Anche a Paperopoli arriva la cultura LGBTQ+

Notizia. La cultura LBGTQ+ (lesbiche, gay, bisessuali, transgender, queer, intersessuali…) approderà presto  a Paperopoli!

Leggiamo infatti: «Nella terza stagione di DuckTales la prima coppia di paperi LBGTQ+ della storia».

Di che si tratta?

Le cose sonio andate così. Dopo che la nuova stagione di DuckTales «ha fatto parlare molto di sé per l’incredibile coraggio mostrato all’interno della serie: dall’introduzione di Della Duck, sorella gemella di Paperino e madre di Qui, Quo e Qua, all’introduzione di personaggi appartenenti ad altre etnie e con disabilità, fino a raccontare dell’abuso su minori e la psicoterapia per il controllo e la gestione della rabbia», i tempi sono maturi per la svolta: «Verrà infatti introdotta la prima coppia di paperi LBGTQ+ della storia».

A raccontarlo è lo sceneggiatore Francisco Frank Angones, che svela anche l’identità della coppia: «Nella terza stagione incontreremo i genitori di Violet, due adorabili papà contentissimi di aver adottato Lena e aver dato lei una famiglia».

Nonostante si tratti in assoluto della «prima rappresentazione gay di sempre nella mitologia dei paperi», lo sceneggiatore Angones, che è anche produttore esecutivo della serie, non è del tutto soddisfatto del risultato: «Vorrei essere molto schietto e onesto a riguardo: faremo la conoscenza dei papà di Violet, ma ad oggi non giocheranno un ruolo importante nella storia. Esattamente come facciamo per tutti i nostri personaggi, anche per Violet abbiamo creato un background: abbiamo pensato fosse un’idea divertente darle due padri costantemente entusiasti ed eccessivamente supportivi, che semplicemente adorano essere dei papà. Ma non abbiamo costruito su di loro una vera e propria storia, quando abbiamo scritto una puntata incentrata su Qui e Violet alle prese con una situazione particolare, allora avrebbe avuto senso portarli in scena».

«Resto perfettamente consapevole – dice ancora lo sceneggiatore – che la rappresentazione queer attraverso genitori e personaggi di contorno sia un problema, ma il fatto è che le principali storyline amorose presenti nella serie hanno un retaggio etero preesistente (Paperone e Doretta, Paperino e Paperina, Fenton e Gandra), e che ci sono diversi ostacoli da affrontare per apportare modifiche a personaggi Disney affermati… ma non è una scusa. Abbiamo svolto un buon lavoro a proposito della diversità razziale e sulla rappresentazione di persone con disabilità, però non abbiamo ancora fatto abbastanza con le rappresentazioni LGBTQ+».

Per la cronaca, la terza stagione di DuckTales debutterà negli Stati Uniti nel 2020.

«Per il futuro – spiega Angones – abbiamo idee che tratteranno tematiche importanti per il mondo LGBTQ+. Ma c’è sempre la possibilità di fare di meglio. Di sicuro non voglio che mi vengano fatti complimenti solo per aver concesso un contentino».

Tranquillo. Niente complimenti. Solo una domanda: come la prenderà Topolino?

A.M.V.

I miei ultimi libri