Intervista / Anders Corr: “L’OMS condivide con la Cina la responsabilità della pandemia”

Cari amici di Duc in altum, vi propongo nella mia traduzione buona parte di un’illuminante intervista di Aurelio Porfiri (in inglese nella versione originale) a Anders Corr, analista politico titolare della Corr Analytics, fornitrice di analisi sui rischi politici per imprese commerciali, no profit e mass media ed editore del Journal of Political Risk. Corr, autore ed editore del libro Great Powers, Grand Strategies: The New Game in the South China Sea, prende in esame nell’intervista le responsabilità dell’Organizzazione mondiale della sanità e del Partito comunista cinese circa la pandemia da Covid-19. 

A.M.V.

***

“Il leader dell’OMS? Dovrebbe dimettersi”

Osservando il modo in cui questa pandemia si sta evolvendo, quali sono i maggiori cambiamenti che porterà sulla scena internazionale?

Il Covid-19 è unico nella storia del mondo in quanto ha causato la prima pandemia altamente letale che può essere attribuita alla negligenza di un singolo paese.

Le precedenti pandemie più mortali non possono essere attribuite alla colpa di un singolo paese. L’AIDS è emerso nei primi anni Ottanta in Camerun e non è stato scoperto fino a quando non fu troppo tardi a metà degli anni Ottanta. L’influenza spagnola è emersa nei primi anni del 1900, quando le misure di controllo delle epidemie erano inefficaci o inesistenti.

Il Covid-19 avrebbe dovuto essere scoperto e controllato nel dicembre 2019 a Wuhan, quando sono stati rilevati i primi casi di trasmissione da uomo a uomo. La Cina disponeva in quel momento dell’esperienza e delle procedure di controllo delle epidemie per controllare l’epidemia, ma i funzionari locali e nazionali del Partito comunista cinese (PCC) hanno schiacciato i tentativi dei medici locali di allertare il mondo. A sua volta, il PCC non è riuscito ad allertare adeguatamente il pubblico e altri paesi. Mentre hanno messo interamente in quarantena Wuhan, non permettendo ad esempio i viaggi da Wuhan a Pechino, hanno continuato a consentire viaggi internazionali dalla città e dai dintorni dopo lo scoppio dell’epidemia, e hanno usato la loro influenza verso l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per indurre in errore altri paesi nel non chiudere i confini per controllare l’epidemia.

Le prove indicano una negligenza criminale da parte della Cina. Le azioni della Cina potrebbero anche essere state intenzionali. In entrambi i casi, hanno causato al mondo oltre 150 mila morti, nonché una recessione globale di circa il 2 – 5% di perdita nella crescita del PIL. I danni globali possono già essere stimati a un minimo di 5 – 10 trilioni di dollari. Tale importo aumenterà quando ulteriori effetti economici e sanitari saranno chiariti e presi in considerazione. La Cina è responsabile di questi danni e dovrebbe pagare un risarcimento.

Il fallimento globale della salute pubblica in Cina è evidente a tutti i paesi che attualmente soffrono di Covid-19 e porterà a una domanda globale di riparazioni che indebolirà l’economia e il soft power della Cina. Per compensare le loro perdite, i paesi colpiti da Covid-19 dovrebbero presentare causa dinanzi ai propri tribunali nazionali, nonché a quelli internazionali, contro Pechino. I tribunali dovrebbero determinare l’ammontare delle perdite, e quindi i paesi dovrebbero essere compensati sotto forma di debiti cancellati e pignoramento delle partecipazioni cinesi all’estero. Ciò causerà un indebolimento economico della Cina, e con questo indebolimento il paese sarà meno una minaccia militare e in termini di influenza politica globale.

In che modo Cina, Stati Uniti e Russia hanno giocato le loro carte in questo tragico gioco?

Oltre che a rendersi responsabile di negligenza criminale nel permettere che l’epidemia diventasse una pandemia, la Cina ha commesso un errore nel tentativo di utilizzarlo come un’opportunità per fare propaganda nel mondo sulla sua presunta risposta autoritaria efficace e attraverso false notizie, ad esempio teorie sulla sua origine in Italia o negli Stati Uniti. Queste false notizie dalla Cina hanno fatto infuriare l’opinione pubblica mondiale e reso più difficili i futuri tentativi della Cina di riguadagnare il suo potere persuasivo.

