Una parola al giorno / Sostenibilità

Vi ricordate quando era tutto un gran parlare di sostenibilità? Gli studenti facevano i cortei, Greta Thunberg pontificava un giorno sì e l’altro pure, i professionisti delle campagne sociali predicavano l’economia sostenibile. Tutto sparito.

È bastato un virus un po’ strambo per fare piazza pulita, è il caso di dirlo, della sostenibilità e dei suoi guru. Anzi, mentre prima sembrava che il futuro fosse possibile solo se sostenibile, vale a dire se caratterizzato da una minima dose di azione umana e dal ritorno alla natura, ora è tutto un invocare l’intervento della scienza, perché sia trovato, e in fretta, il rimedio contro il virus.

Naturalmente l’idea di sviluppo sostenibile, in sé, non è affatto sbagliata. È il suo uso ideologico, e dunque strumentale e squilibrato, che la rende insopportabile. Diciamo pure insostenibile.

A.M.V.

I miei ultimi libri