare prova della propria sottomissione ai propri sacri ministri, anche di fronte a concetti ripugnanti per la scienza medica e il buon senso: l’uso delle maschere è obbligatorio anche se non proteggono dal contagio; il vaccino viene imposto anche se non dà immunità, i trattamenti non approvati dal sinedrio sanitario sono vietati anche se la loro efficacia è ovvia. E dovremmo aggiungere: più assurdo è l’ordine che viene dato, più il discepolo sente di essere un membro della setta proprio per l’atto stesso di obbedire.

È sconcertante che coloro che oggi abdicano alla ragione di fronte ai proclami dei virologi-pontefici dichiarino di essere “razionalisti” e convinti sostenitori della scienza contro ogni sorta di fideismo dogmatico. D’altra parte, quando le persone non credono in Dio, finiscono per credere in nulla.

  1. Alla luce del fatto che il World Economic Forum sostiene le forti politiche di lockdown attuate per il Covid, sembra che la crisi corrisponda molto bene ai loro piani e sia uno strumento utile per il Grande Reset. Vede qualche legame tra il WEF e i responsabili della crisi Covid?

Credo di essere stato uno dei primi vescovi a denunciare il legame intrinseco tra la pseudo-pandemia e le intenzioni del Grande Reset. C’è una dichiarazione molto interessante e rivelante di Pierre J. Gilbert (qui) che risale al 1995, che elenca tutti i passi che oggi vediamo svolgersi davanti ai nostri occhi con la tragica farsa del Covid, dall’inoculazione di massa con un vaccino alla creazione di campi di detenzione per dissidenti. Questo massone convertito ha rivelato gli obiettivi della famigerata setta venticinque anni fa. All’epoca, la sua denuncia fu bollata come l’assurdo sproloquio di un teorico del complotto, ma oggi si dimostra vero in tutta la sua cruda e terribile realtà, dimostrando che il piano del Grande Reset ordinato dai nemici di Dio non si limita agli aspetti meramente economici che utilizza come strumento per mantenere legato il mondo della finanza ad esso, ma che si estende all’essenza stessa della nostra vita di individui e membri della società, al fine di cancellare ogni traccia del cristianesimo. Dietro tutto questo c’è il Maligno, che oggi conta su un gruppo altamente organizzato di seguaci.

Dovremmo liberarci una volta per tutte dall’assurda narrazione dei media mainstream, secondo cui Covid-19 è un virus mortale di fronte al quale le nazioni devono organizzarsi per affrontare una pandemia di emergenza inaspettata che è difficile da contenere.

  • Prima di tutto, secondo eminenti esperti, si dice che il Covid sia il risultato di manipolazioni effettuate in un laboratorio di Wuhan;
  • In secondo luogo, questo virus, che di per sé non è letale, potrebbe essere combattuto efficacemente con farmaci esistenti e terapie poco costose, mentre l’OMS ha dato direttive erronee e fuorvianti, suggerendo protocolli con esiti devastanti, prevenendo l’assistenza dormienza e aumentando le complicazioni imponendo terapie per una sindrome respiratoria piuttosto che circolatoria.
  • Ordinò inoltre la registrazione di tutti i morti come morti a causa del Covid, indipendentemente dalla vera causa di morte, scoraggiando le autopsie e persino fino a raccomandare la cremazione dei cadaveri.

Sulla base di queste cifre gonfiate, i media hanno creato un allarme sociale, un’azione di vero terrorismo verso l’intera popolazione, imponendo chiusure ingiustificate, maschere inutili e distanziamento sociale. Al fine di rilevare la presunta positività del virus, sono stati utilizzati tamponi e test totalmente inappropriati a scopo diagnostico e che danno risultati facilmente falsificabili, come è stato riferito dal loro creatore. Infine, ha promosso l’uso di un presunto vaccino, che in realtà è un siero genetico, certamente inefficace per quanto riguarda l’immunità virale e con effetti collaterali a breve termine ampiamente dimostrati, mentre gli effetti a lungo termine sono ancora da vedere. Si tratta di un vaccino che, essendo stato prodotto per combattere un virus mutante, è destinato a dover essere periodicamente rinnovato sulla base delle “varianti” fantasma covid;” un vaccino che la scienza medica rudimentale scoraggerebbe di ricevere nel bel mezzo di una pandemia, perché potrebbe portare a forme di resistenza immunologica. In questo piano criminale, la scienza si è trasformata in esoterismo, medici in stregoni e dissidenti in eretici per essere scomunicati o sottoposti a cure mediche obbligatorie.

