Pensieri per il cardinale Burke

Mentre le ultime notizie parlano di un miglioramento delle condizioni del cardinale Raymond Burke, ricoverato in ospedale per Covid, alcuni suoi amici e ammiratori hanno voluto raccogliere una serie di testimonianze in suo onore. “Speriamo – dicono i promotori – che l’iniziativa ispiri i fedeli a continuare a pregare con fervore per la sua buona salute, sia fisica che spirituale. Speriamo anche che rincuori il cardinale Burke e acceleri la sua guarigione. Dio la benedica, Eminenza, e guarisca presto”. Tra le testimonianze, quelle dell’arcivescovo Cordileone e del vescovo Schneider.

***

Mi unisco nell’offrire preghiere, messe e digiuni assieme a tante brave persone cattoliche in tutto il mondo per la rapida guarigione del cardinale Burke, un caro amico, già mio professore e ispiratore per quasi quarant’anni. Avendo conosciuto Sua Eminenza come amico e maestro fin dagli anni in cui studiavo a Roma (quando era monsignor Burke), sono sempre stato ispirato dalla sua carità, dall’intelligenza, dall’umiltà e dalla pura bontà unita alla sua semplice, infantile devozione a nostro Signore, alla nostra Beata Madre e a tutti i santi.

Ricordo quando diventai vescovo. Allora Raymond Burke era vescovo di La Crosse e stava conducendo un ritiro per un gruppo di suore al momento della mia ordinazione episcopale, ma saltò volentieri un giorno del ritiro per volare a San Diego, servire come co-consacrante e poi tornare indietro. Per lui, nessun sacrificio è troppo grande per mostrare gentilezza verso gli altri.

Ringrazio Dio per avermi dato un modello così eccezionale di sacerdozio, che è stato per me un’ancora e una meta mentre mi sforzo di una fedeltà sempre maggiore nel rispondere alla mia chiamata sacerdotale.

Monsignor Salvatore Cordileone, arcivescovo di San Francisco

*

Siamo di tutto cuore grati alla Divina Provvidenza che, in uno dei tempi più bui della storia, ha donato alla sua Chiesa il cardinale Raymond L. Burke, un vero ornamento del Sacro collegio cardinalizio.

Nel suo fulgido servizio di vescovo e cardinale, egli opera disinteressatamente per la conservazione e la difesa del Deposito divino della fede cattolica, soprattutto in relazione ai sacramenti del Matrimonio e dell’Eucaristia e attraverso la celebrazione della liturgia tradizionale, che è un tesoro che appartiene a tutti i santi e alla Chiesa di tutti i tempi, un tesoro sacro di cui nessuna ordinanza amministrativa fallibile, anche ai livelli più alti della Chiesa, può derubarci.

Il cardinale Burke resta una luce e un sostegno per tanti sacerdoti e fedeli nell’attuale battaglia per la conservazione del tesoro della fede e della liturgia. È un segno consolante che Dio non abbandona la sua Chiesa nelle ore più difficili, finché ci sono ai nostri giorni uomini di Chiesa come il cardinale Burke. Possa questo riempirci di coraggio e speranza.

Il cardinale Burke offre un contributo davvero grande al rinnovamento della Chiesa attraverso la sua attuale malattia, alla quale lo ha chiamato l’imperscrutabile e tuttavia amorevole consiglio della Divina Provvidenza. Ringraziamo il cardinale Burke per aver dato l’esempio, degno di un cardinale, delle virtù del coraggio, della fortezza e della sofferenza per la Chiesa. Abbiamo in lui un cardinale secondo il Cuore di Gesù e imploriamo il Sacro Cuore di Gesù che lo conservi per lunghi e fruttuosi anni di servizio nella santa Chiesa.

Vescovo Atanasio Schneider

*

Nel 1996, come vescovo della diocesi di La Crosse, il rev.mo Raymond L. Burke invitò l’Istituto di Cristo Re Sovrano Sacerdote, allora di recente costituzione, a fondare il suo primo apostolato negli Stati Uniti. Il suo paterno sostegno all’Istituto ha reso possibile il restauro completo dell’Oratorio di Santa Maria a Wausau, che consacrò nel 2003. Come arcivescovo di St. Louis, il cardinale Burke affidò all’Istituto nel 2004 l’Oratorio di San Francesco di Sales. Dal 1999 il cardinale Burke è stato un padre spirituale molto attivo per l’Istituto, ordinando molte decine dei suoi sacerdoti, presiedendo numerose cerimonie per le Suore adoratrici e gli Oblati chierici, oltre ad amministrare il Sacramento della Cresima a centinaia di fedeli.

