Da dove nasce la resistenza ucraina? Dal ricordo dell’Holodomor

di Clarice Feldman

americanthinker.com

Le notizie dai campi di battaglia in Ucraina sono incerte e non possono essere sempre confermate, ma alcuni resoconti credibili indicano che Putin potrebbe aver commesso un errore e deve affrontare una difesa più forte di quanto lui (o l’amministrazione Biden) immaginasse possibile. Quello che vediamo è il coraggio di un ex comico eletto presidente ucraino e di un ex campione di pugilato multimilionario, ora sindaco di Kiev, che ha rifiutato la fuga ed è rimasto a difendere la propria patria rischiando la vita. Ma a mio avviso il ricordo dell’Holodomor [la carestia che si abbatté sul territorio dell’Ucraina dal 1932 al 1933, N.d.T.] in cui Stalin fece morire di fame milioni di ucraini ha un ruolo ancora più importante e spiega perché così tanti cittadini comuni stanno prendendo le armi, fabbricandone di improvvisate e usando ogni mezzo a loro disposizione per trasformare l’attacco di Putin in una rissa sulle sabbie mobili.

Lo spirito degli ucraini 

Il presidente Volodymyr Zelensky, al quale gli Usa hanno offerto una via d’uscita (e gli hanno impedito di negoziare direttamente con Putin), ha dichiarato: “La lotta è qui. Ho bisogno di munizioni, non di un passaggio”. È rimasto anche se è ben consapevole del piano russo di decapitare la sua leadership. Certamente, sa che questo è il piano, la stessa tattica usata dalla Russia in Ungheria nel 1956 e in Cecoslovacchia nel 1968. In effetti, è stato riferito che Putin aveva inviato truppe dalla Cecenia con carte da gioco raffiguranti i massimi leader ucraini con l’ordine di ucciderli.

Il coraggio e lo spirito di Zelensky non sono unici. Un marine ucraino si è sacrificato per far saltare in aria un ponte e rallentare l’avanzata delle truppe russe. Una donna si è avvicinata a un soldato russo e gli ha offerto semi di girasole, dicendo che quando sarebbe stato ucciso i semi sarebbero germogliati per segnare il suo luogo di eterno riposo.

Si sta facendo di tutto per mobilitare la popolazione civile, anche aprendo depositi di armi e distribuendole per la difesa.

Mentre le forze russe avanzano su Kiev, la capitale dell’Ucraina, le persone in tutto il paese vengono esortate dai funzionari – e talvolta costrette dalla necessità – a reagire in tutti i modi possibili.

L’ex presidente del Paese sta pattugliando le strade della città con una forza di difesa civile, armato di un fucile d’assalto AK-47. I civili sono stati chiamati a prendere le armi e a costruire molotov, un tipo di bomba rudimentale fatta in casa che prende il nome, beffardamente, da un ex ministro degli esteri sovietico.

Secondo il governo, nella regione di Kiev sono già state distribuite circa 18 mila armi. Ai confini del Paese le guardie ucraine fermano i veicoli alla ricerca di uomini di età compresa tra i 18 ei 60 anni che possano aiutare nella lotta.

In effetti, quasi chiunque voglia combattere per l’Ucraina è il benvenuto. “Se hai esperienza di combattimento in Europa, vieni nel nostro paese e difendi l’Europa insieme a noi”, ha dichiarato venerdì il presidente Volodymyr Zelensky in una disperata dichiarazione video.

Oleksandr Usyk, un ex campione dei pesi massimi, ha risposto alla richiesta e ha lasciato la sua confortevole casa nel Regno Unito per unirsi alla lotta.

Il multimilionario ed ex campione di boxe dei pesi massimi Vitali Klitschko (ora sindaco della capitale Kiev) e suo fratello Wladimir hanno pubblicamente preso le armi.

Dmytro Kuleba, il ministro degli Esteri del Paese, ha risposto all’appello alla resa dicendo a Putin di “andare all’inferno”.

Ci sono rapporti credibili (che la propaganda russa sta contestando in ritardo) secondo cui tredici guardie ucraine sull’isola dei serpenti nel Mar Nero hanno detto agli aggressori di “andare a farsi fottere” prima che gli sparassero e l’isola fosse invasa.

