Dopo “Traditionis custodes” / Francia: vescovi e fedeli rispondono così

di Solène Tadié 

In risposta alle preoccupazioni sollevate dal motu proprio di papa Francesco che limita la Messa tradizionale, le autorità della Chiesa francese hanno emesso una serie di comunicati che cercano di rassicurare i cattolici legati a questa liturgia.

Il motu proprio Traditionis custodes, pubblicato il 16 luglio, è arrivato come un fulmine a ciel sereno per una parte significativa della Chiesa francese perché percepito come severo nei confronti delle comunità tradizionaliste, considerate luoghi di forte dinamismo missionario e calamite per i giovani scristianizzati.

Secondo un’inchiesta recentemente pubblicata dalla rivista cattolica La Nef, il cattolicesimo tradizionalista è in costante crescita in Francia, sebbene rappresenti ancora una piccola minoranza (4% di tutti i cattolici praticanti, 7% se includiamo la Fraternità San Pio X, o Fsspx).

Stimando che in Francia ci siano circa 60 mila cattolici tradizionalisti, lo studio ha concluso che le comunità tradizionali crescono lentamente ma costantemente ogni anno, con un’età media molto giovane.

All’indomani del motu proprio, la conferenza episcopale francese ha ribadito l’intenzione dei vescovi di proseguire il dialogo con queste comunità.

“I vescovi francesi si legge in un comunicato […] desiderano esprimere ai fedeli che celebrano abitualmente secondo il messale di san Giovanni XXIII e ai loro pastori la loro attenzione, la loro stima per lo zelo spirituale di questi fedeli e la loro determinazione a continuare la missione insieme, nella comunione della Chiesa e secondo le norme vigenti”.

Questa affermazione ha portato diversi osservatori, tra cui lo storico cattolico Yves Chiron, citato da Le Figaro, a concludere che le nuove norme sarebbero state applicate con flessibilità e benevolenza da un certo numero di vescovi francesi.

Nella diocesi di Versailles, situata nella periferia ovest di Parigi e considerata un baluardo del tradizionalismo, il vescovo Luc Crepy ha affermato che la situazione è “pacifica” con le sei comunità che celebrano abitualmente le messe usando il Messale Romano del 1962.

“Sebbene alcune comunità abbiano vissuto eventi dolorosi in passato – ha scritto il vescovo – sono lieto di vedere i progressi compiuti verso un’effettiva comunione ecclesiale”.

Lo stesso clima di pace, unito a una “leale applicazione” della Lettera apostolica Summorum pontificum di Benedetto XVI del 2007 , è stato osservato dal vescovo Marc Aillet nella sua diocesi di Bayonne, nel sud-ovest della Francia.

Ribadendo la sua fiducia nelle comunità coinvolte e invitandole a “continuare i loro sforzi nella stessa direzione”, Aillet ha affermato che manterrà in vigore i gruppi esistenti e i sacerdoti autorizzati a celebrare la messa secondo il Messale del 1962.

I vescovi delle diocesi meridionali di Toulon-Fréjus e Bordeaux — altri due centri di comunità tradizionaliste — hanno cercato di rassicurare le loro greggi dicendo che le regole dettagliate per l’applicazione della Traditionis custodes sarebbero state riviste e discusse collegialmente.

Nel frattempo, il vescovo Matthieu Rougé di Nanterre, nella periferia ovest di Parigi, ha affermato che la sua diocesi è stata “poco colpita dalle nuove direttive” e che le comunità interessate dovrebbero “essere assicurate della sollecitudine duratura, benevola e orante del loro vescovo. ”

Alcune autorità cattoliche, come il vescovo Jean-Pierre Batut di Blois, nella Francia centrale, e il vescovo Olivier Leborgne di Arras, nel nord, hanno accolto con favore il motu proprio, denunciando l’abuso del Summorum pontificum da parte di coloro che mettono in dubbio la validità del Vaticano II.

Ma molte voci si sono levate in difesa della Messa tradizionale latina, anche in ambienti sorprendenti.

