Le scale mobili di Londra e quegli infortuni “da paura”

Nella metropolitana di Londra la prima causa di infortunio tra gli utenti, che un tempo era l’ubriachezza, è diventata la caduta dalle scale mobili. Le persone, infatti, temendo di contrarre il Covid, non si tengono ai corrimano. Situazione paradossale, illustrata da Victoria Friedman in un articolo per breitbart.com del quale riportiamo una sintesi.

***

Le cadute delle scale mobili nelle stazioni della metropolitana di Londra sono aumentate perché gli utenti hanno paura di contrarre il coronavirus se si tengono al corrimano. Lo ha detto un funzionario della London Underground.

L’amministratore delegato della metropolitana, Andy Lord, ha spiegato a un comitato di sicurezza di Transport for London che “c’è un problema con l’idea che il corrimano non sia pulito a causa della pandemia”.

Il secondo fattore più importante per le cadute è l’ubriachezza.

La riluttanza a toccare i corrimano è diffusa nonostante uno studio dell’Imperial College di Londra non abbia trovato tracce del virus cinese in campioni d’aria o su superfici condivise su molti treni, autobus, stazioni della metropolitana o depositi di autobus di Londra.

Il terrore dei londinesi di contrarre il virus sembra far parte di una più ampia cultura della paura che attanaglia la nazione. Un sondaggio di luglio, effettuato meno di due settimane prima della fine della maggior parte delle restrizioni, ha rilevato che il 79% dei britannici ha avvertito un certo livello di nervosismo per la fine del lockdown. Più di un interpellato su cinque (21 per cento) ha dichiarato di sentirsi “molto nervoso”, il 34 per cento “abbastanza nervoso” e il 24 per cento “non molto nervoso”. Solo il 21% ha dichiarato di non sentirsi “per niente nervoso”.

Un altro sondaggio condotto nello stesso periodo ha rilevato che la maggior parte dei britannici sosteneva il governo che imponeva legalmente l’uso di maschere negli spazi pubblici e il 70% affermava che senza queste misure si sarebbe sentito insicuro nelle aree affollate.

Uno studio di aprile ha rilevato che solo l’otto per cento dei britannici si sente a proprio agio nel contatto fisico, come un abbraccio o una stretta di mano.

Altri sondaggi condotti dall’inizio della pandemia indicano che i britannici desiderano rimanere sottoposti a ulteriori limitazioni e vogliono che ci siano punizioni ancora più dure per i presunti trasgressori.

Ma i britannici non sono sempre stati così paurosi. Un sondaggio YouGov del 13 marzo 2020 ha rilevato che in quel periodo la maggior parte delle persone non era preoccupata per il Covid-19, un atteggiamento che non era sfuggito all’attenzione dei consiglieri del governo nei primi mesi della pandemia.

Un documento intitolato Opzioni per aumentare l’adesione alle misure di distanziamento sociale, datato 22 marzo 2020 e pubblicato dal governo il 5 maggio, è stato discusso in una riunione dell’influente gruppo consultivo scientifico per le emergenze (Sage) il 23 marzo di quello anno.

In una sezione intitolata Persuasione, i consulenti del sottogruppo di scienze comportamentali, lo Scientific Pandemic Insights Group on Behaviors hanno osservato che “un numero sostanziale di persone non si sente ancora sufficientemente minacciato personalmente” dal virus cinese. Di qui il monito: “Il livello percepito di minaccia personale deve essere aumentato, utilizzando incisivi messaggi emotivi. Per essere efficace, questo deve anche responsabilizzare le persone rendendo chiare le azioni che possono intraprendere per ridurre la minaccia”.

In effetti, alcuni messaggi del governo sembravano accettare il messaggio secondo cui i britannici dovevano sentirsi più “minacciati personalmente”, utilizzando “messaggi emotivi di forte impatto”, come la campagna pubblicitaria di gennaio che affermava che incontrare un amico per un caffè potrebbe “costare vite”, o come i video drammatici dei pazienti affetti da coronavirus in ospedale che il membro dell’Assemblea londinese David Kurten ha condannato come “propaganda emotivamente manipolativa”.

Fonte: breitbart.com

Foto Tolga Akmen/AFP via Getty Images

* * * * *

Sei un lettore di Duc in altum? Ti piace questo blog? Pensi che sia utile? Se vuoi sostenerlo, puoi fare una donazione utilizzando questo IBAN:

IT65V0200805261000400192457

BIC/SWIFT  UNCRITM1B80

Beneficiario: Aldo Maria Valli

Causale: donazione volontaria per blog Duc in altum

Grazie!

I miei ultimi libri