“Care sorelle d’Italia, ecco perché state sbagliando”

Cari amici di Duc in altum, come sapete, qualche giorno fa un buon numero di monasteri di clarisse e carmelitane scalze ha fatto pervenire una lettera aperta al presidente della Repubblica e al presidente del Consiglio. Pubblicata da Avvenire, la lettera intende “dare voce ai nostri fratelli e sorelle migranti che scappano da guerre, persecuzioni e carestie” e vi si legge fra l’altro: “Molti monasteri italiani, appartenenti ai vari ordini, si stanno interrogando su come contribuire concretamente all’accoglienza dei rifugiati, affiancando le istituzioni diocesane. Alcuni già stanno offrendo spazi e aiuti. E, al tempo stesso, tutte noi cerchiamo di essere in ascolto della nostra gente per capirne le sofferenze e le paure”.

L’iniziativa di queste monache non ha però raccolto unanime consenso tra le consacrate. Ne è testimonianza il contributo che ho ricevuto e che propongo alla vostra attenzione. L’ha scritto una eremita che si dice “profondamente addolorata” a causa dell’iniziativa delle monache, alla quale, da parte mia,  ho accennato due giorni fa.

A.M.V.

***

Un appello ideologizzato

Caro Valli, sono una eremita professa di spiritualità carmelitana, e sono rimasta profondamente addolorata leggendo la lettera aperta sottoscritta da alcuni monasteri di claustrali.

Non penso che tutte le sorelle sappiano bene di che cosa si stia parlando, e spero che non sia stata carpita la loro buona fede e ingenuità.

Questo appello, fortemente ideologizzato, ha in Avvenire una sponda altrettanto di parte. Basta leggere nel titolo quel “sorelle d’Italia”, che ha un evidente riferimento al partito politico, e si capisce come la maggior parte delle monache siano state strumentalizzate in chiave di opposizione e non di comunione.

Il testo è oltremodo penoso e dimostra come il fumo di Satana sia penetrato anche dietro le grate (per chi le ha ancora) dei monasteri di clausura, sotto forma di confusione e disinformazione.

Il fatto poi di presentarsi prima di tutto come donne, e solo dopo come figlie di Dio, la dice lunga sul cambio di visuale, da soprannaturale a meramente materiale e sociologica.

Nella lettera ci si chiede come delle monache possano intervenire in questa situazione e l’unica risposta che viene loro in mente è un’attività da assistenti sociali.

Si sono dimenticate della potenza della preghiera di intercessione e del rapporto di unione con Dio, che sono la vera ricchezza dei contemplativi e che possono cambiare il corso della storia.

Quando si perdono la fede teologale e le proprie radici il risultato sono questi tristi “appelli”, così ben strumentalizzati da chi non aspetta altro.

Probabilmente le monache che hanno partorito questa iniziativa non conoscono gli inviti che i vescovi africani continuano a fare ai migranti (non profughi, che sono altra cosa) perché restino nei loro paesi e non si facciano adescare da promesse di una vita facile e benestante, che non esiste.

Non sanno – forse – nulla del traffico di esseri umani che è una tragedia che grida vendetta al cospetto di Dio, e che vede le varie Ong in primo piano come becchini ben remunerati, ma si rifugiano in un buonismo tanto triste quanto ignorante.

Care sorelle in Cristo, ritornate da Emmaus a Gerusalemme, dalla mondanità alla vostra vocazione, allora sì che salverete il mondo.

Caro Valli, la ringrazio per tutto quello che scrive e che serve a dar voce a chi – mediaticamente – non ce l’ha.

In Gesù

Giovanna di Maria Madre della Divina Grazia, eremita diocesana

I miei ultimi libri