Kipchoge, maratoneta di Dio

Si chiama Eliud Kipchoge, è keniano ed è la prima persona al mondo ad aver corso una maratona (quarantadue chilometri e duecento metri) in meno di due ore, portando a termine l’impresa in un’ora, cinquantanove minuti e quaranta secondi.

Ma ciò che pochi hanno notato è che alcuni istanti dopo aver terminato la corsa, lontano dai riflettori, Kipchoge ha fatto ciò che fa dopo ogni gara: si è inginocchiato, ha portato la fronte fino a terra, si è fatto il segno della croce e ha ringraziato Dio.

Nella sua città natale, i suoi amici e parenti ne sono convinti: se Eliud è un atleta così eccezionale è perché ha una profonda fede cattolica.

Un cugino di Kipchoge, padre Kennedy Kipchumba, ha riferito che l’impresa di Eliud è stata vissuta da tutti come un momento di gioia, con la consapevolezza che Dio mantiene le sue promesse.

“Facevo parte delle quasi tremila persone che stavano seguendo la gara da un grande schermo e con tutti loro alla fine ci siamo inchinati davanti a Dio per ringraziarlo per tutto ciò che ci ha offerto”, ha spiegato il religioso.

E dopo l’impresa di Eliud, sapete che cosa hanno fatto i suoi familiari? Sono andati a una Messa di ringraziamento.

“Tutti sono venuti in Chiesa, una piccola cappella, San Pietro Kapsisiwa, per dire grazie a Dio. Sì, abbiamo celebrato la Messa per ringraziare. C’era tutta la famiglia, ma anche la comunità parrocchiale”, racconta padre Benjamin Oroiyo.

Kipchoge, trentaquattro anni, è cresciuto qui, nel piccolo villaggio di Kapsisiwa, a circa trecentosettanta chilometri dalla capitale del Kenya, Nairobi. La zona è un altopiano di dolci colline verdi, dove Eliud ha iniziato a correre da bambino.

La madre di Kipchoge, Janeth Rotich, è considerata la prima sostenitrice morale e spirituale di suo figlio. “Mi sveglio ogni giorno alle tre del mattino per pregare per mio figlio. Prego il rosario”, ha detto ai giornalisti locali.

Kipchoge a causa dell’impresa in cui è stato impegnato a Vienna (e che non sarà omologata come record del mondo perché l’atleta si è servito di alcuni accorgimenti tecnici che normalmente non si possono usare) non ha potuto essere in paese per la festa della Madonna del Rosario, ma prima di partire ha partecipato a una Messa a Nairobi, durante la quale sono state recitate preghiere per lui.

“Eliud è un esempio per i giovani e un uomo umile; grazie a lui i giovani scoprono che i loro sogni possono essere realizzati da Dio”, ha detto il cappellano dell’Università St Paul di Nairobi.

Durante la Messa, il celebrante ha chiesto a Dio, alla Vergine Maria e a tutti i santi di spingere e sostenere Eliud, e il risultato finale parla chiaro: “La nostra preghiera è stata esaudita”, ha detto il cappellano.

In Kenya molti fedeli hanno interpretato il successo di Kipchoge come un segno divino nel contesto del Mese missionario straordinario, il cui tema è Battezzato e inviato. Ha detto un altro religioso, padre Samuel Nyattaya: “Eliud Kipchoge, battezzato e inviato! Ho visto sua madre con un rosario bianco al collo. Questo è il modo in cui viene tramandata la fede! Una grande testimonianza”.

A.M.V.

I miei ultimi libri