Dal novus ordo Missae al nuovo (dis)ordine mondiale

L’accostamento sembrerà peregrino solo ai più sprovveduti. In realtà, a un profondo sguardo di fede, il rapporto tra la Messa tradizionale e la rivoluzione in atto, operata – ultimamente in ordine di tempo – dal Nuovo dis-Ordine Mondiale, è tutt’altro che peregrino, perché il cuore del mondo è la Chiesa, e il cuore della Chiesa è la Santissima Eucaristia (Ecclesia de Eucharistia), perpetuata sui nostri altari dalla Santa Messa.

Fiumi d’inchiostro sono stati versati per dimostrare la svolta rivoluzionaria operata dalla nuova Liturgia, forse non voluta ma certamente permessa dai dettami del Vaticano II. È ormai ben noto che la nuova liturgia è stata concepita come un mezzo per promuovere l’avvicinamento dei protestanti. Ora, mentre san Pio V per contrastare l’eresia protestante aveva eretto a baluardo dell’ortodossia cattolica il Messale del 1570, “riformato” in ottemperanza ai decreti tridentini, la riforma liturgica post-conciliare ha agito nel senso esattamente opposto, provvedendo ad abbattere quella fortezza plurisecolare. Infatti, poiché la Messa Romana tradizionale conteneva quegli elementi propri della Fede cattolica che i protestanti consideravano intollerabili, la riforma della Liturgia ha provveduto ad eliminarli per favorire il dialogo con i cosiddetti “fratelli separati”, perseguendo – in tal modo – un fine opposto a quello del Messale tridentino.

Che si sia usata la Liturgia per abbattere il dogma non deve sorprendere. È sempre stato così nella storia della Chiesa, perché il fedele comune, l’uomo di strada, non legge i documenti conciliari, né i trattati di teologia, e tanto meno si interessa alle beghe interpretative di questo o quel punto della fede o della morale cattolica: ma va in chiesa, assiste alla Messa, e lì accresce (o diminuisce) la sua fede. Gli eretici di tutti i tempi lo sanno bene, e perciò, per diffondere i loro errori, si sono serviti e si servono immancabilmente della liturgia.

Si comprende allora perché i riformatori protestanti abbiano sempre nutrito un autentico odio per la Messa cattolica. Il problema, in realtà, non era liturgico ma teologico, ed essi ben lo sapevano. Il Sacrificio dell’altare rappresentava per Lutero la più evidente negazione della sua insana ideologia: la giustificazione per la sola fede. La Messa cattolica, infatti, con tutto il suo sistema sacramentale mediante cui la grazia è mediata agli uomini per renderli partecipi della vita divina, e dunque capaci di atti meritori, è l’esatto contraltare della dottrina della giustificazione luterana. Ecco perché i protestanti parlavano della Messa cattolica come di una “blasfema profanazione della Cena del Signore”, di una “orribile idolatria” e di una “folle abominazione”.

Il teologo tedesco John Cochlaeus, nel XVI secolo, disse senza mezzi termini che, attaccando la Messa, Lutero aveva attaccato Cristo stesso «poiché Egli è il vero fondatore e perfezionatore della Messa, il vero Sommo Sacerdote e anche la Vittima sacrificata, come tutti i cristiani sanno». Cochlaeus esortava gli apologisti cattolici a non concentrarsi sulla difesa del primato del Romano Pontefice, ma sulla difesa della Messa: azione, questa, assai più vitale, poiché, attaccando la Messa, «Lutero minacciava di strappare il cuore dal corpo della Chiesa». E un corpo senza cuore è un corpo morto. L’eresiarca, infatti, sapeva benissimo che la Messa è il cuore della Chiesa e perciò la distruzione della Messa aveva persino il primato sulla distruzione del papato, perché – diceva – «distrutta la Messa, io dico che abbiamo distrutto tutto il papato». E ciò perché – continua Lutero – «è sulla Messa come su una roccia che è costruito tutto il sistema papale, con i suoi monasteri, i suoi episcopati, le sue chiese, i suoi altari, i suoi ministri, la sua dottrina, cioè con tutto il resto. Tutto ciò non mancherà di crollare una volta che la sacrilega e abominevole Messa (cattolica) è distrutta». In sostanza, Lutero rassicurava i suoi adepti in questi termini: non perdete tempo ad attaccare il papato. Combattete la Messa cattolica e tutto crollerà, papato incluso.

Non è forse quanto è accaduto a partire dall’introduzione della nuova Messa? Statistiche alla mano, abbiamo assistito al crollo del dogma (da quello della transustanziazione a quello della divinità di Cristo; da quello dell’immacolata Concezione della Vergine Santa alla sua Verginità perpetua; dalla Comunione dei santi alla resurrezione della carne); della morale (divorzio, aborto, omosessualità e quant’altro); della vita sacerdotale e religiosa, crollate drasticamente; della frequenza dei Sacramenti. E come non vedere anche nell’anomala e confusa situazione dei due papi regnanti un effetto dell’attacco alla Messa di sempre, che si prolunga da cinquant’anni?

Rimandando a studi specifici la trattazione dell’impoverimento dell’aspetto sacrificale della Messa riformata, dei problemi legati alla transustanziazione e all’uso della lingua vernacolare, vogliamo qui far menzione speciale delle Orazioni del nuovo Messale che non sono sfuggite alle innovazioni dei riformatori. Esse, in modo molto palpabile, danno l’idea di ciò che si è voluto distruggere.

