Bergoglio, il suo vero problema, la sua strategia

di The Wanderer

Se non fosse tragico e doloroso, lo spettacolo sarebbe divertente. Un nuovo capitolo de Il Padrino, interpretato questa volta da un argentino e diretto non sappiamo bene da chi. Cominciamo.

In questi giorni siamo tutti ragionevolmente preoccupati per la possibilità che Papa Francesco limiti il ​​motu proprio Summorum Pontificum. Ripeto ancora una volta quello che ho detto tante volte in questa pagina: Bergoglio non capisce la liturgia, e perché non la capisce non gli interessa affatto. Per la sua formazione e la costituzione del suo intelletto, è incapace di percepire la dimensione soprannaturale della Chiesa e il mysterium tremendum et fascinans che esprime il culto liturgico. Per lui la Chiesa è solo un fattore di potere destinato, nel migliore dei casi, a mantenere un certo ordine sociale per avanzare verso una fratellanza umana più o meno universale, tutto questo, naturalmente, ad maiorem Dei gloriam. La liturgia, di conseguenza, è un lusso decadente e inutile; una ingiustificata perdita di tempo. E non è una novità da parte sua: così ha sempre pensato buona parte della Compagnia di Gesù, e come prova rimando i lettori all’interessantissima discussione su questo argomento tra il benedettino Festiguére e il gesuita Navatel nel 1913, che abbiamo già commentato in questo blog.

Di conseguenza, Bergoglio non riesce a capire che alcuni giovani —sacerdoti o laici—, o che intere famiglie possano provare gusto per le incomprensibili e lunghe cerimonie latine. È un’anomalia; devono essere, necessariamente, persone malate, o rigide, o semipelagiane, ma non sono certo persone normali. Semmai, questa è l’obiezione che papa Francesco muove ai tradizionalisti; non c’è sostanzialmente nessuna questione di allineamento teologico o ideologico verso Bugnini. Ed è per questo che, durante tutto il suo pontificato, non li ha disturbati; piuttosto il contrario, se prendiamo come esempio il caso della FSSPX.

Quando il cardinale Braz de Aviz ha detto qualche settimana fa che Francesco era preoccupato perché vedeva che molti sacerdoti e religiosi stavano tornando alle posizioni anteriori al Vaticano II, ha detto quello che lo stesso Francesco gli ha chiesto di dire semplicemente pour la galerie (o qualcuno può pensare che il porporato abbia commesso un’infedeltà?), per tirare un altro scarno ossicino ai progressisti, soprattutto ai tedeschi, che sono il suo vero problema (e abbiamo già parlato dell’usanza di Bergoglio di tirare gli ossi per calmare le belve). O qualcuno pensa seriamente che gli amanti della tradizione siano un problema per Bergoglio? Siamo insignificanti, che ci piaccia o no. Quando la settimana scorsa il mondo tradizionalista ha annunciato che stava preparando la resistenza alla modifica del Summorum Pontificum e percepiva che “il tradizionalisti mordono”, decisi, ovviamente, che sarei stato il primo a presentarmi e che lo avrei fatto con entusiasmo, ma siamo realisti: in cosa consisterebbe tale resistenza? Temo che si tratti solo di alcuni fuochi d’artificio lanciati da blog e pagine simili, e poco altro. La nostra potenza di fuoco è nulla, e meno di zero. Cartucce a salve, a esser generosi.

Come ho scritto la scorsa settimana, nella peggiore delle ipotesi, e se il motu proprio fosse finalmente limitato nel modo in cui è trapelato (consiglio in particolare l’articolo della sempre informata Diane Montagna), la situazione non cambierebbe assolutamente: gli istituti religiosi che celebrano la liturgia tradizionale non verrebbero toccati, e si richiederebbe solo che i sacerdoti del clero che vogliono celebrare pubblicamente la messa tradizionale abbiano il permesso del loro vescovo, cosa che di fatto già avviene. Vorrei sapere quanti sacerdoti hanno osato celebrare senza il preventivo assenso del loro Ordinario. Perché la verità è che su questo punto il motu proprio ha fallito: l’autorità esecutiva era l’ex Commissione Ecclesia Dei, ma non aveva alcun potere coercitivo per far rispettare la norma. Al massimo poteva inviare una nota al vescovo contrario alla celebrazione del rito tradizionale, ma nulla di più. Il potere di autorizzare o meno il rito tradizionale, infatti, è sempre stato in capo al vescovo diocesano.

