Arriva l’Internet dei corpi. Così saremo controllati in tutto. E anche hackerabili

I microchip impiantabili sono l’avanguardia dell’Internet of Bodies (IoB), l’Internet dei corpi, di cui parla il World Economic Forum (WEF): un sistema per monitorare, analizzare e persino modificare i corpi e il comportamento. La Svezia è uno dei primi paesi ad adottare questi microchip. 

***

L’obiettivo dei microchip impiantabili, commercializzati come il massimo in termini di praticità, va ben oltre il permesso di aprire le porte senza chiavi e acquistare cose senza banconote.

L’obiettivo è creare ciò che è chiamato l’Internet of Bodies (IoB), l’Internet dei corpi, proprio come previsto dal World Economic Forum, ovvero un ecosistema di “un numero senza precedenti di sensori”, inclusi sensori emotivi, “attaccati, impiantati all’interno o ingeriti nei corpi umani per monitorare, analizzare e persino modificare i corpi e il comportamento umani” [1].

Le parole che saltano agli occhi sono “modificare i corpi e il comportamento umani”. E chi sarà responsabile di queste modifiche? Non lo dicono, ma possiamo tranquillamente presumere che saranno quelli che hanno qualcosa da guadagnare dalla modifica delle tue azioni e dei tuoi comportamenti.

La Svezia apre la strada

La Svezia è uno dei primi paesi ad adottare microchip impiantabili. Il chip, delle dimensioni di un chicco di riso, viene impiantato appena sotto la pelle della mano e funziona utilizzando la comunicazione a campo vicino (NFC), la stessa utilizzata negli smartphone, o l’identificazione a radiofrequenza (RFID), che viene usata per le carte di credito contactless.

La Svezia è già diventata più o meno una società senza contanti e adesso questo minuscolo impianto sostituirà la necessità di carte di debito e di credito, nonché di sistemi di identificazione e chiavi. Per pagare un articolo, è sufficiente avvicinare la mano sinistra al lettore di carte contactless e il pagamento viene registrato.

Finora sono stati impiantati microchip a un numero che va da cinquemila a diecimila svedesi, anche se le autorità affermano di non conoscere il numero esatto, poiché non esiste un registro centrale.

Al momento si afferma che i chip non possono essere tracciati, ma ciò non significa che rimarranno non tracciabili in futuro. E, sebbene questi primi microchip contengano solo quantità limitate di informazioni, sappiamo che il World Economic Forum sogna di implementare un sistema di identificazione digitale globale che includa tutto ciò che si può immaginare su di te, dalla cronologia delle ricerche online e dalle informazioni mediche fino ai dati bancari personali, al punteggio di credito sociale e altro ancora.

Gli esseri umani stanno diventando hackerabili

Come notato dall’esperta di tecnologia finanziaria Theodora Lau, i chip di pagamento impiantati sono “un’estensione dell’Internet delle cose”; sono un modo per connettere e scambiare dati, e i vantaggi devono essere soppesati rispetto ai potenziali rischi [2].

Ciò è particolarmente vero se e quando più informazioni personali iniziano a migrare al loro interno, lasciandoti vulnerabile agli hacker e alla sorveglianza. Ha detto un notiziario della BBC: “Quanto siamo disposti a pagare, per comodità? Dove tracciamo il confine quando si tratta di privacy e sicurezza? Chi proteggerà l’infrastruttura critica e gli umani che ne fanno parte?” [3].

Circa le preoccupazioni [4] relative ai microchip impiantabili, è importante sottolineare che quasi tutti gli smartphone possono leggere il chip con lo scanner appropriato e “chiunque sarebbe in grado di hackerarlo”, secondo Geoff Watson, un anestesista [5] che ha collaborato con l’inventore del chip “per garantire la procedura di impianto sia eseguita secondo uno standard medico”.

Sebbene molti affermino di non avere timori per la privacy, è probabile che i problemi di privacy aumenteranno di pari passo con la quantità di informazioni personali contenute nei chip e con il numero di persone che li avranno impianti.

