Bibbidi, bobbidi, bù: la fatina di Cenerentola adesso è un uomo. Gay. Nero

Dimenticate la fatina di Cenerentola così come l’avete sempre immaginata. Nel prossimo live-action ispirato alla fiaba la fatina sarà interpretata da un attore. Gay. Nero.

L’attore in questione è Billy Porter, primo attore di colore dichiaratamente gay a vincere un Emmy Award come miglior protagonista.

Intervistato dalla CBS, Porter ha spiegato: “Stiamo immaginando questo personaggio come se fosse privo di genere, o almeno è così che io lo sto interpretando. Ed è davvero potente”. Porter definisce la nuova versione di Cenerentola come “una fiaba classica per una nuova generazione”, perché “i bambini sono pronti” ad avere “una versione inedita e più inclusiva della fiaba”.

Billy Porter, “sposato” con Adam Smith dal 2017, ha vinto molti premi. “Mi ha colpito – dice a proposito del suo nuovo impegno – quanto sia significativo che io interpreti la fata madrina. Presentiamo questo personaggio come privo di genere. È così che lo sto interpretando. Ed è davvero straordinario. La magia non ha genere”.

Porter non spiega perché cancellare l’identità femminile della fatina di Cenerentola dovrebbe essere “straordinario”. Lo dà per scontato.

Per niente convinta dell’operazione è Fiorella Nash, romanziera e attivista per i diritti delle donne, secondo la quale la fatina interpretata da un gay è l’ennesimo esempio di un maschio che si appropria di un ruolo femminile, ma questa volta in modo furbo. “Quindi, se prendi un ruolo femminile davvero importante e lo dai a un uomo, stai facendo quello che è sempre stato fatto per estromettere le donne dal settore. Non ci sono assolutamente scuse”.

Fiorella Nash ha aggiunto che non porterebbe i suoi figli a vedere la nuova Cenerentola, perché troverebbero semplicemente ridicolo un uomo che interpreta la fatina.

La via dell’indottrinamento Lgbt predilige da tempo tutto ciò che è indirizzato alle nuove generazioni, con un occhio di riguardo per i bimbi. Aver scelto Billy Porter, stella di Broadway e paladino dei diritti Lgbt, per il ruolo della nuova fatina rientra nella strategia.

Porter, diventato famoso per il ruolo di Pray Tell nella serie tv Pose, ambientata nella comunità omosessuale e trans newyorkese degli anni Ottanta, è celebre per gli abiti vistosi indossati sul red carpet.

Una rivista specializzata ha scritto che “se questo film dovesse rivelarsi un successo, potrebbero esserci più sequel nel prossimo futuro”.

Bibbidi, bobbidi, bù!

A.M.V.

* * * * *

Cari amici di Duc in altum, è disponibile il mio nuovo libro: La trave e la pagliuzza. Essere cattolici “hic et nunc” (Chorabooks).

Uno sguardo sulla situazione della Chiesa cattolica e della fede. Senza evitare gli aspetti più controversi e tenendo conto dell’orizzonte dei nostri giorni, segnato dalla vicenda del Covid. Un diario di viaggio in una realtà caratterizzata da profonde divisioni, ma con la volontà di costruire, non di distruggere. E sapendo che il processo di conversione riguarda tutti, a partire da se stessi.

Il volume prende in esame questioni disparate (dal Concilio Vaticano II al pontificato di Francesco, dalla vita spirituale in regime di lockdown alle vicende vaticane, dal great reset alle questioni bioetiche) ma con un filo conduttore: l’amore per la Chiesa e la Tradizione, unito a una denuncia chiara sia delle derive moderniste sia delle nuove forme di dispotismo che limitano o negano le libertà fondamentali.

* * * * *

Sei un lettore di Duc in altum? Ti piace questo blog? Pensi che sia utile? Se vuoi sostenerlo, puoi fare una donazione utilizzando questo IBAN:

IT65V0200805261000400192457

BIC/SWIFT  UNCRITM1B80

Beneficiario: Aldo Maria Valli

Causale: donazione volontaria per blog Duc in altum

Grazie!

I miei ultimi libri