Canada / Mentre gli evangelici sfidano Trudeau, i vescovi cattolici sostengono la repressione

In Canada l’arcivescovo di Gatineau (nel Quebec) Paul-André Durocher attacca monsignor Carlo Maria Viganò per il suo sostegno alla protesta pacifica dei camionisti, ma i vescovi cattolici sono sempre più criticati per il loro silenzio e l’asservimento al regime. Ben diverso l’atteggiamento dei pastori evangelici.

***

di Jules Gomes  

churchmilitant.com

Pastori evangelici e accademici avvertono il primo ministro Justin Trudeau dell’ira di Dio, mentre i fedeli cattolici lamentano la capitolazione dei vescovi canadesi al regime tirannico della nazione.

Domenica, l’arcivescovo di Gatineau Paul-André Durocher ha criticato monsignor Carlo Maria Viganò per aver sostenuto le proteste pacifiche dei camionisti.

“Non so chi abbia scritto l’ultima sceneggiatura di monsignor Viganò, ma voglio solo chiarire che, da arcivescovo canadese vicino alla scena, sono fortemente in disaccordo con la sua premessa inventata, la sua scarsa analisi e le sue conclusioni sbagliate “, ha twittato Durocher.

Il giorno prima di attaccare l’arcivescovo Viganò, il prelato di Gatineau ha approvato un articolo del giornalista di sinistra Christopher Curtis in cui si affermava che i camionisti in protesta erano un “guazzabuglio di guaritori New Age e militanti di destra”.

Curtis, che definisce l’aborto un “diritto fondamentale“, promuove anche la legalizzazione della cannabis per le popolazioni indigene.

Church Militant ha chiesto a monsignor Durocher, membro del Pontificio consiglio della cultura , perché non ha tenuto conto della diversità religiosa ed etnica dei camionisti. Tra i camionisti c’è un numero significativo di sikh, musulmani ed ebrei, oltre a indiani, pakistani, latini, arabi, cinesi, neri, europei dell’est e popolazioni indigene.

I sikh, secondo la loro consuetudine religiosa, hanno organizzato pasti gratuiti (langar) durante i convogli dei camionisti. La polizia canadese ha arrestato i sikh per aver dato cibo gratis ai camionisti.

Mentre l’arcivescovo di Gatineau non ha risposto, monsignor Viganò, che all’inizio di febbraio aveva inviato un messaggio di solidarietà ai camionisti, ha dichiarato: “Quando un arcivescovo confuta pubblicamente un confratello, la giustizia e la carità gli impongono di farlo per difendere la verità. Chiedo quindi a monsignor Durocher: in che senso la mia premessa è ‘fabbricata’? In che cosa è “povera” la mia analisi? Perché le mie conclusioni sono “errate?” Naturalmente, queste domande rimarranno senza risposta perché è chiaro che l’arcivescovo di Gatineau non si preoccupa della verità oggettiva o della salvezza delle anime. La sua dichiarazione rivela piuttosto la sottomissione della Deep Church alla narrativa mainstream e il suo scandaloso asservimento al regime dittatoriale, che con il pretesto della pandemia si sta affermando in tutti i paesi in cui i leader politici si sottomettono all’agenda globalista”.

Durocher, ex allievo della Pontificia Università Gregoriana gestita dai gesuiti, è stato presidente della Conferenza episcopale canadese dal 2013 al 2015.

Sabato il professor Jordan Peterson, psicologo canadese di fama mondiale ha ritwittato il messaggio YouTube di Viganò, etichettandolo come un “messaggio importante” per i camionisti canadesi.

Nel frattempo, in una lettera aperta pubblicata mercoledì, i principali pastori e studiosi evangelici canadesi hanno avvertito che le “azioni tiranniche di Trudeau stanno esponendo questo governo e il popolo al giudizio di Dio”.

“Siamo profondamente preoccupati che non apprezziate il significato dell’ira di Dio su una nazione ribelle e senza legge”, hanno scritto ventotto pastori, esortando il primo ministro cattolico “a pentirsi dei peccati di orgoglio, ribellione a Dio e falsa testimonianza”.

Il principale firmatario è il reverendo Joe Boot, filosofo e presidente fondatore dell’Istituto Ezra per il cristianesimo contemporaneo.

Rivolti al premier, i pastori sottolineano: “Pur rispettando il suo ufficio di funzionario pubblico e onorando il ruolo limitato dell’autorità civile come ministero della giustizia pubblica, non esitiamo ad adempiere alla nostra responsabilità di servitori del Dio vivente ricordandole senza scusarla che Gesù Cristo è Signore e Re e il capo dei re della terra”.

Citando il Salmo 2:10-12 – che è inciso sulla Torre della Pace a Ottawa e scritto nello stemma nazionale – i predicatori hanno ricordato a Trudeau che Dio “costituisce i re e fa cadere i potenti dai loro troni”.