Gli stessi errori – ad esempio, la decisione di ospedalizzare gli anziani nelle case di cura, diffondendo così il contagio e sterminando migliaia di persone fragili, dopo aver indebolito il loro sistema immunitario – sono stati commessi in momenti diversi e in diversi contesti, anche in presenza di precedenti inequivocabili, seguendo un piano comune. È chiaro che c’è un unico copione sotto un’unica direzione, con attori che recitano la parte che è stata data loro.

Vorrei aggiungere, a nuova dimostrazione di quanto dico da un anno a questa parte, che le nazioni che non hanno applicato le misure di contenimento e i trattamenti imposti dall’OMS sono quelle che hanno riportato il minor numero di morti; e alcune nazioni che non hanno accettato i diktat delle organizzazioni mondiali hanno subito colpi di Stato, sforzi di corruzione, o sono state eliminate: mi riferisco ad esempio alla Bielorussia (qui) o alla Tanzania (qui), per citare solo due dei casi più importanti. Senza dimenticare che le statistiche ufficiali sul numero totale di decessi nel 2020 sono quasi ovunque al di sotto del numero medio degli ultimi anni: se il Covid fosse una vera pandemia, allora dovrebbero esserci numeri simili a quelli accaduti tra il 1918 e il 1920 con l’influenza spagnola.

In conclusione, il Covid è un pretesto con cui dare la parvenza di legittimità alle restrizioni alle libertà naturali e ai diritti individuali fondamentali, in modo da creare una crisi economica e sociale con cui rendere irreversibile il Grande Reset. L’attuale stato di esaurimento economico nei paesi europei – in particolare quelli della tradizione cattolica come Italia, Spagna, Portogallo, Irlanda e Polonia – li costringe a sottomettersi al ricatto dell’Unione europea e a essere spogliati da americani, cinesi, tedeschi e francesi … Multinazionali. Parallelamente allo srotolamento del tessuto economico, si è deciso di concentrare i profitti in alcune multinazionali, come Amazon, Just Eat, Ikea e altre – tra cui la grande distribuzione – che hanno beneficiato enormemente della chiusura di piccole e medie imprese e ristoranti. Per non parlare dei profitti delle case farmaceutiche, dietro i quali ci sono fondi di investimento guidati, tra gli altri, da Microsoft, Amazon e Facebook.

Un altro settore che ha beneficiato enormemente del lockdown è stato la pornografia: la multinazionale Mindgeek ha aumentato il suo fatturato, contribuendo alla corruzione di milioni di giovani e adulti costretti a rimanere a casa dall’emergenza pandemica, attraverso offerte promozionali e abbonamenti gratuiti, a seguito dei quali il numero dei suoi clienti è aumentato enormemente e di conseguenza anche il prezzo della pubblicità di terze parti. Considera che questo sito ottiene più traffico online rispetto ad Amazon, Twitter e Facebook(qui) con 3,5 miliardi di visitatori al mese(qui). Come possiamo vedere, la pandemia offre una preziosa opportunità per coloro che coltivano i vizi e le perversioni delle masse per poterle manipolare meglio.

  1. Concretamente, a quanto pare, l’Occidente ha imitato una politica di lockdown che è stata utilizzata per la prima volta dalla Cina, un paese totalitario. Questo non ci dimostra quanto noi occidentali siamo già influenzati dalla Cina? In quale altro modo possiamo spiegare perché l’Occidente imita i metodi cinesi?

La dittatura comunista cinese è sicuramente uno dei protagonisti della tragica farsa pandemica: c’è il concreto sospetto che abbia prodotto il virus, e la certezza che lo diffonda all’estero, vietando i voli nazionali ma permettendo quelli internazionali. Anche la Cina sta sicuramente approfittando della crisi economica, sulla cui scia i gruppi finanziari cinesi stanno acquisendo infrastrutture, società strategiche, hotel e immobili prestigiosi, a partire dall’Italia. Pechino è consapevole che l’istituzione del Nuovo Ordine Mondiale ottenuto attraverso il Grande Reset comporterà una “comunitarizzazione” dell’ideologia liberale, e ne approfitta per espandere il suo potere nel mondo, anche grazie alle quinte colonne che finanzia in varie nazioni: è esattamente quello che Edward Luttwak ha denunciato nei giorni scorsi dicendo che ministri e sottosegretari italiani sono al paga della Cina (qui).