Occorre anzitutto ricordare che le Orazioni – ossia le Collette che precedono l’Epistola – sono tra i gioielli più preziosi che arricchiscono il Messale. Molte di esse datano alla fine del secolo VI. Il Messale tradizionale conteneva 1.182 orazioni. Di queste, circa 760 sono state del tutto eliminate. Del rimanente 36%, più della metà sono state introdotte con cospicue modifiche. Ne segue che solo il 17% è entrato senza cambiamenti nel nuovo Messale.

La prima categoria di Orazioni a essere eliminata è stata quella inficiata – secondo i novatores – dalla cosiddetta “teologia negativa”, non più confacente all’uomo moderno. Si tratta di quelle Orazioni in cui si parlava “ancora” del castigo divino, dell’ira di Dio, del peccato dell’uomo, delle pene eterne, considerati principi obsoleti per la moralità in evoluzione del cattolico adulto.

Le Orazioni tradizionali della Quaresima, che sottolineavano evidentemente i principi del digiuno e della mortificazione, ora invitano alla moderazione e all’astinenza; sono scomparsi i riferimenti al “combattimento spirituale”, all’umana corruzione, alle punizioni temporali ed eterne, al peccato, alle nostre opere perverse etc. Perfino Giuda Iscariota pare assolto, visto che la preghiera del Giovedì Santo, in cui si dice che egli è stato punito da Dio per il suo delitto, è stata eliminata.

Anche il distacco dal mondo è scomparso nelle nuove Orazioni, per non parlare delle preghiere per i defunti che meriterebbe una trattazione specifica tanto le innovazioni sono state radicali. Molte Orazioni sono state modificate in nome dell’ecumenismo e, per conseguenza, sono state eliminati i riferimenti alle eresie, alla Chiesa militante, all’unica vera fede, ai nemici della Chiesa, al governo supremo del Romano Pontefice, all’intercessione dei Santi. Ora, questi cambiamenti nelle Orazioni non sono stati senza effetto sulla fede dei cristiani, secondo il noto adagio lex orandi lex credendi. Se il nuovo Messale ha ridotto – se non del tutto eliminato – le categorie dell’inferno, del purgatorio, del peccato, del castigo, dell’espiazione, anche il fedele (e tanto più il clero) – lo voglia o no – ha finito per eliminarle o ridurle.

Il popolo e il clero, che per cinquant’anni si sono nutriti della teologia edulcorata veicolata dalla Liturgia riformata, ha perso il senso del soprannaturale, del peccato, la nozione di bene e di male e perfino di anima. Tutto questo è stato portato alla luce con solare evidenza dalla dilagante pandemia in cui – non occorre ripeterlo – tutta la cura del mondo cattolico (dai supremi vertici in giù, salvo poche lodevoli eccezioni) è focalizzata sulla salvezza dei corpi, come se l’uomo fosse immortale e la salvezza del corpo superiore a quella dell’anima.

In questo quadro, il Nuovo Ordine Mondiale, che altro non è se non l’apoteosi del caos e del disordine morale e sociale su scala planetaria, avanza incontrastato, con la sua mascherata dittatura, solo perché non trova la resistenza di coloro che dovrebbero opporglisi, e cioè della Chiesa docente e discente. E se gli uomini di Chiesa non contrastano ma abbracciano il pensiero dominante, ciò avviene perché, per oltre dieci lustri, si sono nutriti di una liturgia che, invece di arginare l’errore condannandolo, l’ha entusiasticamente abbracciato e in tal modo l’ha inoculato surrettiziamente nella mente e nel cuore dei fedeli.

Il Nuovo dis-Ordine Mondiale non è che l’ultima e forse più aberrante forma di comunismo, quel comunismo dal quale è venuta a metterci in guardia la Madre di Dio a Fatima, un secolo fa. Per sopravvivere a un tale nemico, occorre tornare ad una vera devozione al Suo Cuore Immacolato, che alla fine trionferà, ma passando certamente attraverso la restaurazione della Messa di sempre, che sarà allora una vera restitutio ad integrum.

Cristiana de Magistris

Fonte: Corrispondenza romana

***

Cari amici di Duc in altum, vi ricordo i miei ultimi libri

Aldo Maria Valli, Ai tempi di Gesù non c’era il registratore. Uomini giusti ai posti giusti (Chorabooks, 2020)

Aldo Maria Valli, Aurelio Porfiri, Decadenza. Le parole d’ordine della Chiesa postconciliare (Chorabooks, 2020)

Aldo Maria Valli, Non avrai altro Dio. Riflettendo sulla dichiarazione di Abu Dhabi, con contributi di Nicola Bux e Alfredo Maria Morselli (Chorabooks, 2020)

Aldo Maria Valli, Gli strani casi. Storie sorprendenti e inaspettate di fede vissuta (Fede & Cultura, 2020)

Aldo Maria Valli, Le due Chiese. Il sinodo sull’Amazzonia e i cattolici in conflitto (Chorabooks, 2020) 

Aldo Maria Valli (a cura di), Non abbandonarci alla tentazione? Riflessioni sulla nuova traduzione del “Padre nostro”, con contributi di Nicola Bux, Silvio Brachetta, Giulio Meiattini, Alberto Strumia (Chorabooks, 2020)

***

Sei un lettore di Duc in altum? Ti piace questo blog? Pensi che sia utile? Se vuoi sostenerlo, puoi fare una donazione utilizzando questo IBAN:

IT65V0200805261000400192457

BIC/SWIFT  UNCRITM1B80

Beneficiario: Aldo Maria Valli

Causale: donazione volontaria per blog Duc in altum

Grazie!

***

I contributi che appaiono nel blog sono disponibili anche su Telegram.

Potete cercarmi digitando il mio nome, Aldo Maria Valli, oppure cliccate sul link https://t.me/aldomariavalli e poi scegliete: unisciti al canale. 

I miei ultimi libri