Le forze armate sembrano condividere il diffuso sentimento dei leader. In questo sito potete vedere un video di un tenente delle forze armate che chiarisce questa ostinata sfida: «Sono un tenente delle forze armate ucraine, comandante di compagnia. Ed ecco i miei guerrieri. Non abbiamo paura, non siamo nel panico. Non deponiamo le armi e non soccomberemo a nessun tiranno. Non permetteremo a nessun assassino di imporci la sua volontà. Non cederemo loro un millimetro della nostra terra. Forse questa è la nostra ultima registrazione. Non so se sono stato una persona buona o cattiva, o cosa dirà Dio. Ma so di essere un buon cittadino e un buon soldato. Sono il protettore della mia patria. Il garante della sua pace, il suo scudo e la sua spada in tempo di guerra. Tu che vieni qui, chiunque tu sia, qualunque cosa tu sia, tu che invadi la nostra casa, esci dalla nostra terra! Ti combatteremo fino all’ultimo proiettile. E quando saranno finiti, ti combatteremo a mani nude. Vi combatteremo sulla terra, nell’acqua, nel sottosuolo e nell’aria. Nessuno di voi uscirà vivo da qui. Morirete tutti e la nostra terra sarà libera. Gloria all’Ucraina. Gloria agli eroi”.

I leader della Chiesa ortodossa ucraina del Patriarcato di Mosca hanno denunciato l’invasione e hanno esortato gli ucraini a sostenere il governo di Kiev. Una rara deviazione dalla politica di Mosca.

I difensori ucraini sono supportati dalla vicina Polonia che ha portato camion carichi di munizioni alle forze ucraine. La Germania ha attivato gli aiuti militari e i Paesi Bassi hanno autorizzato l’invio all’Ucraina di quattrocento lanciagranate a razzo.

La difesa rallenta l’invasione

Il ministro degli Esteri ucraino ha deriso Putin: “Oggi il Cremlino ha contato il numero di aerei ed elicotteri abbattuti, il numero di carri armati bruciati e veicoli corazzati per il trasporto di personale, e ha visto quanti razzisti russi eliminavano i nostri soldati ogni giorno”.

Il vice ministro della Difesa ucraino ha affermato che circa 2.800 soldati russi sono stati uccisi nelle prime trentasei ore dell’invasione. Cinquecento veicoli corazzati, dieci aerei e sette elicotteri sarebbero stati distrutti. (Come  osserva Epoch Times , “se questi dati fossero confermati, significherebbe che la Russia ha subito più perdite in meno di 48 ore rispetto ai soldati statunitensi durante i vent’anni di invasione dell’Afghanistan”). Secondo diversi rapporti, al seguito delle truppe russe si sono crematori mobili, per mantenere segreto il numero delle vittime.

Venerdì scorso i funzionari statunitensi hanno ammesso che la difesa ucraina è stata più forte di quanto avessero previsto e che la spinta russa verso Kiev era stata rallentata.

Sabato il Daily Mail ha riferito che le truppe ucraine hanno cancellato un convoglio nemico. Inoltre, hanno abbattuto due aerei da trasporto militari che avrebbero trasportato trecento paracadutisti, un jet da combattimento e un elicottero. Putin sta spendendo quindici miliardi di sterline al giorno per l’invasione e, sebbene possa suonare iperbolico, l’ex capo della difesa estone dice che se Kiev può resistere per dieci giorni, la Russia rimarrà senza soldi e armi.

Di fronte a una difesa così feroce e diffusa, l’atto impetuoso di Putin sarà la sua rovina? Forse no, ma in contrasto con quella che sembra essere una difesa ucraina molto unitaria, un numero significativo di russi sta dimostrando coraggiosamente contro l’invasione.

Video e rapporti pubblicati online mostrano manifestanti che nelle strade di cinquanta città russe protestano nonostante la minaccia di essere accusati di tradimento.

Colpisce il grande attaccamento al paese e il coraggio delle forze militari, politiche e civili ucraine. Dopotutto, l’Ucraina ha molti più cittadini di quanti soldati Putin possa inviare e mantenere lì. Nel mio cuore penso che sia qualcosa di più del semplice nazionalismo e dell’amore per la patria. Il ricordo di una Russia che ha fatto morire di fame milioni di ucraini nell’Holodomor è qualcosa che mette molta grinta nella lotta per rimanere liberi.

Fonte: americanthinker.it

Nella foto, un riservista dell’esercito ucraino si esercita (Ansa EPA/Sergey Dolzhenko)

I miei ultimi libri