Mettere la freccia a destra e girare a sinistra. Il metodo Bergoglio e la crisi dell’autorità papale

Cari amici di Duc in altum, in questi ultimi giorni abbiamo avuto di nuovo la prova che ciò che caratterizza il pontificato di Francesco è l’ambiguità. Sia a proposito della legge Zan, sia per quanto riguarda le celebrazioni vetus ordo nella basilica vaticana, ambienti conservatori e tradizionalisti hanno pensato di scorgere nelle ultime decisioni vaticane segnali incoraggianti, ma, al solito, si tratta solo di mettere la freccia a destra per girare a sinistra, per parafrasare un modo di dire tipico di Peron, giustamente ricordato nell’articolo qui sotto. Circa la legge Zan e la questione Lgbt, l’orientamento papale è stato esplicitato sia dalla lettera autografa inviata al gesuita pro Lgbt James Martin sia da quanto Francesco ha detto all’Angelus: “Finiamola di giudicare gli altri… Non giudicare e lasciare vivere, amate gli altri e cercate di vivere con amore”.  Circa le messe vetus ordo, si tratta del solito osso gettato in pasto a una parte della Chiesa per tacitarla, ma senza cambiare la sostanza della linea papale. In ogni caso, e comunque la si pensi, la parola del papa è diventata irrilevante. Non fa più notizia. Un po’ per le giravolte, un po’ per la ripetitività, non è presa in considerazione. Anche sotto questo profilo, l’articolo che qui vi propongo, tratto dal sito caminante-wanderer, parla chiaro. E ci invita a riflettere sulla crisi dell’autorità papale, drammatica eredità di questo pontificato.

***

Alcuni fatti accaduti la scorsa settimana mostrano chiaramente, da un lato, qual è la strategia di papa Francesco, dall’altro l’irrimediabile declino del suo pontificato.

La strategia, come abbiamo ripetuto fino alla nausea in questo blog, è tipica del peronismo, e può essere sintetizzata con una frase dello stesso generale Juan Perón, “Metti la freccia a sinistra e gira a destra”, o in un’altra, di Néstor Kirchner: “Guardate quello che faccio e non cosa dico”.

Nell’udienza generale di mercoledì scorso il Santo Padre tra le altre cose ha detto: “Questa condizione non è lontana dall’esperienza che diversi cristiani vivono ai nostri giorni. Non mancano nemmeno oggi, infatti, predicatori che, soprattutto attraverso i nuovi mezzi di comunicazione, possono turbare le comunità. Si presentano non anzitutto per annunciare il Vangelo di Dio che ama l’uomo in Gesù Crocifisso e Risorto, ma per ribadire con insistenza, da veri e propri ‘custodi della verità’ – così si chiamano loro – quale sia il modo migliore per essere cristiani. E con forza affermano che il cristianesimo vero è quello a cui sono legati loro, spesso identificato con certe forme del passato, e che la soluzione alle crisi odierne è ritornare indietro per non perdere la genuinità della fede. Anche oggi, come allora, c’è insomma la tentazione di rinchiudersi in alcune certezze acquisite in tradizioni passate. Ma come possiamo riconoscere questa gente? Per esempio, una delle tracce del modo di procedere è la rigidità. Davanti alla predicazione del Vangelo che ci fa liberi, ci fa gioiosi, questi sono dei rigidi. Sempre la rigidità: si deve far questo, si deve fare quell’altro… La rigidità è proprio di questa gente”.

È un attacco aperto e frontale contro i gruppi conservatori e tradizionalisti che, attraverso i mezzi di comunicazione alternativi – cioè principalmente blog e video – mettono continuamente e duramente in discussione il suo pontificato. Mancava soltanto che scrivesse i nomi che, d’altronde, tutti noi conosciamo. Uno di loro, che colgo l’occasione per ringraziare per i suoi continui accenni a questa pagina, è Specola, che quotidianamente ci racconta le vicende vaticane, con la consapevolezza che solo un esperto può avere.