Avendo avuto così tante provvidenziali opportunità di lavorare sotto la direzione di Sua Eminenza e di collaborare strettamente con lui in molteplici sforzi per il bene della Chiesa, i superiori e i membri dell’Istituto sono stati molto benedetti nel vedere in prima persona che il cardinale Burke è un fedele e amorevole pastore di anime nonché figlio devoto del Sommo Pontefice quale successore di san Pietro. La sua devozione al Sacratissimo Cuore di Gesù, esemplificata dal motto episcopale Secundum cor tuum, unita alla sua dedica a Nostra Signora di Guadalupe, patrona delle Americhe e dei nascituri, e a san Giuseppe, patrono della Chiesa universale, sono stati la fonte spirituale delle sue dichiarazioni e attività per promuovere la dottrina e la vita cattolica con chiarezza, fedeltà e carità.

La famiglia spirituale mondiale dell’Istituto, compresi i suoi superiori, clero, suore e membri laici della Società del Sacro Cuore, è immensamente e sinceramente grata al cardinale Burke per la sua presenza, la guida e la paternità per oltre ventisei anni. Mentre il cardinale continua a riprendersi da questa malattia, Sua Eminenza è ricordata con grande affetto giorno e notte nelle nostre Messe, preghiere e devozioni per l’intenzione della sua tempestiva e completa guarigione. Per intercessione di Maria Immacolata, riponiamo la nostra piena fiducia nella benevola Provvidenza di Nostro Signore Beato Gesù, Cristo Re.

Canonico Matteo Talarico, superiore provinciale dell’Istituto Cristo Re Sommo Sacerdote

*

Il cardinale Raymond Leo Burke è un uomo di ferrei principi e di intensa preghiera. Un autentico santo romano. Un canonista imponente. Un impavido difensore dell’ortodossia. Un paladino del nostro patrimonio liturgico. Un uomo di chiesa che capisce che rituale e bellezza non dovrebbero mai essere distanti. Ma sono la sua fondamentale gentilezza e delicatezza a toccare di più il cuore. Così lontano dalla caricatura dipinta dalla claque di filistei che coprono Roma per la stampa laica e cattolica, questo principe della Chiesa e figlio del Wisconsin non manca di mettere a proprio agio gli amici e anche gli estranei, nonostante la sua alta posizione ecclesiastica, e in questo modo irradia il soave profumo di Cristo. Prego che Nostra Signora di Guadalupe, per la quale il cardinale ha una così speciale devozione, lo avvolga nel suo manto in quest’ora del bisogno.

Sohrab Ahmari, New York Post

*

Una volta scherzai con il cardinale Burke dicendogli: “Sembra che siamo sullo stesso circuito del vaudeville“. Sorrise. Per un paio d’anni di seguito abbiamo condiviso il palco dei relatori in diverse conferenze. Io ero quello che riscaldava. Lui era l’evento principale.

Ma mi trattava come se la mia fosse la voce più importante e urgente sulla verde terra di Dio. Ogni volta che tornavo dal podio al tavolo che avevamo condiviso, si occupava di un punto del mio discorso e mi ringraziava per averlo affrontato. Si comportava come se fossi io la star, un punto in cui volevo e potevo credere… fino al momento in cui sentivo l’ovazione che salutava la presenza del cardinale sullo stesso podio.

È così strano che quest’uomo venga indicato nei titoli come ribelle, litigioso e intrigante. I suoi discorsi non sono certo inquietanti. Non va in cerca di flash e primi piani. Invece offre esercizi attenti, metodici, caritatevoli nel metodo scolastico. Si distinguono perché sembrano presi da uno dei vecchi manuali del seminario. Fino a quando non ho incontrato il cardinale Burke, non avevo sentito discorsi come questi da quando il Servo di Dio padre John Hardon, SJ, si ritirò. L’unico schema che ho potuto rilevare in loro è stato quello che ho riconosciuto da ogni singolo articolo della Summa. Nei discorsi che ho sentito era sempre generoso con coloro con cui non era d’accordo. Non l’ho mai sentito chiamare qualcuno nemico.

