Olanda / Le cifre dell’orrore: record di morti per eutanasia

di Leone Grotti 

Nel 2020 in Olanda sono morte con l’eutanasia 6.938 persone, il numero più alto mai raggiunto. Si tratta di un aumento dei casi del 382% rispetto ai 1.815 del 2003 e del 9% rispetto ai 6.361 del 2019. Nel paese un decesso su venticinque è ormai causato dall’eutanasia, che rappresenta il 4,12% di tutte le morti. Il dato salirebbe al 4,52% se non si tenesse conto dei quindicimila decessi dovuti al Covid-19. Se si considera inoltre soltanto la fascia di età tra i sessanta e gli ottant’anni, il dato sale al 6,2%. Come ogni anno, il rapporto annuale pubblicato dal governo olandese è costellato di dati inquietanti.

Eutanasia motivata dal Covid-19

Innanzitutto, come riporta anche Dutch News, quattro persone hanno optato per l’eutanasia dopo essere risultate positive al Covid-19. «Avevano contratto la polmonite e non volevano andare in terapia intensiva», spiega a Trouw il presidente del Comitato di revisione regionale dell’eutanasia, Jeroen Recourt.

Dopo la sentenza della Corte Suprema che ha autorizzato la sedazione surrettizia di persone affette da demenza, per evitare la loro opposizione all’iniezione letale scelta in passato con il testamento biologico ma non confermata dalla volontà attuale, due persone sono state uccise così nel 2020.

Disperati, vecchi, dementi, ragazzini

La disperazione continua a essere ritenuta un motivo valido per ottenere la morte. L’anno scorso hanno ricevuto l’eutanasia per motivi legati alla depressione ottantotto persone, tra cui una affetta da disabilità intellettiva. Allo stesso modo, 235 persone sono state uccise per «accumulo di problemi legati alla vecchiaia». Anche un ragazzo, di età compresa tra i dodici e i sedici anni, è stato ucciso portando così a sedici il totale dei minori che dal 2002 hanno ottenuto l’eutanasia.

Per l’Olanda è tutto «normale»

Se 4.480 persone hanno richiesto l’eutanasia a causa di un cancro, sono 168 gli individui affetti da demenza uccisi, due con demenza in stato avanzato, ottantotto come detto per problemi psichiatrici, 458 per problemi legati al sistema nervoso. Su 216 casi di suicidio assistito, infine, diciassette non sono andati a buon fine, il paziente cioè non è morto, e il medico ha dovuto praticare l’iniezione letale.

Secondo Recourt, questi numeri non sono sorprendenti perché «dimostrano come sempre più persone guardino all’eutanasia come a una soluzione normale per porre fine a una situazione di sofferenza insopportabile».

Fonte: Tempi

* * * * *

Cari amici di Duc in altum, è disponibile il mio nuovo libro: La trave e la pagliuzza. Essere cattolici “hic et nunc” (Chorabooks).

Uno sguardo sulla situazione della Chiesa cattolica e della fede. Senza evitare gli aspetti più controversi e tenendo conto dell’orizzonte dei nostri giorni, segnato dalla vicenda del Covid. Un diario di viaggio in una realtà caratterizzata da profonde divisioni, ma con la volontà di costruire, non di distruggere. E sapendo che il processo di conversione riguarda tutti, a partire da se stessi.

Il volume prende in esame questioni disparate (dal Concilio Vaticano II al pontificato di Francesco, dalla vita spirituale in regime di lockdown alle vicende vaticane, dal great reset alle questioni bioetiche) ma con un filo conduttore: l’amore per la Chiesa e la Tradizione, unito a una denuncia chiara sia delle derive moderniste sia delle nuove forme di dispotismo che limitano o negano le libertà fondamentali.

* * * * *

Sei un lettore di Duc in altum? Ti piace questo blog? Pensi che sia utile? Se vuoi sostenerlo, puoi fare una donazione utilizzando questo IBAN:

IT65V0200805261000400192457

BIC/SWIFT  UNCRITM1B80

Beneficiario: Aldo Maria Valli

Causale: donazione volontaria per blog Duc in altum

Grazie!

 

 

I miei ultimi libri