X

Non un cuore, ma un tubo primitivo di cellule cardiache. Le vergognose contorsioni linguistiche degli abortisti per dire no alla legge sul battito cardiaco

di Jonathan Liedl 

Quando un battito cardiaco non è un battito cardiaco? Apparentemente, quando è rilevabile all’interno di un bambino non ancora nato e rappresenta una minaccia per la legalità della maggior parte degli aborti.

Questa è la conclusione a cui porta un recente articolo del New York Times che ha tentato di minare la logica delle leggi sul battito cardiaco, come quella approvata di recente in Texas, che vieta la maggior parte degli aborti dopo il rilevamento di un battito cardiaco fetale, in genere dopo sei settimane di gestazione .

Intitolato Gli oppositori dell’aborto sentono un “battito cardiaco”. La maggior parte degli esperti sente qualcos’altro, l’articolo fa una serie di affermazioni che rivelano le manipolazioni linguistiche in cui i sostenitori dell’accesso all’aborto sono disposti a impegnarsi più di qualsiasi altra cosa oggettivamente scientifica.

L’affermazione centrale dell’articolo è che l’attività cardiaca rilevata a sei settimane di gravidanza non proviene da un “cuore”, ma da qualcos’altro, “un tubo primitivo di cellule cardiache che emette impulsi e pompa il sangue”.

“Molti futuri genitori sono commossi da [questi] suoni durante un’ecografia” scrive l’autrice, Roni Caryn Rabin, “ma ciò che la legge definisce il suono di un battito cardiaco non è considerato dagli esperti medici come proveniente da un cuore sviluppato, che si forma più tardi durante la gravidanza”.

Non importa che il cosiddetto “tubo di cellule cardiache” stia facendo ciò per cui il cuore esiste – ovvero pompare il sangue – in qualsiasi fase dello sviluppo e che i medici possano misurare l’aumento della “frequenza cardiaca” (parola loro, non nostra) fin dalla quinta o sesta settimana di gestazione. Non importa che, anche se forse non completamente sviluppato a sei settimane, l’organo distintivo in questione sia esattamente lo stesso che ogni persona ragionevole identifica come il cuore in qualsiasi fase successiva dello sviluppo, qualcosa che nemmeno l’autrice può fare a meno di notare quando dice che “il cuore è uno dei primi organi a iniziare a svilupparsi” a causa della sua importanza nello sviluppo continuo del feto nel suo insieme, ma lei lo nota solo per riaffermare che questo cuore in via di sviluppo è un “tubo di cellule che diventerà un cuore”.

(Non si sa se il Times scriverà un pezzo su come il cervello umano non sia realmente un cervello fino ai venticinque anni, prima dei quali gli scienziati non lo considerano “completamente sviluppato”).

E non importa che il “tubo cardiaco” raggiunga lo stato di cuore “completamente formato”, su cui l’articolo insiste, in genere solo una settimana dopo, rendendo l’argomento del Times semplicemente un gioco semantico senza principi.

Come mai? Perché un “cuore ancora in via di sviluppo sebbene già operativo” non si presta al risultato che il Times cerca: minare la credibilità delle leggi sul battito cardiaco fetale. Ed è così che salta fuori il linguaggio assolutamente fuorviante e distorto del “tubo primitivo di cellule cardiache”.

“La distorsione dell’aborto è potente”, ha twittato il noto bioeticista cattolico Charles Camosy, in risposta all’articolo. “Tra le altre cose, fa sì che persone altrimenti orientate alla scienza scrivano cose come questa. [Rabin] avrebbe potuto semplicemente pubblicare la figura di un cuore a quattro camere a sette settimane tratta da un libro di testo di embriologia, ma la distorsione dell’aborto rende tali fatti inammissibili”.

L’articolo sorvola su molti altri fatti rilevanti. Ad esempio, Rabin osserva che il rilevamento di un battito cardiaco fetale non garantisce che “il parto di un essere vivo sia in arrivo”, affermando che ciò mina la logica della legge del Texas. Ma il Fetal Heartbeat Act non offre garanzie così radicali. La legge dice semplicemente che “il battito cardiaco fetale è diventato un indicatore medico chiave del fatto che un bambino non ancora nato raggiungerà la nascita in vita”, un fatto oggettivo supportato da studi scientifici. E poiché lo Stato del Texas mostra un interesse irresistibile “fin dall’inizio della gravidanza di una donna nel proteggere la salute della donna e la vita del nascituro”, il rilevamento di un battito cardiaco fetale è un motivo convincente per limitare l’accesso all’aborto.

