Ricordo di Kobe Bryant. Campione. Cattolico

Kobe Bryant aveva un difetto: tifava Milan. Per me, interista, un peccato grave. Ma, tutto sommato, gliel’avevo perdonato. D’altra parte, quando uno gioca a basket così bene, come si fa a non perdonargli tutto?

Il tifo per il Milan era uno dei retaggi della sua italianità. Siccome il papà di Kobe, Joe, giocò diversi anni da noi, in serie A2 e A1, Kobe, al seguito della famiglia, visse in Italia dal 1984 al 1991, cioè dai sei a tredici anni, e proprio qui imparò benissimo l’italiano e anche a diventare un vero giocatore di pallacanestro, come lui stesso raccontava. Siccome era molto alto, spiegava, in America lo avrebbero messo sotto canestro, per giocare da “lungo”; qui invece gli fecero fare un po’ di tutto, anche il playmaker, e fu così che acquisì una formidabile visione di gioco, che in campo gli permetteva di intuire in anticipo come si sarebbe sviluppata l’azione.

Ricordo di aver visto giocare papà Joe nelle squadre di Rieti, Reggio Calabria, Pistoia e Reggio Emilia. Non era niente male. E poi si portava appresso quel bimbetto che, nell’intervallo, suscitava gli applausi del pubblico mettendosi a palleggiare e a tirare a canestro.

Famiglia cattolica, quella dei Bryant, come Kobe non ha mai nascosto. E matrimonio cattolico quello di Kobe con Vanessa, nella chiesa di St. Edward a Dana Point, California del Sud, nel 2001.

Una storia d’amore che però, a un certo punto, sembra naufragare. Nel 2003 per Kobe arriva la terribile accusa di aver stuprato una donna nel Colorado, dove il giocatore si trovava per farsi curare un ginocchio. Kobe ammette il rapporto sessuale, ma nega lo stupro. Sono momenti drammatici. Tutto sembra crollare. Gli sponsor abbandonano Kobe, ma soprattutto è la famiglia a rischiare di andare in pezzi.

È allora che Kobe incontra un bravo prete. Incontro provvidenziale, come racconterà più volte. Il sacerdote gli raccomanda di mettersi nelle mani del Signore. Se Dio ti mette alla prova, ti dà anche la forza di superarla.

Kobe si scusa pubblicamente e ammette l’infedeltà. Poi l’accusa di stupro cade. Ma la tenuta della famiglia è a forte rischio. Nel 2011, forse a causa dello stress, Vanessa perde il bambino che sta aspettando. La crisi sembra irreparabile, c’è la separazione, si arriva sull’orlo del divorzio. Tuttavia la fede e la voglia di ricominciare sono più forti. E la frattura è ricomposta.

Dal matrimonio nascono quattro figlie:  Natalia Diamante, Gianna Maria, Bianka Bella e Capri Kobe, nata nel giugno dell’anno scorso.

Gianna Maria, tredici anni, detta GiGi, morta con papà con Kobe sull’elicottero precipitato, era già una promessa del basket e sognava di giocare un giorno per l’Università del Connecticut.

Due delle bambine, Bianka e Capri, sono nate dopo la crisi familiare. E in occasione dell’ultima festa della mamma Kobe volle ringraziare così Vanessa: “Ti vogliamo bene e ti ringraziamo per tutto quello che fai per la nostra famiglia. Tu sei il fondamento di tutto. Ti amo, regina”.

Quanto ha contato la fede cattolica per Kobe? Tantissimo. Kobe e Vanessa non hanno mai smesso di frequentare la parrocchia a Orange County, in California. E Kobe diceva: “Sono cattolico, sono cresciuto come cattolico, i miei figli sono cattolici. Durante il processo, l’unica cosa che mi ha aiutato davvero è stato parlare con quel sacerdote”.

Dopo la riconciliazione, Kobe la moglie fondarono la Kobe and Vanessa Bryant Family Foundation (KVBFF), che assiste i senzatetto e aiuta giovani in difficoltà, soprattutto attraverso la pratica sportiva.

Negli ultimi anni di attività il campione spiegava: “La mia carriera sta rallentando. Alla fine non voglio guardare indietro e dire solo: ‘Beh, ho avuto una carriera di successo perché ho vinto tanti campionati e segnato tanti punti’. C’è qualcos’altro da fare”. Pensando alle persone senza casa, diceva: “Nella vita, tutti commettiamo degli errori, e rimanere indietro e permettere a qualcuno di vivere in quel modo lavandosene le mani non è giusto”.

Nella sua ultima partita, il 13 aprile 2016, Kobe, all’età di trentasette anni, segnò la bellezza di sessanta punti per i suoi Los Angeles Lakers contro gli Utah Jazz. Qualcosa di stratosferico, la ciliegina su una torta fatta di record: cinque volte campione NBA (National Basketball Association, la principale lega professionistica di basket negli Usa), due volte campione olimpico, diciotto volte membro della squadra All Star, terzo miglior realizzatore nella storia dell’NBA.

Record che tuttavia appaiono ben poca cosa rispetto alla partita giocata in famiglia e vinta grazie alla forza della fede, dell’amore e del perdono.

“Non dirò che il nostro matrimonio è perfetto”, dichiarò Kobe in un’intervista del 2015. “Combattiamo ancora, come ogni coppia di sposi. Ma sai, la mia reputazione di atleta è che sono estremamente determinato e che lavorerò sodo. Come potrei farlo nella mia vita professionale se non fosse così nella mia vita personale, quando ciò colpisce le mie figlie? Non avrebbe alcun senso”.

Aldo Maria Valli

Foto: freepngimg.com

*********

Sei un lettore di Duc in altum? Ti piace questo blog? Pensi che sia utile?

Se vuoi sostenerlo, puoi fare una donazione utilizzando questo IBAN:

IT65V0200805261000400192457

BIC/SWIFT  UNCRITM1B80

Beneficiario: Aldo Maria Valli

Causale: donazione volontaria per blog Duc in altum

Grazie!

 

 

 

I miei ultimi libri