Anch’io ho sperimentato la sua generosità, anche se non sono mai stato suo avversario. Due volte io e i miei amici gli abbiamo chiesto di celebrare la messa a Roma per i gruppi che ospitavamo, e per due volte ha detto di sì. A quel tempo era prefetto della Segnatura apostolica, la massima autorità giudiziaria della Chiesa dopo lo stesso papa. Una sorta di presidente della Corte Suprema, il che ci fa immaginare quanto fosse impegnato…

Mike Aquilina, St. Paul Center for Biblical Theology

*

Lo stemma del cardinale Raymond Leo Burke recita: Secundum cor tuum . Si basa su una promessa che il Signore fa nel Libro di Geremia: ” Vi darò pastori secondo il mio cuore, i quali vi guideranno con scienza e intelligenza” (Ger 3:15).

Dal mio punto di vista, il cardinale Raymond Burke è esattamente ciò che nostro Signore aveva in mente quando parlò con e attraverso Geremia. Nei quasi vent’anni in cui ho conosciuto Sua Eminenza – come dipendente dell’Arcidiocesi di St. Louis, come amico e più recentemente come suo addetto stampa – sono stato testimone del fatto che Sua Eminenza vive fedelmente questo motto, spesso a spese della sua stessa reputazione.

Winston Churchill una volta disse: “Hai nemici? Bene. Ciò significa che hai difeso qualcosa nella tua vita”. Se scorrete i social media vedete che il cardinale Burke ha nemici. Anche ora, mentre soffre per le conseguenze del Covid, ecco vili commenti su siti laici e cattolici. Tendono a venire da persone che non hanno mai nemmeno incontrato il cardinale e sono state influenzate da ciò che hanno letto nelle varie pubblicazioni laiche e cattoliche che lo hanno denigrato nel corso degli anni.

Se lo conoscessero di persona, saprebbero che egli è paterno e spiritoso. Scoprirebbero che ricorda i suoi nemici e prega per loro.

Poi ci sono quelli di noi che hanno ricevuto in dono da Dio l’onore di lavorare direttamente con Sua Eminenza o il privilegio di poterlo chiamare amico. Siamo le persone che sono state destinatarie e testimoni dell’affascinante buon carattere del cardinale Burke, della sua mente brillante, del suo amore e della sua devozione per la Santa Madre Chiesa, della sua determinazione nel difendere la Fede, del suo acuto e accattivante senso dell’umorismo, del suo amore per la famiglia, del suo apprezzamento per la terra verdeggiante che la sua famiglia coltivava, della sua chiarezza e fermezza nell’insegnare i principi della fede cattolica, della sua compassione per coloro che soffrono, della sua consapevolezza dell’importanza del rapporto tra i trascendentali classici e Dio stesso, della sua difesa dell’inviolabilità della vita, delle sue tenerezze, del suo desiderio per il bene di ogni persona, del suo profondo amore per Nostro Signore e la Sua Santissima Madre, della sua speranza per la salvezza di tutte le anime e il suo ardente desiderio che tutti (nelle parole del vecchio Catechismo di Baltimora) arrivino a conoscere, amare e servire Dio in questo mondo e ad essere felici con Lui per sempre nell’altro.

Sua Eminenza una volta disse: “So che devo rendere conto a nostro Signore e voglio potergli dire che anche se ho commesso degli errori ho cercato di difenderlo, di servirlo”. In quanto persona onorata di essere stata al suo servizio, non esito a dirgli: “Ben fatto, buono e fedele servitore”.

Elizabeth Westhoff, chief marketing and communication officer Ave Maria School of Law

*

Fu durante il sinodo sulla famiglia che entrai in contatto per la prima volta con il cardinale Burke.

Avevo appena pubblicato un commento su First Things su come la filosofia evoluzionista di Hegel avesse danneggiato il pensiero cattolico moderno sulla natura della misericordia divina e pastorale. Notoriamente, per Hegel, Dio non è Dio senza il mondo, vale a dire che Dio diventa se stesso attraverso la sua creazione. Questa nozione eretica divenne sorprendentemente diffusa e persino accettata tra i teologi e i pastori del ventesimo secolo che iniziarono a pensare alla misericordia divina e pastorale lungo linee simili.

La Chiesa cattolica insegna che la misericordia divina scorre dal costato di Gesù Cristo che è in missione di soccorso per salvarci dai nostri peccati, non per aiutarci a sentirci affermati in essi. I padri sinodali che sostenevano che la Chiesa “dovesse evolversi” per accompagnare le persone nei loro peccati non erano, secondo me, missionari di misericordia, ma piuttosto hegeliani accidentali che offrivano solo falsa misericordia a famiglie che invece avevano disperatamente bisogno della cosa reale.

