“The Lancet”: la stigmatizzazione dei non vaccinati non ha base scientifica e va fermata

Cari amici di Duc in altum, la rivista scientifica inglese The Lancet (che prende nome dal bisturi e si chiama così per la precisione delle sue analisi in campo medico) si è accorta che a danno dei non vaccinati esiste una discriminazione che si manifesta anche attraverso l’espressione “pandemia dei non vaccinati”, mentre in realtà – scrive il professor Günter Kampf dell’Institute for Hygiene and Environmental Medicine dell’Università di Greifswald – vi sono prove crescenti che gli individui vaccinati continuano ad avere un ruolo rilevante nella trasmissione del virus”. Ora qualcuno dirà che anche The Lancet è complottista?

Vi propongo la traduzione dell’articolo.

***

di Günter Kampf

Negli Stati Uniti e in Germania, funzionari di alto livello hanno usato l’espressione “pandemia dei non vaccinati”, suggerendo che le persone che sono state vaccinate non sono rilevanti nell’epidemiologia di Covid-19. L’uso di questa frase da parte dei funzionari potrebbe incoraggiare uno scienziato a sostenere che “i non vaccinati minacciano i vaccinati per il Covid-19” [1].

Ma questa visione è troppo semplicistica.

Vi sono prove crescenti che gli individui vaccinati continuano ad avere un ruolo rilevante nella trasmissione del virus. Nel Massachusetts, durante vari eventi nel luglio 2021, sono stati rilevati 469 nuovi casi di Covid-19 e 346 (74%) di questi riguardavano persone completamente o parzialmente vaccinate, di cui 274 (79%) erano sintomatici. I valori di soglia del ciclo erano similmente bassi tra le persone che erano state completamente vaccinate (mediana 22,8) e le persone che non erano vaccinate, non completamente vaccinate o il cui stato vaccinale era sconosciuto (mediana 21,5), indicando un’elevata carica virale anche tra le persone che erano completamente vaccinate [2].

Negli Stati Uniti, entro il 30 aprile 2021 sono stati segnalati 10262 casi di Covid-19 in persone vaccinate, di cui 2725 (26,6%) erano asintomatiche, 995 (9,7%) sono state ricoverate e 160 (1·6%) sono morte [3].

In Germania, il 55,4% dei casi sintomatici di Covid-19 in pazienti di età pari o superiore ai sessant’anni riguardava individui completamente vaccinati [4] e questa proporzione aumenta ogni settimana. A Münster, in sempre Germania, si sono verificati nuovi casi di Covid-19 in almeno 85 (22%) delle 380 persone che erano completamente vaccinate o che si erano riprese dal Covid-19 e che frequentavano una discoteca [5].

Le persone vaccinate hanno un rischio inferiore di contrarre malattie gravi, ma sono ancora una parte rilevante della pandemia. È quindi sbagliato e pericoloso parlare di “pandemia dei non vaccinati”.

Storicamente, sia gli Stati Uniti sia la Germania hanno generato esperienze negative stigmatizzando parti della popolazione per il colore della pelle o la religione. Invito i funzionari e gli scienziati di alto livello a fermare la stigmatizzazione inappropriata delle persone non vaccinate, che includono i nostri pazienti, colleghi e altri concittadini, e a fare uno sforzo maggiore per riunire la società.

_________________

Note

Goldman E, How the unvaccinated threaten the vaccinated for COVID-19: a Darwinian perspective. Proc Natl Acad Sci USA. 2021; 118e2114279118

Brown CM, Vostok J, Johnson H et al., Outbreak of SARS-CoV-2 infections, including COVID-19 vaccine breakthrough infections, associated with large public gatherings—Barnstable County, Massachusetts, July 2021. MMWR Morb Mortal Wkly Rep. 2021; 70: 1059-1062

US Centers for Disease Control and Prevention COVID-19 Vaccine Breakthrough Case Investigations Team, COVID-19 vaccine breakthrough infections reported to CDC—United States, January 1–April 30, 2021, MMWR Morb Mortal Wkly Rep. 2021; 70: 792-793

Robert Koch Institut, Wöchentlicher Lagebericht des RKI zur Coronavirus-Krankheit-2019 (COVID-19)—14·10·2021—aktualisierter Stand für Deutschland, https://www.rki.de/DE/Content/InfAZ/N/Neuartiges_Coronavirus/Situationsberichte/Wochenbericht/Wochenbericht_2021-10-14.pdf?__blob=publicationFile

Von Dolle F, Münster: Inzwischen 85 Infizierte nach 2G-Party im Club

https://www1.wdr.de/nachrichten/westfalen-lippe/corona-infektionen-clubbesuch-muenster-100.html

Fonte: The Lancet

Titolo originale: Covid-19: stigmatising the unvaccinated is not justified

* * * * *

Sei un lettore di Duc in altum? Ti piace questo blog? Pensi che sia utile? Se vuoi sostenerlo, puoi fare una donazione utilizzando questo IBAN:

IT65V0200805261000400192457

BIC/SWIFT  UNCRITM1B80

Beneficiario: Aldo Maria Valli

Causale: donazione volontaria per blog Duc in altum

Grazie!

I miei ultimi libri

Sei un lettore di Duc in altum? Ti piace questo blog? Pensi che sia utile? Se vuoi sostenerlo, puoi fare una donazione utilizzando questo IBAN:

IT65V0200805261000400192457
BIC/SWIFT: UNCRITM1B80
Beneficiario: Aldo Maria Valli
Causale: donazione volontaria per blog Duc in altum

Grazie!