  1. La sua è stata una delle prime voci che ci avvertivano che il virus Corona viene utilizzato per scopi politici. Ricordo come nelle primissime fasi, l’anno scorso a marzo, sono stata fortemente influenzata da persone come l’immunologo dottor Richard Hattchet, che ha dichiarato che “questa è la malattia più spaventosa che abbia mai incontrato in tutta la mia carriera”, ha paragonato il virus Corona alla situazione della Seconda guerra mondiale (minuto 11.45) e ha elogiato il successo e le “incredibili serie di interventi” intrapresi dai comunisti cinesi a Wuhan. Ora mi rendo conto che sta lavorando a un vaccino per questo virus ed è finanziato per questo con venti milioni di dollari dalla Bill and Melinda Gates Foundation. Questo esempio potrebbe spiegare come siamo arrivati ad accettare restrizioni così severe nella nostra vita e c’è stata davvero una collaborazione di forze diverse per spaventarci?

La Bill & Melinda Gates Foundation è tra i principali sponsor del virus e allo stesso tempo, come ho detto prima, Microsoft è il primo azionista del fondo di investimento Blackrock, che finanzia Pfizer, Moderna e Astra Zeneca. Inoltre, la Fondazione è tra i principali sponsor dell’OMS e ha ramificazioni in molte organizzazioni sanitarie nazionali e internazionali. Sappiamo che in molti discorsi Bill Gates ha teorizzato di usare la pandemia per ridurre la popolazione mondiale, e che detiene il brevetto sui sistemi di monitoraggio sanitario della popolazione, nonché un sistema di pagamento che si interfaccia con il chip di tracciamento. Dire che Gates è un filantropo è come dire che Jack lo Squartatore era un fan dell’anatomia.

Vorrei ricordare, confermando il conflitto di interessi delle istituzioni internazionali nei confronti dei loro sponsor, che Bill Gates e George Soros hanno dato circa 1,4 milioni di euro al Consiglio d’Europa tra il 2004 e il 2013 e circa 690.000 euro tra il 2006 e il 2014, realizzando “una vera privatizzazione delle organizzazioni internazionali e, quel che è peggio, dei diritti umani”(qui),come denunciato dall’avvocato francese Grégor Puppinck, direttore del Centro europeo per il diritto e la giustizia.

Lo scopo di Gates, Soros e di altri “magnati” impegnati nell’agenda globalista è la decimazione della popolazione mondiale, la schiavitù delle masse e la concentrazione del potere e della finanza nelle mani di alcuni criminali che mirano al dominio del mondo e alla preparazione della venuta dell’Anticristo. Di fronte a questo piano infernale, lo strumento del virus Covid-19 per imporre vaccini che fanno ammalare cronicamente miliardi di persone è perfettamente coerente con le loro affermazioni e con la sfortunata complicità di leader religiosi e politici di tutto il mondo, tra cui Jorge Mario Bergoglio, che, come sappiamo, ha tradito i cattolici cinesi con l’accordo di Pechino, consegnando i laici e la gerarchia nelle mani della setta scismatica agli ordini del Partito Comunista , in cambio di finanziamenti generosi.

  1. Lei ha recentemente detto in un’intervista che “il segretario generale delle Nazioni Unite ha recentemente dichiarato che il virus è stato usato per sopprimere il dissenso”. Potrebbe dirci di più su ciò che ha detto il Segretario generale?

Le dichiarazioni del segretario generale delle Nazioni Unite possono essere intese sia come un’accusa che come un avvertimento alle nazioni a non procedere con la soppressione del dissenso, nonché come un riconoscimento delle reali intenzioni dell’élite. Diciamo solo che questa affermazione conferma la prova dei fatti, soprattutto per quanto riguarda lo sforzo di imporre il passaporto vaccinale e con esso il vaccino di massa o la discriminazione nei confronti di coloro che non accettano di essere inoculati. Non escludo che questa ammissione possa servire anche da via per placare i dissidenti, facendo loro credere che l’ONU sia estranea al piano globalista.

  1. È possibile che siamo già a un punto in cui le élite globali che lavorano per un Global Reset sono effettivamente allineate con la Cina, indipendentemente dal dominio dittatoriale cinese del suo popolo?