Gli Stati Uniti hanno preso buone iniziative e cattive iniziative a proposito di Covid-19. Avremmo dovuto chiudere i contatti con la Cina prima. Taiwan ha iniziato a imporre restrizioni di viaggio in Cina il 26 gennaio. Abbiamo aspettato fino al 31 gennaio. La frequenza scolastica avrebbe dovuto essere ridotta prima, dove almeno un genitore era a casa, in modo da ridurre al minimo l’impatto sull’economia.

Inoltre, dobbiamo considerare che i paesi democratici sono in competizione economica e militare a lungo termine con la Cina e la Russia nel determinare il futuro dell’ordine mondiale. Se permettiamo alle nostre economie di vacillare a causa del Covid-19, mentre la Cina e la Russia avanzano a tutta velocità economicamente, senza tener conto delle morti causate dal virus nei loro paesi, Cina e Russia potrebbero batterci e infine sconfiggerci nella competizione economica e militare globale. Ciò comporterebbe un aumento della morbilità nelle democrazie (e altrove) in quanto verrebbero poi soggiogate dai più potenti paesi autoritari del mondo. Il premier cinese Li Keqiang ha già chiarito che l’obiettivo mercantilista del PCC per il futuro è quello di ridurre gli Stati Uniti a fornitori di materie prime, energia e prodotti agricoli mentre la Cina cercherà di dominare l’alta tecnologia e la produzione industriale. Il futuro che la Cina prevede per il resto del mondo non è salutare per nessuno, ma solo per la leadership del PCC.

Ha detto che l’OMS è stata influenzata dalla Cina. Pensa che l’OMS condivida la responsabilità con la Cina per la gestione della pandemia da Covid-19?

L’OMS condivide la responsabilità della pandemia con la Cina, e dovremmo ricordare che la Cina, e più specificamente il PCC, ha la principale responsabilità perché il PCC: 1) ha permesso le condizioni per l’epidemia iniziale, sia a causa dei mercati umidi sia del lassismo nelle pratiche di sicurezza; 2) ha tentato di coprire l’epidemia; 3) ha spinto l’OMS a prendere l’epidemia meno seriamente di quanto avrebbe dovuto; 4) poi l’OMS, dopo che il virus si diffuse irrimediabilmente rilasciato nel mondo e divenne una pandemia, creò un allarme che fece sì che i paesi chiudessero le loro economie attraverso un distanziamento sociale aggressivo, che avrebbe poi causato effetti secondari come depressione, alcolismo, suicidi e problemi per i sistemi sanitari.

Tutte le azioni dell’OMS hanno funzionato a vantaggio relativo della Cina. Dato che la candidatura a direttore generale dell’OMS del dottor Tedros Adhanom è stata sostenuta dalla Cina, e dato che egli ha avuto rapporti stretti con la Cina per anni, sarebbe prudente vedere l’OMS come un’estensione della Cina e prendere i sui consigli cum grano salis, almeno fino a quando la sua leadership potrà essere cambiata.

Dovrebbe anche essere chiaro che l’OMS è sotto il controllo della Cina, dato che è rimasta in silenzio circa l’ammissione di Taiwan all’organizzazione, al punto da ignorare l’avvertimento tempestivo di Taiwan, il 31 dicembre 2019, della trasmissione da uomo a uomo di Covid-19. Ricordo che la Cina e l’OMS hanno ammesso la trasmissione da uomo a uomo solo il 20 gennaio, dopo che migliaia di portatori avevano già diffuso il virus a livello globale.

La straordinaria influenza della Cina sull’OMS ha indotto gli Stati Uniti a esercitare pressioni sull’OMS annunciando giustamente, il 15 aprile, una sospensione del finanziamento di oltre 400 milioni di dollari all’anno all’organizzazione. Tale pressione ha avuto un effetto immediato. Il 17 aprile il direttore esecutivo dell’OMS Michael Ryan ha elogiato la risposta di Taiwan alla pandemia. Dovremmo dunque fare pressione sull’OMS per ulteriori passi verso Taiwan, compresa la sua piena inclusione come membro paritario. Tale inclusione sarebbe l’unico modo per l’OMS di dimostrare di essersi sbarazzata dell’influenza mortale della Cina.