Come ho detto sopra, il vero problema di Bergoglio sono i vescovi tedeschi progressisti. Hanno guidato la mafia che lo ha portato al potere —confessione fatta dallo stesso cardinale Daneels— e quando hanno voluto riscuotere il debito (sacerdozio femminile, matrimonio omosessuale e tanto altro che già sappiamo), si sono resi conto che Bergoglio, come l’Argentina, non paga i suoi debiti. Pertanto, hanno deciso di riscuoterlo da soli, e per questo hanno allestito il famoso “cammino sinodale della chiesa tedesca”. Come dicono i gauchos, hanno bagnato l’orecchio di Bergoglio [provocare un’azione di lotta, un atto di sfida bagnando un dito con la saliva e toccando con esso l’orecchio dell’avversario, ndt], e lui ha reagito. E insisto: se non fosse in gioco la Chiesa, sarebbe uno spettacolo molto divertente.

Vediamo alcune delle cose successe nell’ultima settimana.

È stata pubblicata la riforma del Codice di Diritto canonico, nel quale si inserisce il canone 1379: “§ 3. Tum qui sacrum ordinem mulieri conferre attentaverit, tum mulier quae sacrum ordinem recipere attentaverit, in excommunicationem latae sententiae Sedi Apostolicae reservatam incurrit; clericus praeterea dimissione e statu clericali puniri potest”. In altre parole, se un vescovo conferisce il sacramento dell’ordine —compreso il diaconato— a una donna, sono scomunicati entrambi e lui può essere dimesso dallo stato clericale. È la pena più pesante che la Chiesa possa infliggere. E questa è stata una decisione indiscutibile di Bergoglio, e i destinatari sono più che chiari: i vescovi tedeschi, che sono gli unici ad aver giocherellato con l’ordinazione di diaconesse, prima in Amazzonia e poi nel proprio paese. Ed è sufficiente vedere quanto sono diventate furiose le persone colpite.

Il 4 maggio il quotidiano bavarese Augsburger Allgemeine ha pubblicato una notizia che è passata inosservata (un riassunto in spagnolo si può leggere qui). Nel 2006, quando l’attuale cardinale Marx era vescovo di Treviri, ha insabbiato le accuse di pedofilia di un sacerdote, che poche settimane fa è stato finalmente condannato dai tribunali tedeschi. E nell’insabbiamento sono coinvolti anche mons. Bätzing, presidente della Conferenza episcopale tedesca, e mons. Ackermann, l’attuale vescovo di Treviri. Curiosamente, qualche giorno fa, Marx si è dimesso dalla sua sede episcopale e non sarebbe strano se i due vescovi rimasti facessero lo stesso nei prossimi giorni, come suggerito nella nota dal canonista Thomas Schüller, ed è più che probabile che lo faccia anche il cardinale Woelki, arcivescovo di Colonia, alla cui arcidiocesi è stata inviata una visita apostolica dieci giorni fa per ordine di papa Francesco.

Sarà un caso che questo vaso di pandora si scoperchi in Germania proprio in questi giorni di cammino sinodale?

È possibile, ma mi sembra più possibile che sia stata una mossa magistrale di Bergoglio, che in poche settimane può fare piazza pulita di tutta la leadership della chiesa tedesca, riducendo a zero i suoi veri nemici, e trasformando il percorso sinodale in una semplice traccia o appena in un’impronta. Una strategia tipica di don Vito Corleone o, almeno, di un politico argentino che ha imparato bene le lezioni del suo maestro: il generale Juan Domingo Perón.

Fonte: http://caminante-wanderer.blogspot.com/2021/06/el-padrino-argentino.html

Traduzione di Valentina Lazzari

* * * * *

Cari amici di Duc in altum, è disponibile il mio nuovo libro: La trave e la pagliuzza. Essere cattolici “hic et nunc” (Chorabooks).

Uno sguardo sulla situazione della Chiesa cattolica e della fede. Senza evitare gli aspetti più controversi e tenendo conto dell’orizzonte dei nostri giorni, segnato dalla vicenda del Covid. Un diario di viaggio in una realtà caratterizzata da profonde divisioni, ma con la volontà di costruire, non di distruggere. E sapendo che il processo di conversione riguarda tutti, a partire da se stessi.

Il volume prende in esame questioni disparate (dal Concilio Vaticano II al pontificato di Francesco, dalla vita spirituale in regime di lockdown alle vicende vaticane, dal great reset alle questioni bioetiche) ma con un filo conduttore: l’amore per la Chiesa e la Tradizione, unito a una denuncia chiara sia delle derive moderniste sia delle nuove forme di dispotismo che limitano o negano le libertà fondamentali.

* * * * *

Sei un lettore di Duc in altum? Ti piace questo blog? Pensi che sia utile? Se vuoi sostenerlo, puoi fare una donazione utilizzando questo IBAN:

IT65V0200805261000400192457

BIC/SWIFT  UNCRITM1B80

Beneficiario: Aldo Maria Valli

Causale: donazione volontaria per blog Duc in altum

Grazie!

I miei ultimi libri