Il furto della carta di credito era raro all’inizio e in genere comportava la perdita fisica della carta. Oggi non riesci a tenere una carta di credito per più di una manciata di anni prima che venga in qualche modo rubata anche se la carta è ancora in tuo possesso.

Negli Usa il furto di identità è dilagante e peggiora di giorno in giorno, poiché sono milioni i clandestini bisognosi di nuove identità. Come notato dal Center for Immigration Studies, gli immigrati illegali non sono “privi di documenti”, poiché la maggior parte otterrà documenti fraudolenti attraverso il furto di identità [6]. In altre parole, stanno rubando le identità legali degli americani. Nel 2020, il costo totale per furto di identità e frode di identità è stato di 56 miliardi di dollari, il più alto nella storia registrata, e ha colpito 39 milioni di americani [7].

Non c’è motivo di credere che il furto e la frode smetteranno di esistere quando il microchip diventerà sempre più comune. Un rischio che si aggiunge a quelli legati allo spionaggio del governo e al controllo sia del tuo comportamento che della tua spesa, una volta che i microchip saranno collegati alle tue finanze personali e alle valute digitali programmabili.

In un’intervista del novembre 2019 con la Cnn [8] Yuval Noah Harari, professore di storia e consigliere del fondatore del World Economic Forum Klaus Schwab, ha avvertito che “gli umani ora sono animali hackerabili”, il che significa che esiste la tecnologia grazie alla quale un’azienda o un governo possono conoscerti meglio di quanto tu conosca te stesso, e questo può essere molto pericoloso se usato in modo improprio.

Harari ha predetto che gli algoritmi saranno sempre più utilizzati per decisioni che un tempo erano prese dagli esseri umani, da te stesso o da qualcun altro, come per esempio decidere se verrai assunto o meno per un determinato lavoro, se ti verrà concesso un prestito, quale curriculum scolastico seguirai e anche chi sposerai.

Il piano per controllare le “masse inutili”

In un’altra intervista, Harari ha discusso di quella che Schwab chiama la Quarta Rivoluzione Industriale osservando che ora stiamo imparando a “produrre corpi e menti” (con l’IA, Intelligenza Artificiale) e che una delle sfide più grandi che dobbiamo affrontare sarà decidere che fare di tutte le persone che saranno diventate obsolete nel corso del processo.

In che modo le persone non potenziate dall’IA avranno un significato nella vita? Come trascorreranno il loro tempo quando per loro non ci sarà lavoro né opportunità di accedere a qualche tipo di professione? L’ipotesi di Harari è che la risposta sarà “una combinazione di droghe e giochi per computer”. Decidete voi se questa è una visione utopica o l’inferno sulla terra.

Niente sarà privato, nemmeno le funzioni corporee

Il piano del WEF per l’IoB include anche biosensori che misurano e monitorano il funzionamento biologico e gli stati emotivi. Il Pentagono degli Stati Uniti e Profusa Inc. hanno già collaborato allo sviluppo di un minuscolo biosensore impiantabile che rileva le malattie monitorando le reazioni chimiche all’interno del corpo [9].

Ad esempio, è in grado di verificare se sei stato infettato da un virus come Sars-CoV-2 o l’influenza molto prima che emerga qualsiasi sintomo. Come spiegato da Defense One, il biosensore è composto da due parti [10]: “Una è una stringa di 3 mm di idrogel, un materiale la cui rete di catene polimeriche viene utilizzata in alcune lenti a contatto e altri impianti. Inserito sotto la pelle con una siringa, il filo include una molecola appositamente progettata che invia un segnale fluorescente all’esterno del corpo quando il corpo inizia a combattere un’infezione. L’altra parte è un componente elettronico attaccato alla pelle. Invia luce attraverso la pelle, rileva il segnale fluorescente e genera un altro segnale che può essere inviato a un medico, un sito Web, eccetera. È come un laboratorio per l’analisi del sangue sulla pelle e può segnalare la malattia prima della presenza di sintomi”.