Dovremmo anche chiedere la rimozione del dottor Tedros e del vicedirettore generale Bruce Aylward dalla direzione dell’OMS. In una recente intervista con l’RTHK di Hong Kong, Aylward sembrava mentire e ignorare le domande sulla possibile inclusione di Taiwan nell’OMS. Se questi individui, e altri apparentemente influenzati dalla Cina, non saranno rimossi, l’OMS dovrà perdere finanziamenti e rilevanza a favore di altre organizzazioni per il controllo delle malattie, che con Stati Uniti, Ue, Giappone, Corea del Sud, Australia, Taiwan e altri alleati potrebbero formare una nuova OMS non più sotto l’influenza del PCC.

Lei dice che il PCC sta minacciando la democrazia a livello globale. Come dovrebbero reagire i sostenitori della democrazia?

Dovremmo cercare di sostituire il PCC con una democrazia. A quel punto, l’esercito cinese cesserà di essere una minaccia e non utilizzerà il suo vasto potere economico per minare i diritti umani. In effetti, potremmo aspettarci che una futura Cina democratica aiuterà a sostenere la democrazia in tutto il mondo, come Taiwan.

La democratizzazione è fondamentale nell’era nucleare poiché i paesi autocratici potrebbero causare una guerra nucleare. Al contrario, le democrazie non si mettono quasi mai in guerra l’una con l’altra. Le autocrazie non solo combattono le democrazie, ma si combattono per il dominio. Quindi un mondo di autocrazie, che è ciò che la Cina sembra cercare mettendo sé stessa al vertice, si tradurrebbe in conflitti infiniti e devastanti, con le popolazioni precedentemente democratiche soppresse e guerre internazionali tra stati autocratici rivali. Queste guerre potrebbero intensificarsi fino al punto di usare armi nucleari.

Ma come democratizzare la Cina?

Possiamo disaggregare questa domanda in quelli che credo siano i tre elementi principali della grande strategia: economica, diplomatica e militare. Ho discusso queste questioni altrove in saggi su come sconfiggere il PCC e democratizzare la Cina. Ma posso riassumere brevemente.

Economicamente, le democrazie e i loro alleati dovrebbero tagliare congiuntamente la Cina. Molti oggi sostengono questa idea che viene chiamata “disaccoppiamento” dalla Cina. Il disaccoppiamento economico dalla Cina ha tre scopi. In primo luogo, diminuisce la nostra dipendenza dalla Cina, che è diventata evidente durante la pandemia poiché non siamo stati in grado di produrre abbastanza maschere, ventilatori e macchine per dialisi nelle nostre economie. In secondo luogo, diminuisce l’influenza cinese nella nostra politica ed economia, un’influenza che può essere mortale per la democrazia poiché induce i nostri paesi e le più grandi aziende a intraprendere azioni o inazioni che alla fine hanno risultati autodistruttivi. In terzo luogo, smette di arricchire la Cina e quindi riduce il bilancio di Pechino a favore dell’espansionismo militare che alla fine minaccia la pace e le nostre politiche democratiche.

Diplomaticamente, le democrazie e i loro alleati dovrebbero cercare di isolare la Cina in modo che smetta di influenzare le organizzazioni internazionali, i paesi e le grandi società al fine di favorire la futura egemonia globale della Cina.

Durante la pandemia abbiamo visto come l’OMS ha agito nell’interesse della Cina piuttosto che in quello della salute mondiale. La Cina potrebbe aver convinto il dottor Tedros a guidare il mondo sulla strada sbagliata attraverso la tattica del bastone e della carota. Esistono molti casi comprovati di questa tecnica del PCC.

L’ex consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, H.R. McMaster, ha fatto riferimento all’uso della corruzione da parte della Cina in un suo recente articolo su The Atlantic. “La nuova avanguardia del Partito comunista cinese è una delegazione di banchieri e funzionari di partito con valigie da viaggio piene di soldi”, ha scritto. “La corruzione consente una nuova forma di controllo di tipo coloniale che si estende ben oltre le rotte marittime strategiche nell’Oceano Indiano e nel Mar Cinese Meridionale e altrove”.

