Una statua per Greta Thunberg (mentre quelle dei grandi del passato vengono abbattute)

In Gran Bretagna l’Università di Winchester ha deciso di spendere quasi 24 mila sterline per una statua da dedicare all’attivista svedese per il clima Greta Thunberg.

“La statua di Greta Thunberg è stata commissionata nel 2019 e finanziata dall’Università come parte dello sviluppo del West Downs Center”, ha confermato un portavoce dell’università pubblica nei commenti riportati da The Hampshire Chronicle .

“La statua è costata 23.760 sterline, entro il budget complessivo di cinquanta milioni di sterline per il West Downs Center”, ha detto il portavoce a proposito della grande opera di bronzo, scolpita da Christine Charlesworth e intitolata Fai la differenza.

“L’università voleva una scultura di Greta perché è un’università molto verde e pensa che Greta sia un’ispirazione per tutti gli studenti”, ha spiegato Charlesworth .

Winchester ha commissionato il monumento in un momento in cui il Regno Unito continua a essere devastato dalle cosiddette “guerre delle statue” , con accademici, politici e attivisti per la giustizia sociale di sinistra che cercano di far rimuovere monumenti storici, edifici e nomi di luoghi, ribattezzati, o “ricontestualizzati” con nuove targhe e pannelli informativi che descrivono i presunti crimini delle figure raffigurate o associate.

Il fenomeno è una conseguenza del movimento Black Lives Matter negli Stati Uniti, che si è diffuso attraverso l’Atlantico in seguito alla morte di George Floyd a Minneapolis ma non aveva un obiettivo chiaro per la sua ira.

Molti importanti commercianti, diventati filantropi ma nati prima dell’abolizione della tratta degli schiavi, primo fra tutti l’ex parlamentare Edward Colston, sono caduti vittime del tentativo di epurazione, e chiunque abbia posseduto azioni di società legate alla schiavitù o abbia ereditato interessi commerciali legati in qualche modo al lavoro schiavo viene ridotto allo status di “commerciante di schiavi”.

Altri bersagli hanno incluso i filosofi scozzesi dell’illuminismo David Hume, la cui alma mater ha ribattezzato gli edifici che prendono il nome dal suo proprietario, e Adam Smith, il “padre dell’economia”, la cui tomba è diventata oggetto di esame.

I monarchi, i primi ministri e gli eroi di guerra, tra cui la regina VittoriaSir Winston Churchill e ufficiali e soldati ordinari sono stati presi di mira da attivisti (e vandali) semplicemente per essere stati legati all’Impero britannico e al colonialismo, o per aver fatto ai loro tempi considerazioni ritenute politicamente scorrette secondo gli standard della sinistra del ventunesimo secolo.

L’idea dell’Università di Winchester non è piaciuta all’Unione delle università e dei collegi (University and Colleges Union). Nel suo account Twitter l’Unione annuncia infatti di aver presentato una mozione di censura in merito alla decisione di spendere circa 24 mila sterline (quasi 28mila euro) per una scultura dedicata a Greta Thunberg in un momento di austerità.

​L’Unione si è tuttavia affrettata a precisare di non avercela tanto con la persona, oggetto degli onori e delle attenzioni, o con la causa per la quale la giovane si batte, ma con l’iniziativa in sé: “Per essere chiari, le nostre preoccupazioni riguardano la spesa e la trasparenza del processo decisionale dell’università, che sono state a lungo opache”.

Fonti: breitbart.com

 sputniknews.com

***

Sei un lettore di Duc in altum? Ti piace questo blog? Pensi che sia utile? Se vuoi sostenerlo, puoi fare una donazione utilizzando questo IBAN:

IT65V0200805261000400192457

BIC/SWIFT  UNCRITM1B80

Beneficiario: Aldo Maria Valli

Causale: donazione volontaria per blog Duc in altum

Grazie!

 

I miei ultimi libri