Ora, il sensore consente di esaminare a distanza la biologia di una persona tramite la connettività dello smartphone, e Profusa è supportato da Google, la più grande azienda di data mining al mondo.

Tenendo conto di tutto questo, è difficile immaginare che i tuoi dati biologici non verranno utilizzati per aumentare i profitti dei produttori e il controllo del governo.

Altri dispositivi di monitoraggio e localizzazione

Un’altra invenzione pronta a tracciare la tua salute è costituita dagli array di microaghi a punti quantici nel vicino infrarosso biocompatibili. Come spiegato in un articolo di Science Translational Medicine del 2019 [11], questo nuovo sistema di somministrazione del vaccino è in grado di “fornire sulla pelle modelli di microparticelle che emettono nel vicino infrarosso”. Una sorta di tatuaggio invisibile dell’avvenuta vaccinazione.

Bill Gates ha finanziato anche lo sviluppo di un microchip per il controllo delle nascite che può essere acceso e spento tramite telecomando. Scrive il National Post [12]: “Il microchip anticoncezionale… contiene un ormone comunemente usato nei contraccettivi e ne eroga 30 micro al giorno”. La Fondazione Gates ha donato più di 4,5 milioni di dollari a MicroCHIPS, Inc. per “sviluppare un sistema personale che permette alle donne di regolare la loro fertilità”.

Nel novembre 2019, Daré Bioscience, una società biofarmaceutica con sede a San Diego, ha annunciato [13] di aver raggiunto un accordo per acquisire MicroCHIPS Biotech e di aggiungere il microchip anticoncezionale al proprio portafoglio. È interessante notare che nel 2014 MicroCHIPS diceva che sarebbe stata in grado di immettere il prodotto sul mercato nel 2018, ma a tutt’oggi è ancora in fase di sviluppo.

Le valute digitali

I paesi di tutto il mondo stanno lavorando a un sistema per una valuta digitale della banca centrale (CBDC), una valuta programmabile in modo che tu possa spendere i tuoi soldi solo per determinate cose o in luoghi specifici.

Nel 2007, Aaron Russo, uomo d’affari e produttore cinematografico americano, ha dichiarato a Infowars che l’obiettivo del Nuovo Ordine Mondiale è creare “un governo mondiale unico, in cui tutti hanno un chip RFID impiantato e tutto il denaro dovrà transitare da lì. Non ci saranno più contanti e queste informazioni mi sono state fornite direttamente dallo stesso Rockefeller. Quindi, le persone non potranno prelevare tutti i soldi che vorranno, ogni volta che vorranno. Ci sentiremo dire: ‘Ci devi tot in tasse’, e ci toglieranno il corrispettivo dal tuo chip. Controllo totale. E se protesterai ti spegneranno il chip e non avrai più niente”.

Il Canada sta inserendo in via definitiva nel suo bilancio le sanzioni imposte ai manifestanti [14]. Come forse ricorderete, il governo canadese chiuse i conti bancari dei partecipanti alla protesta dei camionisti contro le vaccinazioni e persino di coloro che donarono ai camionisti un minimo di venticinque dollari.

Le piattaforme di crowdfunding saranno regolamentate in modo più rigoroso e il governo canadese sta lanciando una revisione legislativa delle criptovalute. Pensiamo al controllo esercitato dal governo del Canada. Ha potuto impedire del tutto le donazioni e chiudere il conto di chiunque avesse provato a versare qualche dollaro al movimento per la libertà.

Un piano elaborato per il dominio del mondo

Tutto questo sta accadendo nello stesso momento in cui l’Organizzazione mondiale della sanità, un’altra roccaforte dei tecnici del deep state, sta costruendo un sistema globale di passaporti per i vaccini [15]. Una volta che le CBDC e un sistema globale di passaporti per i vaccini saranno operativi, non passerà molto tempo prima che verranno combinati in uno solo sistema, sotto forma di un microchip impiantabile.

Possiamo prevederlo perché ci hanno detto che questo è il piano. Basta guardare il sito web del World Economic Forum circa The Great Reset [16] e la Fourth Industrial Revolution [17].