L’isolamento diplomatico della Cina per fermare la sua influenza corruttiva può richiedere metodi controversi per cacciare il paese dalle organizzazioni internazionali. Ad esempio, non c’è modo di cacciare la Cina dalle Nazioni Unite senza creare una crisi costituzionale, perché la Cina ha un veto sul Consiglio di sicurezza che deve accettare tale espulsione. Quindi, dovremmo essere pronti a superare una simile crisi.

Militarmente, la Cina sta espandendo il suo controllo territoriale nel Mar Cinese Meridionale a spese di paesi come le Filippine, il Vietnam, l’Indonesia, la Malesia e il Brunei, e sta cercando di espandere il suo controllo in alcune parti del Mar Cinese Orientale possedute dal Giappone, su alcune parti dell’Himalaya che fanno parte dell’India e su Taiwan e le sue acque. Attraverso la costruzione di dighe, la Cina sta minacciando grandi fiumi con sorgenti in Tibet come il Mekong e il Brahmaputra. Le comunità a valle in Myanmar (Birmania), Cambogia, Laos, Vietnam, India e Bangladesh dipendono da secoli da questi fiumi per la pesca, l’irrigazione, i trasporti, l’acqua potabile e l’igiene. Nel Mar Cinese Meridionale, la Cina sta occupando militarmente isole nelle zone economicamente rilevanti di altri paesi, affondando le navi da pesca dei suoi vicini e esaurendo gli stock ittici con la propria flotta cinese di pescherecci sovvenzionati e militarizzati. Contro il Giappone e Taiwan, la Cina sta inviando centinaia di bombardieri e caccia a reazione nucleare in zone sensibili per la difesa aerea, richiedendo voli difensivi giornalieri di aerei da combattimento dal Giappone e da Taiwan. Nel Mar Cinese Meridionale, la Cina cerca di limitare le operazioni navali statunitensi volte a difendere la libertà di navigazione.

Molti di questi paesi stanno subendo operazioni militari cinesi in relativo silenzio, in parte perché i loro politici sono corrotti da grandi imprese che non vogliono creare ondate che potrebbero rovesciare il redditizio commercio cinese. Gli Stati Uniti, il Giappone, l’India e Taiwan stanno facendo un buon lavoro nel difendere il loro territorio e la libertà di navigazione, non permettendo alla Cina di costringerli a fare concessioni. Ciò purtroppo richiede la volontà di rischiare il conflitto militare piuttosto che arretrare quando una nave o un jet cinese si avvicinano in modo minaccioso.

Tuttavia, questi stessi paesi non stanno facendo un buon lavoro nel difendere il territorio di altre democrazie, compresi gli alleati dei trattati. Le Filippine hanno già perso il territorio marittimo in Cina e Taiwan potrebbe essere attaccata in qualsiasi momento. Il segretario generale cinese Xi Jinping ha minacciato la guerra contro entrambi i paesi. I loro alleati non hanno fatto abbastanza per dimostrare un impegno a difesa, aumentando la probabilità di un attacco da parte della Cina. Questo errore di calcolo potrebbe trascinare gli alleati in un conflitto militare altamente distruttivo per il quale nessuno è ancora pronto.

In Europa, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna non hanno fatto un buon lavoro nel mantenere la loro promessa di difendere il territorio ucraino contro la Russia, alleata della Cina. La perdita del territorio filippino in Cina e del territorio ucraino in Russia, senza conseguenze significative, ha fatto apparire deboli gli Stati Uniti e i suoi alleati. La debolezza invita all’attacco.

Lo stesso vale per la mancanza di conseguenze contro la Cina per il suo furto tecnologico per un valore che raggiunge i 600 miliardi di dollari all’anno dai soli Stati Uniti. Il paese ha rubato le informazioni personali di milioni di dipendenti del governo degli Stati Uniti. Abbiamo fatto poco in risposta, e questo aumenta la percezione della nostra debolezza.

Fonte: www.altaredei.com

 

I miei ultimi libri