Freedom Convoy / Si dimette il capo della polizia di Ottawa

Il capo della polizia di Ottawa, Peter Sloly, ha annunciato le dimissioni. Lo riporta la Cbc canadese. Il funzionario era stato aspramente criticato per la gestione delle proteste dei Freedom Convoy che da tre settimane stanno paralizzando la capitale del Canada.

***

di Chris Tomlinson

breitbart.com

Il capo della polizia di Ottawa Peter Sloly ha rassegnato le dimissioni, dopo settimane di continue proteste contro le restrizioni da coronavirus di Wuhan da parte dei camionisti del Freedom Convoy. Le dimissioni sono arrivate un giorno dopo che il primo ministro Justin Trudeau ha invocato i poteri di emergenza.

Sloly, criticato da molti contrari alle proteste del Freedom Convoy per la sua gestione della situazione nel centro di Ottawa, si è dimesso per presunti conflitti con i colleghi del servizio di polizia di Ottawa, nonché  con i membri della Royal Canadian Mounted Police (RCMP) e la Polizia provinciale dell’Ontario (OPP).

Secondo un rapporto dell’emittente canadese CBC, Sloly, di carattere irascibile, avrebbe rimproverato alti funzionari di polizia. Presumibilmente ha alzato la voce e ha urlato contro i membri della leadership del servizio di polizia di Ottawa.

“In questo momento il servizio di polizia di Ottawa è paralizzato”, ha detto una fonte all’emittente e ha aggiunto: “Sono paralizzati proprio in prima linea. Stanno aspettando indicazioni dal senior leadership team e sono frustrati dal modo in cui vengono visti dal pubblico a causa dello spettacolare fallimento del loro leader”.

Altri hanno accusato Sloly di non avere piani concreti per porre fine alle proteste che hanno visto i camionisti e i loro sostenitori accamparsi davanti all’edificio del parlamento canadese e nelle immediate vicinanze.

“Se qualcuno mi pagasse 346 milioni di dollari all’anno e io mi rifiutassi di fare il mio lavoro, dovrei essere licenziato. La polizia di Ottawa viene impiegata e ricompensata con aumenti di budget ogni anno, ma in risposta abbiamo tutto questo. Bisogna definanziare la polizia”, ha scritto Huda Idrees, amministratore delegato della società di Toronto Dot Health nei primi giorni delle proteste.

Assunto come capo della polizia di Ottawa nel 2019, Sloly ha denunciato problemi di razzismo sistematico all’interno delle forze di polizia e si è spinto fino a sporgere denuncia contro uno dei suoi stessi agenti di polizia per un presunto “meme razzista” che era stato condiviso tra membri del servizio di polizia di Ottawa nel 2020.

Sloly aveva precedentemente parlato della possibilità che ai militari fosse chiesto di aiutare la polizia nel tentativo di rimuovere i camion e altri oggetti collocati in centro dai manifestanti e aveva affermato che tutte le opzioni erano sul tavolo. Tuttavia, i militari hanno rimproverato Sloly, sostenendo che non aveva intenzione di essere coinvolto nell’applicazione della legge a Ottawa.

“Le forze armate canadesi non sono coinvolte nei compiti delle forze dell’ordine in questa situazione e non ci sono piani per tale coinvolgimento”, ha affermato un portavoce del ministero della Difesa canadese.

Il primo ministro Justin Trudeau ha detto che il governo non aveva in programma di schierare i militari nelle strade della capitale canadese, una dichiarazione ribadita lunedì dopo aver invocato formalmente l’Emergencies Act per la prima volta nella storia canadese.

Mentre Trudeau ha affermato che la legge sulle emergenze sarà limitata nel tempo e geograficamente ristretta, promettendo di difendere i diritti stabiliti nella Carta dei diritti e delle libertà, il vice primo ministro Chrystia Freeland ha dichiarato che il governo starebbe esaminando il congelamento dei conti bancari e dei beni dei sostenitori del Freedom Convoy, oltre a regolamentare le piattaforme di crowdfunding e la criptovaluta secondo le regole del finanziamento del terrorismo.

Fonte: breitbart.com

 

I miei ultimi libri