I boy scout d’America in crisi profonda dopo la svolta pro Lgbt

I boy scout americani hanno perso milioni di iscritti da quando hanno aperto le porte agli omosessuali. Qui una sintesi dell’articolo del Christian Post.

di Leonardo Blair

Otto anni dopo aver revocato il divieto di adesione per i giovani omosessuali, quando vantava più di 2,7 milioni di membri, i Boy Scouts of America ora hanno solo 762.000 iscritti, mentre sono alle prese con circa 82 mila denunce di abusi sessuali da parte di ex scout.

In un solo anno, dal 2019 al 2020, durante la pandemia, i programmi di punta Cub Scouts e Scout Bsa della Boy Scout of America hanno perso 850 mila membri, passando da 1,97 milioni a 1,12 milioni. Da allora, l’adesione ai programmi è scesa di ulteriori 358 mila unità, agli attuali 762 mila iscritti, secondo i dati recentemente esaminati dall’Associated Press .

Gli avvocati della Bsa, che sta affrontando un processo federale per bancarotta a causa delle crescenti denunce per abusi sessuali da parte di ex scout, stanno negoziando la creazione di un fondo fiduciario da 250 milioni di dollari da destinare alle vittime.

All’inizio di quest’anno, la Bsa ha proposto, nel piano per far fronte alla bancarotta, di emettere una cambiale non garantita di 80 milioni di dollari per il fondo fiduciario e di utilizzare i suoi beni vincolati per coprire le spese, secondo quanto viene riportato dal Rockland County Times.

Il presidente e amministratore delegato della Bsa, Roger Mosby, ha dichiarato all’AP che i suoi 252 consigli locali dovranno vendere proprietà per aiutare a coprire le controversie. “Comprendiamo che questa è una decisione difficile e spesso emotiva – dice Mosby – ma in alcuni casi potrebbe essere un passo necessario mentre lavoriamo verso i nostri imperativi condivisi di compensare equamente i sopravvissuti e continuare la missione dello scouting”.

Il calo delle adesioni, insieme alla pandemia e al fenomeno degli abusi, ha portato a una pressione sulle finanze della BsaA, secondo una dichiarazione che mostra entrate lorde scese da 394 milioni di dollari nel 2019 a 187 milioni nel 2020.

L’organizzazione giovanile fondata nel 1910 spera ora di aumentare i suoi profitti con un aumento della quota associativa annuale dei giovani, da 66 a 72 dollari, che dovrebbe entrare in vigore il 1° agosto.

Tra i motivi citati dall’Ap per il calo delle iscrizioni c’è la concorrenza delle leghe sportive, la percezione che la Bsa sia vecchio stile e la pandemia. L’associazione, tuttavia, ha perso costantemente membri, in particolare nelle famiglie cristiane conservatrici, a partire dal 2013, quando ha adottato un emendamento che revoca di fatto il divieto ai giovani omosessuali di entrare a far parte dell’organizzazione.

In un’intervista con The Christian Post Elizabeth Pritchard, presidente del comitato branco per Pack 928 a Southlake, in Texas, all’epoca avvertì che il voto avrebbe fratturato l’organizzazione e spaventato i membri che non erano d’accordo con la decisione. “Non riesco proprio a immaginare di andare in campeggio con mio figlio e di stare con lui a ogni passo dicendo: mi dispiace, non puoi dormire in tenda con altri ragazzi, non puoi fare una doccia con gli altri, non puoi andare in bicicletta a meno che io o tuo padre siamo lì con te”.

Alcune chiese come la Southeast Christian Church, a Louisville, nel Kentucky, hanno tagliato rapidamente i legami con la Bsa.

Dal 2013 la Bsa ha annunciato ulteriori cambiamenti nella sua politica di appartenenza, aprendo le porte a leader scout apertamente gay dal 2015. Ha inoltre ulteriormente ampliato l’appartenenza includendo le ragazze, provocando una causa legale da parte delle Girl Scouts degli Stati Uniti d’America, che a sua volta registra un calo nelle iscrizioni.

I cambiamenti introdotti hanno portato le denominazioni cristiane a tagliare i legami con l’organizzazione a favore di programmi in linea con i loro valori, come Trail Life Usa, che ha visto un aumento significativo dei suoi membri. In soli nove mesi dopo il suo lancio nel 2014, l’alternativa “irriducibilmente cristiana” alla Bsa ha attirato più di 14 mila membri. Di recente ha registrato circa 30 mila membri e ha continuato a crescere anche durante la pandemia.

Alla fine del 2019, anche la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni ha tagliato completamente i legami con la Bsa. I mormoni a partire dal 2018 hanno messo fine ai programmi di scouting per circa 180 mila ragazzi adolescenti tra i 14 ei 18 anni e li hanno sostituiti con attività sponsorizzate dalla chiesa.

Fonte: christianpost.com

* * * * *

Cari amici di Duc in altum, è disponibile il mio nuovo libro: La trave e la pagliuzza. Essere cattolici “hic et nunc” (Chorabooks).

Uno sguardo sulla situazione della Chiesa cattolica e della fede. Senza evitare gli aspetti più controversi e tenendo conto dell’orizzonte dei nostri giorni, segnato dalla vicenda del Covid. Un diario di viaggio in una realtà caratterizzata da profonde divisioni, ma con la volontà di costruire, non di distruggere. E sapendo che il processo di conversione riguarda tutti, a partire da se stessi.

Il volume prende in esame questioni disparate (dal Concilio Vaticano II al pontificato di Francesco, dalla vita spirituale in regime di lockdown alle vicende vaticane, dal great reset alle questioni bioetiche) ma con un filo conduttore: l’amore per la Chiesa e la Tradizione, unito a una denuncia chiara sia delle derive moderniste sia delle nuove forme di dispotismo che limitano o negano le libertà fondamentali.

* * * * *

Sei un lettore di Duc in altum? Ti piace questo blog? Pensi che sia utile? Se vuoi sostenerlo, puoi fare una donazione utilizzando questo IBAN:

IT65V0200805261000400192457

BIC/SWIFT  UNCRITM1B80

Beneficiario: Aldo Maria Valli

Causale: donazione volontaria per blog Duc in altum

Grazie!

 

I miei ultimi libri