Una parola al giorno / Mostro

Il virus chiamato Covid-19 è stato definito un mostro. In realtà ha fatto solo il suo dovere di parassita obbligato: trovare cellule nelle quali replicarsi.

Mi ha colpito un commento del dottor Stefano Manera, specialista in anestesia e rianimazione, il quale ha dichiarato che il vero mostro potrebbe arrivare nei prossimi mesi, in autunno, sotto forma di burnout (ovvero esaurimento emotivo) a causa della prolungata quarantena, della paura respirata per mesi, della perdita di posti di lavoro e dalle conseguenze sul piano economico. Questa epidemia, ha detto il dottore, sarà reale e potrà mettere al tappeto l’intera società.

Ho letto poi che, per ragioni opposte, è a rischio di burnout non solo chi ha perso il lavoro, ma anche chi, con lo smart working, ha trascorso molte più ore al lavoro, restando vittima a sua volta di stress.

Un mostro, insomma, sta per aggirarsi o forse già si aggira fra noi. Vogliamo affrontarlo o preferiamo continuare ad alimentare il clima di terrore?

A.M.V.

________________________________

Cari lettori di Duc in altum, ecco i miei ultimi libri:
Aldo Maria Valli, Gli strani casi. Storie sorprendenti e inaspettate di fede vissuta (Fede & Cultura, 2020)
Aldo Maria Valli, Le due Chiese. Il sinodo sull’Amazzonia e i cattolici in conflitto (Chorabooks, 2020) 
Aldo Maria Valli (a cura di), Non abbandonarci alla tentazione? Riflessioni sulla nuova traduzione del “Padre nostro”, con contributi di Nicola Bux, Silvio Brachetta, Giulio Meiattini, Alberto Strumia (Chorabooks, 2020)

I miei ultimi libri