Avevo appena perso mio padre per un attacco di cuore quando scrissi quelle parole sul sinodo. Quindi, quando Sua Eminenza mi contattò tramite un amico comune per lodare la mia analisi, per dire che sì, esattamente, abbiamo bisogno di vera misericordia, vera salvezza dal peccato e dalla morte, ne fui straordinariamente commosso. Non era solo la pacca sulla spalla di un principe della Chiesa, ma l’elogio di un papà. Più tardi, mi avrebbe incaricato di scrivere un saggio più lungo sullo stesso argomento per un libro che stava pubblicando, il che è stato un onore grande e del tutto inaspettato.

Ero ammirato dal suo profondo intelletto, dalla sua nitida ortodossia, dalla sua riverente precisione nel lodare Dio. Deridevo i suoi detrattori che lo trattavano come se fosse una figura di cera avvolta in un panno barocco. Ho avuto una conoscenza del cardinale Burke che è semplicemente l’eroico contrario della figura di cera. Ho visto in lui un grande difensore della fede, un gigante che combatte per la verità sulla scena mondiale. E chi non vorrebbe un padre così? Ma ogni volta che cenavo con lui di persona, a Washington o a Roma, mi commuovevo di nuovo nel vedere che egli metteva in discussione l’immagine che mi ero costruito nella mente. La figura di cera crollava ripetutamente ogni volta che mi stringeva la mano con calore, ogni volta che lo guardavo trattare tutti con familiarità e rispetto immeritati, ogni volta che rideva. Ecco l’uomo!

Sono arrivato a vedere che non erano solo i suoi detrattori ad aver sbagliato sul conto del cardinale Burke. Ero anche io. Amavo l’immagine di un campione. Ma quello che avevo scoperto era che la sua vera grandezza era la sua umiltà, la sua purezza e, mi affretto ad aggiungere, la sua santità. Tale grandezza non può che essere il dono della vera misericordia di Dio, che sgorga dal costato di Gesù Cristo, che viene effusa per noi nel Santissimo Sacrificio della Messa. Nonostante mi ci sia voluto un po’, alla fine ho capito che la sua grandezza non è dovuta al suo fascino del Midwest, o al suo intelletto imperioso, anche se Dio ha usato entrambi. La sua grandezza deriva dalla sua conformità a Gesù Cristo.

Ora il cardinale Burke è nel momento del suo più grande bisogno e agli scrittori viene chiesto di scrivere apprezzamenti, in vista del momento in cui, speriamo, scenderà da questa croce. Chiediamo pietà, soccorso. Mentre prego e digiuno per Sua Eminenza, non posso smettere di pensare alla grandezza della sua umiltà e della sua santità. Il suo amore per Gesù Cristo, la sua adesione alla fede, la sua difesa degli insegnamenti e delle leggi eterne della Chiesa, la sua passione per la massima riverenza possibile nella liturgia della Chiesa, la sua cura per la salvezza delle anime, la sua paternità spirituale, testimoniano la grandezza di chi confida nella misericordia infinita di Gesù Cristo e vive misericordiosamente verso gli altri. Questo è il tipo di padre spirituale che tutti vorremmo che restasse con noi. E prego Dio che lo faccia.

C.C. Pecknold, professore associato di teologia, Catholic University of America

*

I lockdown globali in risposta al Covid-19 hanno offerto ai vescovi la possibilità di mostrare il loro coraggio o, come nel caso di molti, la loro mancanza di coraggio. Fin dall’inizio, il cardinale Raymond Burke è stato un’eccezione.

Sua Eminenza ha denunciato come i governi e altri “leader” abbiano usato la crisi come pretesto per aumentare il loro potere e limitare la nostra libertà religiosa. In un potente sermone, lo scorso dicembre, ha chiamato in causa il “materialismo marxista” e ha citato l’inquietante appello di Klaus Schwab per un “Grande Reset” dell’economia globale. Sapeva fin dall’inizio che il panico pandemico era molto più di un virus respiratorio.