La dittatura cinese è il paradigma di ciò che attende il mondo intero, se l’alleanza tra liberalisti e comunisti viene definitivamente suggellata. La Cina dimostra che la dittatura è l’unica forma possibile per imporre il Grande Reset alle masse, replicando in una forma adattata alla situazione attuale ciò che Mao Zedong ha fatto con la Grande Rivoluzione Culturale negli anni ’60. Ciononostante, credo che, a un certo punto, gli obiettivi del Grande Reset e gli obiettivi della Cina non coincideranno più, soprattutto quando si tratterà di abolire il debito delle nazioni da cui la Cina riscuote enormi interessi: si troverebbe privata da un giorno all’altro di una potenza economica su altre nazioni a cui non è disposta a rinunciare, a meno che non venga proposta un’alternativa altrettanto redditizia dal punto di vista finanziario e politico.

  1. Dato che abbiamo imitato le regole di lockdown della Cina, dobbiamo aspettarci che anche l’Occidente sia sempre più incline a imitare la soppressione da parte della Cina del dissenso politico e dei gruppi religiosi, in particolare cattolici e in generale cristiani?

Mi sembra chiaro, come ho appena detto, che il modello di dittatura attualmente in vigore in Cina dovrà essere applicato anche alle nazioni alle quali deve essere imposto il Grande Reset: il dissenso civile, politico e religioso non è contemplato né tollerato, soprattutto quando dimostra la grottesca cospirazione del Nuovo Ordine Mondiale contro i popoli del mondo con valide argomentazioni e prove evidenti. Le indicazioni sono già presenti da tempo in Occidente e nelle nazioni “libere”: censura spietata sui social media, totale asservimento dei media mainstream, controllo esasperato della vita degli individui, tracciamento dei movimenti e, ultimo ma non meno importante, il cosiddetto “credito sociale”, che è già stato adottato in Cina e che alcuni suggeriscono dovrebbe essere usato anche da noi.

Il credito sociale viene utilizzato per assegnare a ciascun cittadino un punteggio che ha lo scopo di indicare la propria affidabilità agli occhi dello Stato, sulla base di informazioni possedute dal governo sulla base dell’analisi dei big data riguardanti la condizione economica e sociale dei propri cittadini. In sostanza si tratta di una forma di sorveglianza di massa volta a classificare individui e aziende, con la possibilità di escludere individui e organizzazioni dalla vita sociale ogni volta che non rispettano i parametri decisi dal governo. Ogni cittadino viene ricompensato o punito sulla base del proprio comportamento. Alcuni tipi di punizione includono il divieto di volare, l’esclusione dalle scuole private, il rallentamento della connessione Internet, l’esclusione da lavori di alto prestigio, la divieto di prenotare soggiorni negli hotel e infine l’immatricolato in una lista di divieto pubblico. Se consideriamo le misure che vengono adottate grazie alla pandemia relativa al “passaporto vaccinale”, mi sembra che il modello cinese sia già in fase di attuazione quasi ovunque.

Per quanto riguarda la repressione del dissenso religioso, va notato che Bergoglio ha dimostrato di voler sostituire la Chiesa cattolica con una struttura ecumenica e globalista che preservi solo il nome o il “marchio” del Coniuge di Cristo. Non è un caso che anche negli ambienti cattolici vi sia una delegittimazione sempre più forte di coloro che non sono disposti a rinunciare alla Fede in nome della sottomissione all’ideologia dominante; e, sul fronte opposto, la Santa Sede è attenta a non condannare le dottrine eterodosse promosse da varie Conferenze Episcopali, a cominciare da quelle in Germania, Belgio e Olanda. Infatti, la base ideologica di queste dottrine – ad esempio le benedizioni delle coppie sodomitiche o l’indifferentismo religioso promosso dal cosiddetto dialogo ecumenico – si trova nel “magistero” di Bergoglio ed è coerente con l’approccio eretico iniziato dal Vaticano II, che ha avviato il processo di dissoluzione della società tradizionale che ha seguito la rivoluzione del 1968 in Europa e in America e , come dicevamo, la rivoluzione culturale in Cina.

  1. Alla luce di una possibile crescente collaborazione tra le élite globali del Grande Reset e la Cina, lavorando per una società meno libera, che cosa pensa dell’avvertimento di Nostra Signora di Fatima che, senza una corretta consacrazione della Russia, la Russia diffonderebbe i suoi errori in tutto il mondo, con il comunismo come suo principale errore?

