The Viganò Tapes #17: “Let us not be frightened” (con traduzione)

The Viganò Tapes consist of 18 tapes each one containing a question that we asked Archbishop Viganò at the end of August 2021. This exclusive interview covers the current situation in the Church and in the world. This video is #17 of these 18 tapes, in which Archbishop Viganò explains that, despite all of these dangers, “We have at our side the Most Blessed Virgin, she who is our Mother and Our Queen. We entrust ourselves and our loved ones to Her protection.” The remaining tape will be released in the coming days.

Traduzione della diciassettesima risposta

Vostra Eccellenza vuole lasciarci un messaggio di speranza, in questa situazione che umanamente appare disperata?

Vorrei rincuorare tutti coloro che mi ascoltano, con le parole che già molte volte ho usato. Basterebbe ripetere le parole di Nostro Signore: portæ inferi non prævalebunt, per ritrovare serenità. Queste sono parole che conosciamo bene, e dinanzi alle quali sappiamo che la vittoria finale appartiene a Dio; eppure a noi preme comprendere non tanto le verità escatologiche, quanto il nostro destino immediato, quello che avverrà di noi nei prossimi mesi, nei prossimi anni. Siamo preoccupati per i nostri cari, i nostri figli, i nostri anziani. Siamo preoccupati per quello che accadrà di noi di qui a qualche settimana, perché ogni giorno i governanti ci impongono nuove norme, nuove limitazioni, nuovi obblighi. E se molti elementi ci fanno pensare che siamo vicini alla fine dei tempi, questo non allevia le nostre sofferenze per il presente e il futuro immediato.

Il mio primo pensiero va alle parole di Nostro Signore: «Non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l’anima; temete piuttosto colui che ha il potere di far perire e l’anima e il corpo nella Geenna» (Mt 10, 28). La vita della Grazia, l’amicizia con Dio, la frequenza costante della Messa e dei Sacramenti sono per noi invincibile medicina contro la peste spirituale che colpisce l’umanità. Non lasciamoci spaventare dalle minacce incombenti: quando il demonio ruggisce, significa che il Signore non gli permette di mordere. Al nostro fianco abbiamo la Vergine Santissima, nostra Madre e Signora: affidiamo noi stessi e i nostri cari alla Sua protezione, certi che Ella saprà bastonare come merita quel leone affamato. «Resistetegli saldi nella fede, sapendo che i vostri fratelli sparsi per il mondo subiscono le stesse vostre sofferenze» (1Pt 5, 9).

* * * * * * * * * 

Dall’estate del 2018, quando rivelò al mondo il suo memoriale sul caso dell’ex cardinale McCarrick, l’arcivescovo Carlo Maria Viganò è diventato il capofila di un movimento di resistenza cattolica a difesa della retta dottrina e della fede nel segno della Tradizione, contro l’apostasia ormai dilagante. Titolare del popolare blog Duc in altum, nel quale gli interventi dell’arcivescovo compaiono spesso, Aldo Maria Valli raccoglie nel volume Nell’ora della prova numerosi contributi dell’ex nunzio negli Usa: testi che, spaziando dall’analisi della situazione della Chiesa a temi di spiritualità, compongo un quadro indispensabile per capire che cosa significa oggi essere cattolici. Un testo che l’arcivescovo ha scritto per amore alla verità e rinunciando a tutte le royalties derivanti dalle vendite.

“Ascoltare, o riascoltare, la voce di monsignor Viganò – scrive Valli – è come salire in cima a una montagna. È come respirare a pieni polmoni dopo essere rimasti troppo a lungo esposti ai miasmi della menzogna, delle mezze verità, delle parole che nascono dall’opportunismo politico e non dall’amore per la Verità”.

Carlo Maria Viganò (Varese, 1941), consacrato arcivescovo da san Giovanni Paolo II nel 1992, ha lavorato nella segreteria di Stato della Santa Sede ed è stato segretario generale del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano e nunzio apostolico negli Stati Uniti d’America.

I miei ultimi libri