Il cardinale Burke non ha mai avuto paura di distinguersi anche tra gli uomini con la berretta rossa. Di fronte ai venti contrari della Santa Sede e della Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti, ha osato esprimere preoccupazioni morali sull’uso di cellule derivate dall’aborto nella sperimentazione e nello sviluppo di diversi vaccini Covid-19. Si è anche opposto ai blocchi (che non fanno nulla per prevenire la diffusione del virus) e, più recentemente, ai mandati di vaccinazione…

L’odio nei suoi confronti non esprime semplice disaccordo sulle sue opinioni circa la politica sanitaria. Puzza di zolfo. Quando ho letto il messaggio di Catholics for Choice, mi sono ricordate le parole di Gesù: “Beati voi quando gli uomini vi odiano e maledicono a causa del mio nome”.

Offri una preghiera per la guarigione del cardinale Burke. E non dimenticare di ringraziare Dio che ci sono vescovi che preferiscono la volontà di Dio alla lode degli uomini.

Jay Richards, senior fellow, Discovery Institute

*

Il cardinale Burke è in una posizione unica in questo momento nel mondo e nella Chiesa. È venuto al mondo ed è entrato nella Chiesa in una fase pericolosa. Divenne maggiorenne nei turbolenti anni Sessanta. Poté sentire l’odore del fumo dei disordini del ghetto a Washington. Potrebbe aver visto le fiamme.

Era presente all’insegnamento dell’eresia modernista alla Catholic University of America. È stato ordinato sacerdote da papa Paolo VI, fatto vescovo da Giovanni Paolo II, elevato al cardinalato da Benedetto XVI. Divenne il primo difensore americano del vincolo del Tribunale Supremo della Segnatura Apostolica e alla fine fu nominato prefetto della più alta corte ecclesiastica della Chiesa.

Tutto questo è per dire che è preparato in modo unico per i problemi che affrontiamo nella Chiesa e nel mondo…

Preghiamo perché, quando si alzerà dal letto di malato, coloro che sono a Roma tornino in sé e si rendano conto del tesoro che è il cardinale Raymond Burke.

Austin Ruse, presidente Centro per la famiglia e i diritti umani

*

Poco più di un anno fa, subito dopo che mio fratello, p. Paul Check, assunse la guida del Santuario di Nostra Signora di Guadalupe a La Crosse, mi recai per alcuni giorni nel sud-ovest non glaciale del Wisconsin per visitare lui e il costruttore del Santuario, il cardinale Burke.

Avevo incontrato Sua Eminenza una o due volte e lui aveva tenuto il discorso di apertura alla conferenza nazionale 2018 di Catholic Answers. Ma fu durante questa visita a La Crosse che conobbi il cuore generoso e la fede del tutto infantile di un uomo che avevo, fino a quel momento, conosciuto solo come uno degli intelletti più eminenti della nostra epoca. Non è altro che un Juan Diego del Wisconsin, un ragazzo di campagna che ha detto sì all’invito della Madonna di costruire una chiesa su una collina affinché possa rivelare al mondo suo Figlio, il suo infallibile perdono e il suo amore perfetto.

Ci siamo seduti dopo cena, una sera, finendo il nostro vino rosso. Ne sentivo gli effetti, per non parlare della gioia di essere in compagnia fraterna di un uomo così grande. Mi rese così audace da proporgli: “Eminenza, siamo a undici anni dal cinquecentesimo anniversario degli eventi di Tepeyac Hill. Mi sembra che qualunque cosa tu e mio fratello abbiate pianificato per il Santuario da ora ad allora, deve essere fatta con quella grande celebrazione sempre al centro dell’attenzione”.

Il cardinale Burke annuì e disse: «Sì. E dovrebbe essere una grande festa”. Con un ampio sorriso, si sporse in avanti e aggiunse: “Non pensi che dovremmo avere i fuochi d’artificio?”

Fu allora che seppi di essere in compagnia di un santo, perché i santi possiedono qualcosa che manca completamente alla nostra epoca di incredulità. È quello che G.K. Chesterton chiama “il dono della meraviglia”. Tutti riceviamo quel dono da bambini, ma solo i santi lo portano nel cuore per tutta la vita. È gioia in presenza delle delizie della creazione che deriva da una gioia di vivere la vita alla presenza costante di Colui per mezzo del quale quella creazione è stata fatta.

Non vedo l’ora che arrivi il 2031, e sto accanto a Sua Eminenza, godendomi i fuochi d’artificio.

Christopher Check, presidente Catholic Answers

_______________________________

Fonte: crisismagazine.com

 

 

I miei ultimi libri