L’incapacità di consacrare la Russia nel Cuore Immacolato di Maria portò alla diffusione del comunismo in tutto il mondo; oggi vediamo il comunismo alleato con l’altro nemico giurato del cristianesimo, il liberalismo. Questa alleanza infernale ha lo scopo di portare all’istituzione del Nuovo Ordine e all’avvento dell’Anticristo. Ma non dimentichiamo che la Madonna ha detto che, prima della persecuzione finale, il mondo godrà di un periodo di pace. Penso che il Grande Reset e il progetto satanico del Nuovo Ordine sotto la Sinarchia Massonica non siano ancora riusciti a imporsi, anche se ci siamo avvicinati molto ad esso. Spero e prego che la Provvidenza usi questa pseudo-pandemia per mostrarci il mondo distopico che ci aspetta se non torniamo a Dio, se continuiamo ad offenderlo e a violare i suoi Comandamenti, se neghiamo la divina Regalità di Nostro Signore, preferendo invece vivere sotto la tirannia del Male. Molte persone che fino a ieri erano ancora convinte della bontà del progetto globalista e della sua compatibilità con la Fede cominciano a capire quanto sia antiumano e anticristico. Forse non tutto è perduto, se sappiamo capire che non c’è pace se non dove Cristo è riconosciuto come Re: pax Christi in regno Christi. Coloro che credono di poter costruire una società prospera e pacifica senza porre le sue fondamenta sulla roccia di Nostro Signore avranno la stessa fine di coloro che volevano costruire la Torre di Babele per sfidare Dio. Dextera tua, Domine, magnificata est in fortitudine: dextera tua, Domine, percussit inimicum – La tua mano destra, o Signore, è ingrandita in forza: la tua mano destra, o Signore, ha ucciso il nemico (Es 15:6).

  1. Cosa possiamo fare noi cattolici per fermare un processo così spaventoso in tutto il mondo e ripristinare le nostre libertà costituzionali che sono state ingerite e limitate in nome di una crisi sanitaria?

La violazione delle “libertà costituzionali” è solo un aspetto del problema: prima di questo c’è la violazione della Legge di Dio, in nome della quale l’aborto, l’eutanasia, la sodomia e le peggiori perversioni sono chiamati “diritti”, mentre in realtà rappresentano una sfida alla Maestà di Dio. Ricordiamolo bene: Deus non irridetur – Dio non va deriso (Gal 6,7) – non si può giocare con Dio, figuriamoci sfidarlo. Per fermare questa corsa infernale verso l’abisso abbiamo un’unica soluzione: cambiare la nostra vita convertendosi radicalmente; evangelizzare coloro che non credono con la parola e con l’esempio; pregare il Signore chiedendogli di far tornare la Gerarchia della Chiesa ad essere testimone di Cristo e non schiava del mondo; invocare la Santissima Vergine, chiedendole di concederci un Papa santo e timorato di Dio, che si porterà come nuovo profeta in questo Ninive che è il mondo moderno, ammonendo i potenti della terra come Giovanni Paolo II sapeva ancora fare su temi fondamentali come il rispetto della vita dal concepimento alla morte naturale o alla famiglia.

Smettiamola di credere che possiamo fare a meno di Dio, pensando che sia sufficiente seguire qualsiasi credo che ci piace per essere salvati, o che l’Unico e Trino Dio che si è rivelato a noi e che ha sacrificato il Suo Figlio unigenito per la nostra salvezza possa essere posto sullo stesso livello degli idoli falsi e bugiardi, a cominciare dalla maledetta pachamama.

Cerchiamo piuttosto di far regnare Cristo soprattutto nei nostri cuori e, di conseguenza, nelle nostre famiglie, perché regni anche nelle nostre società. Se sappiamo essere il sale della terra (Mt 5,13) per la restaurazione del Regno di Nostro Signore, la società non può che beneficiarne; se invece andiamo d’accordo con il piano infernale del Grande Reset in nome di un’impossibile fratellanza tra Il Bene e il Male, saremo inesorabilmente destinati alla condanna di essere calpestati dagli uomini(ibid.), insieme ai nemici di Dio.

+ Carlo Maria Viganò, arcivescovo

9 aprile 2021
Feria VI infra Octavam Paschae

 

I miei ultimi libri