Il discorso più vivace a favore della messa tridentina è stato infatti quello dell’ateo e filosofo di sinistra Michel Onfray. In un commento pubblicato il 18 luglio, Onfray ha sostenuto che essa incarna “l’eredità del tempo genealogico della nostra civiltà” ed “eredita storicamente e spiritualmente una lunga stirpe di riti sacri, celebrazioni e preghiere, tutti cristallizzati in una forma che offre uno spettacolo totale”.

Il presidente dell’organizzazione cattolica laica che organizza il pellegrinaggio tradizionalista di Chartres, dal canto suo, ha condannato duramente il motu proprio, affermando che “sarà difficile applicarlo in una Chiesa che si trova in una situazione catastrofica e ha molte altre difficoltà che il Vaticano pretende di non vedere”.

Anche aAlcuni sacerdoti che celebrano solo secondo il Novus Ordo hanno espresso sorpresa per quella che considerano la durezza della lettera di papa Francesco.

“Mi rattrista perché questo testo sembra spazzare via gli sforzi fatti da Benedetto XVI per mantenere l’unità della Chiesa e disprezzare gli sforzi compiuti dalle comunità tradizionaliste per quindici anni” dice al settimanale Famille chrétienne Guy-Emmanuel Cariot, rettore della Basilica Saint-Denis di Argenteuil, nella periferia di Parigi.

Ma per i diretti interessati dal motu proprio, le emozioni sono ancora crude.

“Mi aspettavo un testo che cambiasse le cose, ma non mi sarei mai aspettato un documento così ingiusto”, ha detto alla Cna Matthieu Raffray, sacerdote francese con sede a Roma dell’Istituto del Buon Pastore: “Ovunque ci siano comunità tradizionali in Francia, penso che la situazione si sia calmata, e le reazioni dei vescovi ne sono una prova”.

Egli ha suggerito che, sebbene sia vero che alcune persone possono aver utilizzato la libertà concessa dal papa emerito per distruggere l’unità nella Chiesa, tale fenomeno è molto più intenso e diffuso negli ambienti che seguono la liturgia di Paolo VI, attraverso temi come i preti sposati o la “Via sinodale” dei vescovi tedeschi. A suo avviso, il rischio dell’impoverimento spirituale è tra le possibili conseguenze più preoccupanti del testo pontificio. “Come possiamo favorire un rinnovamento liturgico e rimettere al centro della Messa il mistero dell’Eucaristia, separando la Chiesa dalla sua tradizione? Un albero le cui radici sono tagliate muore”.

Raffray ha sostenuto che il motu proprio, che cerca di riportare le persone alla forma ordinaria del rito latino, potrebbe anche rivelarsi controproducente. “Devo sposare una coppia quest’estate in Francia e abbiamo già concordato che se il parroco alla fine si rifiuterà di accoglierci nella sua chiesa, andremo fuori o in un fienile vicino. Nessun fedele abituato alla Messa tradizionale in latino deciderà improvvisamente di smettere di andarci a causa di questo documento. C’è un vero movimento di giovani verso la Messa tradizionale oggigiorno, perché hanno bisogno di punti di riferimento culturali e identitari. Questo testo potrebbe essere, in questo senso, un motore che renderà i tradizionalisti ancora più devoti e più fiduciosi nella Chiesa, pregando per il papa e crescendo nella fede e nella carità”.

Fonte: catholicworldreport.com

Nella foto, Messa tridentina nella cattedrale di Strasburgo / Christophe117 via Wikimedia (CC BY-SA 4.0)

* * * * *

Sei un lettore di Duc in altum? Ti piace questo blog? Pensi che sia utile? Se vuoi sostenerlo, puoi fare una donazione utilizzando questo IBAN:

IT65V0200805261000400192457

BIC/SWIFT  UNCRITM1B80

Beneficiario: Aldo Maria Valli

Causale: donazione volontaria per blog Duc in altum

Grazie!

I miei ultimi libri