Lacrime islandesi

L’Islanda, che abortisce quasi il cento per cento dei bambini con diagnosi di sindrome di Down, ha tenuto un funerale per un ghiacciaio.

Il ghiacciaio, noto come Okjökull o Ok, copriva 6,2 miglia quadrate nel 1890. Tuttavia, entro il 2012, si era ridotto a meno di 0,3 miglia e nel 2014 gli scienziati islandesi decisero che non si sarebbe più mosso.

Un geologo islandese, Oddur Sigurðsson, ha detto ad Agence France-Presse: “Abbiamo preso la decisione che questo non era più un ghiacciaio vivente, era solo ghiaccio morto, non si muoveva.”

Ecco perché circa cento persone, tra cui il primo ministro islandese Katrín Jakobsdóttir e l’ex presidente irlandese Mary Robinson, hanno tenuto una cerimonia per commemorare la scomparsa del ghiacciaio. Una targa bilingue islandese-inglese, intitolata “Una lettera al futuro”, è stata apposta su un affioramento roccioso.

“Ok è il primo ghiacciaio islandese a perdere il suo status di ghiacciaio”, si legge. “Nei prossimi duecento anni tutti i nostri ghiacciai dovrebbero seguire la stessa sorte. Questo monumento significa riconoscere che sappiamo che cosa sta succedendo e cosa deve essere fatto. Solo tu sai se l’abbiamo fatto”.

Secondo Breitbart, Sigurðsson “ha portato un certificato di morte al servizio commemorativo per attirare l’attenzione sulla crisi climatica.”

Papa Francesco ha alluso al ghiacciaio esaurito all’inizio di questo mese quando è stato intervistato dal quotidiano italiano La Stampa. Mentre spiegava il rapporto tra la sua enciclica Laudato Si ‘ e il prossimo sinodo sull’Amazzonia, Francesco ha detto: “L’altro giorno ho letto di un enorme ghiacciaio islandese che si è sciolto quasi completamente: hanno costruito un monumento funebre”.

Ma è tristemente ironico che i bambini con sindrome di Down scompaiono regolarmente dall’Islanda. In effetti, quasi tutti i Down sono abortiti prima che nascano. Nel 2017 ormai da cinque anni nessun bambino con sindrome di Down era nato in Islanda.

Nello stesso anno Breitbart ha riferito che un genetista islandese si vantava dell’eradicazione della sindrome di Down dal suo paese. “Secondo me abbiamo praticamente quasi sradicato la sindrome di Down dalla nostra società e non c’è quasi più un bambino con sindrome di Down in Islanda”, ha detto Kari Stefansson.

Helga Sol Olafsdottir, consulente dell’ospedale universitario di Landspitali, ha detto che non pensa che l’aborto dei bambini con la sindrome di Down sia qualcosa di sbagliato. “Non consideriamo l’aborto come un omicidio”, ha dichiarato.

Dorothy Cummings McLean

Fonte: LifeSiteNews

I miei ultimi libri