Per i frati minori, riuniti nel capitolo generale, “la sfida è la diversità etero/gay”

Cari amici di Duc in altum, è in corso a Roma, al Collegio internazionale San Lorenzo da Brindisi, il capitolo generale dell’Ordine dei frati minori.

Per apprezzarne il tono, sono sufficienti queste parole, pronunciate dal ministro generale fr. Michael Perry circa il «significato profondo» del capitolo stesso: «La realtà dell’Ordine non è molto diversa dalla situazione delle comunità cristiane di Efeso.  Anche noi viviamo molte sfide, conseguenze della grande diversità presente nella vita dell’Ordine: ideologica, spirituale, socioeconomica, clericale, laica, etero/gay, culturale, geografica, razziale, di casta, di paese, eccetera».

Mi scrive un lettore che (evidentemente dotato di stomaco forte) sta seguendo i lavori del capitolo: «Caro Valli, se la immagina la chiesa di Efeso che viveva la “sfida della diversità etero/gay?”».

No, qualunque cosa si voglia intendere con «sfida della diversità etero/gay» (tipico esempio di neolingua amata dai politicamente corretti), proprio non me la immagino la comunità di Efeso alle prese con tali questioni.

Fr. Michael nel suo intervento ha aggiunto: «La chiamata alla conversione che Paolo annuncia ai credenti…  si ha solo quando riconosciamo e accettiamo la nostra debolezza, la nostra incompletezza, quando ci svegliamo alla necessità di aprire la nostra vita alla diversità di esperienze presenti all’interno della comunità credente, all’interno delle nostre fraternità locali nell’Ordine, e di permettere a questa diversità di arricchire la nostra vita umana e spirituale».

E noi che pensavamo che la chiamata alla conversione si ha solo quando facciamo nostra la Parola di Dio… No, in realtà si risponde alla chiamata quando si «apre la vita alla diversità».

Auguri ai frati minori e buon capitolo.

A.M.V.

* * * * *

Cari amici di Duc in altum, è disponibile il mio nuovo libro: La trave e la pagliuzza. Essere cattolici “hic et nunc” (Chorabooks).

Uno sguardo sulla situazione della Chiesa cattolica e della fede. Senza evitare gli aspetti più controversi e tenendo conto dell’orizzonte dei nostri giorni, segnato dalla vicenda del Covid. Un diario di viaggio in una realtà caratterizzata da profonde divisioni, ma con la volontà di costruire, non di distruggere. E sapendo che il processo di conversione riguarda tutti, a partire da se stessi.

Il volume prende in esame questioni disparate (dal Concilio Vaticano II al pontificato di Francesco, dalla vita spirituale in regime di lockdown alle vicende vaticane, dal great reset alle questioni bioetiche) ma con un filo conduttore: l’amore per la Chiesa e la Tradizione, unito a una denuncia chiara sia delle derive moderniste sia delle nuove forme di dispotismo che limitano o negano le libertà fondamentali.

* * * * *

Sei un lettore di Duc in altum? Ti piace questo blog? Pensi che sia utile? Se vuoi sostenerlo, puoi fare una donazione utilizzando questo IBAN:

IT65V0200805261000400192457

BIC/SWIFT  UNCRITM1B80

Beneficiario: Aldo Maria Valli

Causale: donazione volontaria per blog Duc in altum

Grazie!

 

 

I miei ultimi libri