The Viganò Tapes #5: “Trapped in an Impasse” (con traduzione)

The Viganò Tapes consist of 18 tapes each one containing a question that we asked Archbishop Viganò at the end of August 2021. This exclusive interview covers the current situation in the Church and in the world. This video is #5 of these 18 tapes, in which Archbishop Viganò discussing how we, citizens and faithful, can respond to the current situation. The remaining tapes will be released in the coming days.

Traduzione italiana della quinta risposta

Noi ci troviamo intrappolati in un’impasse, in un vicolo cieco, dal quale non possiamo uscire finché non lo riconosciamo per quello che è. Se pensiamo che la crisi presente possa trovare soluzione rivolgendoci all’autorità civile o religiosa come se ci trovassimo in condizioni di relativa normalità, continuiamo a non comprendere che la responsabilità di questa crisi sta proprio nel tradimento di coloro che rivestono l’autorità. Non possiamo chiedere giustizia per un torto subito, se il giudice che deve condannare chi lede i nostri diritti è suo complice. Non possiamo ricorrere ai politici per far revocare la violazione delle libertà fondamentali, se sono proprio loro a votare nei Parlamenti queste violazioni perché obbediscono a chi li paga o li ricatta. E non possiamo chiedere ai Vescovi – e tantomeno alla Santa Sede – di tutelare i diritti dei fedeli, quando Vescovi e Vaticano considerano la nostra richiesta una minaccia per il potere che detengono e per l’ideologia fallimentare che difendono.

* * * * * * * * * 

Dall’estate del 2018, quando rivelò al mondo il suo memoriale sul caso dell’ex cardinale McCarrick, l’arcivescovo Carlo Maria Viganò è diventato il capofila di un movimento di resistenza cattolica a difesa della retta dottrina e della fede nel segno della Tradizione, contro l’apostasia ormai dilagante. Titolare del popolare blog Duc in altum, nel quale gli interventi dell’arcivescovo compaiono spesso, Aldo Maria Valli raccoglie nel volume Nell’ora della prova numerosi contributi dell’ex nunzio negli Usa: testi che, spaziando dall’analisi della situazione della Chiesa a temi di spiritualità, compongo un quadro indispensabile per capire che cosa significa oggi essere cattolici. Un testo che l’arcivescovo ha scritto per amore alla verità e rinunciando a tutte le royalties derivanti dalle vendite.

“Ascoltare, o riascoltare, la voce di monsignor Viganò – scrive Valli – è come salire in cima a una montagna. È come respirare a pieni polmoni dopo essere rimasti troppo a lungo esposti ai miasmi della menzogna, delle mezze verità, delle parole che nascono dall’opportunismo politico e non dall’amore per la Verità”.

Carlo Maria Viganò (Varese, 1941), consacrato arcivescovo da san Giovanni Paolo II nel 1992, ha lavorato nella segreteria di Stato della Santa Sede ed è stato segretario generale del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano e nunzio apostolico negli Stati Uniti d’America.

I miei ultimi libri