Sottolineando come il primo ministro si sia comportato da dittatore in risposta a “canti, preghiere, danze, zucchero filato, castelli gonfiabili, discorsi sulla costituzione e sfoghi di amore patriottico per il paese”, la lettera aggiunge: “Signor Trudeau, con grande rispetto, lei non è né il re né il sovrano del Canada. Sia lei che i suoi colleghi siete funzionari pubblici inviati per un breve periodo al Parlamento per nostro volere come cittadini per governare sotto Dio nei termini della Carta canadese e per cercare un’armonia nell’interesse legale pubblico. Lei non concede alle persone diritti e responsabilità che appartengono loro come portatori dell’immagine di Dio e popolo libero. Dal momento che non le concede, non ha nemmeno l’autorità per rimuoverle.

Pastori evangelici come Artur Pawlowski, di origine polacca, hanno subito ripetuti arresti e incarcerazioni per aver insistito sul diritto alla libertà di culto.

I vescovi cattolici canadesi, al contrario, hanno chiuso le chiese e hanno imposto la vaccinazione come prerequisito per partecipare alla Santa Messa.

A settembre, l’arcivescovo di Moncton Valéry Vienneau, che ha licenziato un prete che aveva denunciato sodomia, convivenza e aborto, è diventato il primo prelato al mondo a vietare agli indifesi di partecipare alla Santa Messa e di ricevere i sacramenti.

All’inizio di questo mese, i cattolici hanno protestato presso la cattedrale del Sacro Cuore nella Columbia Britannica, sollecitando monsignor Joseph P. Nguyen a revocare le restrizioni imposte per la partecipazione alla Messa.

“Dato che la società è divisa tra ‘vaccinati’ e ‘non vaccinati’, è scioccante vedere alcuni leader della mia stessa Chiesa cattolica incoraggiare questo nuovo apartheid medico”, ha detto il leader della protesta Ken Fraser in un discorso.

L’unico prete cattolico a parlare in controtendenza è padre Anthony Hannon, che ha accompagnato i camionisti nella loro lotta per i diritti umani e sta rimproverando “tanti vescovi [che] stanno seguendo la narrativa” dominante e sostengono “gli ordini ingiusti del governo”.

“La realtà è che i vescovi sono stati condizionati a essere seguaci e non leader. Semplicemente non hanno quello che serve per soddisfare le nostre aspettative. Non aspettare che difendano i tuoi diritti e le tue libertà” ha detto Hannon.

Il sacerdote chiede ai vescovi se uno o entrambi i genitori hanno avuto problemi con l’alcol quando erano bambini. “Il motivo per cui lo chiedo è perché state mostrando il comportamento classico di qualcuno che è cresciuto in un ambiente del genere. È un comportamento autodistruttivo e sta ferendo le persone intorno a voi”.

Domenica, il blog Toronto Catholic Witness ha accusato i vescovi di “continuare a essere invisibili” dopo tre settimane di proteste dei camionisti.

“Invece di nascondersi vergognosamente, avrebbero potuto annunciare immediatamente di inviare una delegazione a Ottawa per mediare tra i camionisti e il primo ministro dell’Ontario”, ha osservato il blog, aggiungendo che “i vescovi del Quebec diabolicamente ispirati sono desiderosi di bandire i cattolici dalla Messa e dai sacramenti!”

“Questa incredibile codardia dei vescovi canadesi come studente del Rite of Christian Initiation of Adults mi sta facendo esplodere di rabbia”, ha twittato un sostenitore del convoglio dei camionisti. “Voi codardi non avete denunciato i peggiori crimini del governo mentre bruciavano le vostre chiese”.

Il sito web della Conferenza episcopale canadese afferma di “promuovere la giustizia e la pace attraverso la sua Commissione episcopale per la giustizia e la pace“, ma finora non ha rilasciato una sola dichiarazione sulla crisi dei diritti umani che sta travolgendo il Canada.

L’ultimo comunicato dei vescovi, del 28 gennaio, annuncia l’istituzione di un Fondo per la riconciliazione indigena che accetterà contributi da 73 diocesi in tutto il Canada per adempiere all’impegno finanziario di trenta milioni di dollari assunto dai vescovi canadesi che si vantano di “promuovere la giustizia e la riconciliazione con gli altri e con l’ambiente”, “camminare con gli esclusi” e sostenere coloro “la cui dignità è stata violata, in una missione di riconciliazione e giustizia”. Eppure ​​restano muti sulla tirannia di Trudeau.

Sette province canadesi, tra cui Alberta, Saskatchewan, Manitoba e Quebec, si oppongono all’Emergency Act di Trudeau.

Riassumendo la situazione, il poeta e giornalista ebreo-canadese David Solway ha denunciato: “Questa è una politica fascista basata sulla presa arbitraria del potere, sulla solidarietà di partito e su misure violente di polizia che allo stesso tempo mantengono la finzione dello ‘stato normativo’, cioè la favola del governo legittimo, amministrativo e giuridico”.

Fonte: churchmilitant.com

 

I miei ultimi libri