Nel libro bianco della Fondazione Rockefeller dell’aprile 2020 [18] Piano d’azione per i test sul Covid-19 nazionale. Passi strategici per riaprire i nostri luoghi di lavoro e le nostre comunità, si illustra la direzione del controllo sociale attraverso l ‘implementazione di misure permanenti di tracciamento.

ID2020 Alliance [19] è una partnership pubblico-privata fondata da Bill Gates con The Vaccine Alliance, The Rockefeller Foundation, Microsoft, Accenture e Ideo.org. Tra i venti membri dell’alleanza ci sono la Learning Economy Foundation [21] fondata dalle Nazioni Unite nel 2018 [22], Facebook, Mastercard, ShareRing, Simprints e altri [23].

ID2020 è iniziato come un programma di identità digitale per il Bangladesh e da allora si è ampliato per includere “l’implementazione di tecnologie digitali che si legano con la visione della Fondazione [Learning Economy] di un mondo in cui gli studenti possono mappare i loro progressi educativi per raggiungere il proprio livello accademico e professionale e gli obiettivi di vita”.

Alla fine, tutto sarà connesso a un unico dispositivo impiantabile. In questo momento, si tratta di vedere se la base per ciò che verrà sarà un passaporto per il vaccino oppure una piattaforma di identità digitale, ma quello che è certo è che, qualunque cosa sia in arrivo, includerà la tua identità digitale, lo stato della vaccinazione e altri dati sanitari.

La tua identità digitale, a sua volta, includerà tutto ciò che si potrà sapere su di te attraverso la sorveglianza tramite biosensori impiantati, il tuo computer, lo smartphone, il GPS, i social media, la spesa online, gli acquisti e le abitudini di ricerca. Immagina di avere un’Intelligenza Artificiale che ascolta, guarda e registra ogni mossa che fai e ogni tuo battito cardiaco, e algoritmi che decidono cosa puoi e cosa non puoi fare in base al tuo comportamento, all’espressione, ai contatti sociali, alle opinioni personali.

Aggiungiamo al quadro le tecnologie che possono cambiare il comportamento e lo stato emotivo con o senza la consapevolezza del soggetto, che è ciò che descrive il documento informativo del WEF 2020 sull’IoB [25]. Può sembrare fantascienza, ma questo è ciò che intendono fare. Ogni nuova tecnologia, ogni nuova opportunità di sorveglianza va nella direzione di ottenere questo obiettivo.

Per decenni, abbiamo abbracciato le tecnologie pensando alla comodità e/o alla sicurezza. È sempre così che ci legano. Ma perderemo tutto ciò per cui valga la pena vivere se continueremo su questa strada senza salvaguardie della privacy e dei diritti di autonomia personale.

_________________________________

1, 25 WEF, Shaping the Future of the Internet of Bodies, luglio 2020

2, 3 BBC, 11 aprile 2022

PBS, 30 gennaio 2019

New York Post, 3 agosto 2017

Center for Immigration Studies, 19 giugno 2009

Privacy Bee How Much Does Identity Theft Cost?

CNN, 26 novembre 2019

9, 10 Defense One, 3 marzo 2020

11 Science Translational Medicine, 18 dicembre 2019; 11(523)

12 National Post, 24 gennaio 2015

13 Xconomy.com, 15 novembre 2019

14 Reclaim the Net, 9 aprie 2022

15 The Counter Signal, 11 aprile 2022

16 WEF Great Reset

17 WEF Fourth Industrial Revolution

18 The Rockefeller Foundation, National Covid-19 Testing Action Plan — Strategic Steps to Reopen Our Workplaces and Our Communities, 21 aprile 2020 (PDF)

19 Biometric Update, 20 settembre 2019

20 ID2020 Founding Partners

21, 22 Gavi.org, Bill and Melinda Gates Foundation

23 ID2020 General Partners

24 Biometric Update, 5 agosto 2021

Fonte: globalresearch.ca

Fonte originale: articles.mercola.com    

Copyright © Dr. Joseph Mercola, 2022

 

I miei ultimi libri