L’ articolo del New York Times fa anche la strana affermazione che “il suono che le future mamme sentono durante un’ecografia è creato dalla macchina stessa, che traduce le onde di attività elettrica in qualcosa di udibile”, come se il suono prodotto dalla macchina fosse completamente disconnesso dal sangue pompato dal cuore del feto, un’attività ritmica comunemente chiamata “battito cardiaco”, indipendentemente dal fatto che produca o meno un suono che possiamo sentire.

“Questa obiezione è piuttosto strana”, ha twittato l’autrice cattolica Leah Libresco. “Sì, il battito cardiaco Doppler è il risultato dell’utilizzo di onde sonore acute per monitorare il flusso sanguigno e produrre un suono che puoi sentire. [Ma] secondo la stessa logica, un’immagine ecografica non è ‘reale’ perché traduce le onde sonore in una rappresentazione visiva”.

Circa la pratica “ingannevole” di riferirsi all’attività del “tubo cardiaco” come a un “battito cardiaco”, il Times tenta di addossare parte della colpa ai medici che sacrificano la scienza per il gusto di giocare con l’entusiasmo dei genitori in attesa del loro figlio in via di sviluppo.

“La parola si è insinuata persino nella letteratura medica”, avverte Rabin, travisando completamente il fatto che il “battito cardiaco fetale” viene ridefinito come “attività elettrica fetale” per una spinta politicamente motivata che si intromette nel linguaggio medico già consolidato.

Il giornalista ebreo Noah Baum ha sottolineato questo punto quando ha twittato: “Per divertirti, cerca su Google ‘attività cardiaca’ e guarda cosa viene fuori”.

Che cosa viene fuori? Prima di tutto uno studio del National Center for Biotechnology Information, che conclude che “l’attività cardiaca è presente negli embrioni normali prima che possa essere rilevata dagli ultrasuoni”.

I commentatori cattolici hanno sottolineato l’assurdità dei contorsionismi linguistici e le chiare motivazioni dietro di essi.

“Il [New York Times] sta davvero dando il meglio di sé”, ha twittato Dennis Poust, direttore esecutivo della Conferenza cattolica di New York. È stato proprio Poust a portare la storia all’attenzione di Catholic Twitter, ritwittandola con la battuta: “Un momento davvero speciale per i genitori in attesa è quando per la prima volta il dottore dice: ‘E ora vediamo se riusciamo a sentire l’attività elettrica cardiaca”.

“Tutti dicono ‘battito cardiaco’, a meno che non pensino che potresti volerlo fermare”, ha detto Libresco. “Proprio come tutti dicono ‘bambino’ a meno che non pensino che tu non voglia o non potrai incontrare il bambino”.

Camosy, andando al cuore della questione, ha detto: “Ritengo che per loro il tentativo di controllare le narrazioni sull’aborto sia molto più importante dell’avere un punto di vista coerente. La narrazione creata attirando l’attenzione sull’effettiva biologia di un bambino prenatale, soprattutto così presto nella sua vita, richiede una contro-narrativa”.

In altre parole, ai sostenitori dell’accesso all’aborto non interessa davvero quando possiamo dire con accuratezza scientifica che un bambino non ancora nato ha un “battito cardiaco”. Quello che gli interessa è mantenere l’aborto disponibile a tutti i costi e minare qualsiasi dissenso. Per questo sono disposti a piegare qualsiasi cosa, compresi il linguaggio e i fatti scientifici consolidati, verso quel fine.

Quindi sì, seguiamo la scienza. Ma teniamo presente che nella lotta per la giustizia prenatale, così come in tutta una serie di altri contesti in cui scienza e questioni sociali si intersecano, potenti forze stanno tentando di forzare le scoperte scientifiche e il linguaggio che usiamo per descriverle al fine di sostenere le loro preferenze e raggiungere conclusioni predeterminate.

Fonte: ncregister.com

 

Aldo Maria Valli:
Post Correlati
Loading