Che impatto hanno avuto queste voci papali sulla destra, o sul mondo tradizionale? Nessuno. Il fatto è che quasi nessuno legge o ascolta Francesco perché nessuno gli crede più. Il suo fascino, che è sempre stato una farsa, è finito, e con esso il suo pontificato. È stato un chiacchiericcio che, nella migliore delle ipotesi, è servito a placare i neocon superstiti e a confondere, con rumore e luci di fuochi d’artificio, ciò che realmente faceva.

In questi giorni Il Giornale ha pubblicato un articolo ben informato in cui si annunciava che la messa vetus ordo è stata “blindata”; ovvero, in poche parole, che le disposizioni del motu proprio Summorum Pontificum non cambieranno e le cose continueranno come prima. La notizia correva da qualche giorno nei corridoi del Sacro Palazzo, e non erano solo voci. Il giorno prima il sito ufficiale del Vaticano aveva pubblicato le nuove disposizioni per le celebrazioni liturgiche nella basilica di San Pietro, che erano state praticamente abolite dalla Segreteria di Stato. L’arciprete, il cardinale Gambetti, in pratica autorizza di nuovo la celebrazione delle messe private, e autorizza esplicitamente la celebrazione della messa tradizionale, affermando che “si deve fare tutto il possibile per esaudire pienamente i desideri dei fedeli e dei sacerdoti” che prediligono quel rito.

In aggiunta, quasi nelle stesse ore in cui veniva reso pubblico questo nuovo regolamento, la Segreteria di Stato protestava presso lo Stato italiano per la famosa legge Zan che promuove l’ideologia di genere nelle scuole, invocando gli accordi tra i due Stati: una nota ufficiale che, com’è noto, ha sollevato un gran polverone.

In sintesi, martedì papa Francesco ha virato a destra e mercoledì ha messo la freccia a sinistra.

Come dicevo all’inizio, l’udienza di mercoledì è stata anche un chiaro esempio della grottesca decadenza del suo pontificato. Qualche anno fa le dure parole che abbiamo riportato, sulle rigidità di certi cattolici, avrebbero occupato le prime pagine di tutti i giornali del mondo, le suore e i preti mentecatti e i vescovi viscidi avrebbero iniziato subito a organizzare ritiri e giornate di riflessione sul problema della rigidità nella Chiesa e sui metodi per ammorbidirla. Ma oggi dov’è finito quel pubblico? Qual è stata la vera notizia memorabile che ha popolato le prime pagine di giornali e portali di informazione e, ovviamente, ha catalizzato i commenti in conventi e curie? L’incontro del successore di Pietro con l’Uomo Ragno. Sì, Spiderman, un personaggio dei cartoni animati, è stato capace di rubare la scena a un lungo e aggressivo discorso pontificio. Anche se, ripensandoci, e guardando indietro ai pontefici precedenti, penso che la foto ritragga non uno, ma due personaggi dei cartoni animati.

Fonte: caminante-wanderer.blogspot.com

* * * * *

Cari amici di Duc in altum, è disponibile il mio nuovo libro: La trave e la pagliuzza. Essere cattolici “hic et nunc” (Chorabooks).

Uno sguardo sulla situazione della Chiesa cattolica e della fede. Senza evitare gli aspetti più controversi e tenendo conto dell’orizzonte dei nostri giorni, segnato dalla vicenda del Covid. Un diario di viaggio in una realtà caratterizzata da profonde divisioni, ma con la volontà di costruire, non di distruggere. E sapendo che il processo di conversione riguarda tutti, a partire da se stessi.

Il volume prende in esame questioni disparate (dal Concilio Vaticano II al pontificato di Francesco, dalla vita spirituale in regime di lockdown alle vicende vaticane, dal great reset alle questioni bioetiche) ma con un filo conduttore: l’amore per la Chiesa e la Tradizione, unito a una denuncia chiara sia delle derive moderniste sia delle nuove forme di dispotismo che limitano o negano le libertà fondamentali.

* * * * *

Sei un lettore di Duc in altum? Ti piace questo blog? Pensi che sia utile? Se vuoi sostenerlo, puoi fare una donazione utilizzando questo IBAN:

IT65V0200805261000400192457

BIC/SWIFT  UNCRITM1B80

Beneficiario: Aldo Maria Valli

Causale: donazione volontaria per blog Duc in altum

Grazie!

 

I miei ultimi libri