Comunione sulla mano e con guanto: motivi scientifici o mera illusione?

Cari amici di Duc in altum, l’affezionato lettore Alessandro Martinetti mi ha inviato una breve ma densa riflessione sulla Comunione in mano e con guanto, imposta dalla Cei in seguito alla pandemia. Mette bene in mostra che dietro certe misure non c’è nulla di scientifico. C’è, invece, tanto abuso.

A.M.V.

***

Caro dottor Valli, la questione della Comunione con guanto monouso è semplicemente grottesca. Bene ha detto monsignor Nicola Bux in proposito.

Annoto che una semplice disinfezione delle mani del celebrante con Amuchina, prima di distribuire la Comunione, risolverebbe il problema e toglierebbe il guanto di torno (e sarebbe più igienica, perché il guanto usato una sola volta per tutti i comunicandi è ricetto più favorevole al virus di una mano disinfettata con Amuchina).

Surreale, e del tutto inconciliabile con la legge della Chiesa, è il divieto di ricevere la comunione sulla lingua.

Per una esaustiva spiegazione dal punto di vista canonistico si veda qui.

Dal punto di vista igienico-profilattico, che la Comunione in mano sia più “sicura” di quella in bocca è una fissazione pseudoscientifica, tanto che nemmeno il Comitato tecnico-scientifico del governo italiano ha preteso di imporla (quindi trattasi di eccesso di zelo – chiamiamolo così – della Cei): ne è prova il fatto che in Italia gli ortodossi seguitano a comunicarsi in bocca come meglio ritengono (forse che il virus faccia differenza tra cattolici e ortodossi?).

Gioverebbe inoltre riflettere sul fatto che, se c’è un ricetto di ogni porcheria, quello è proprio la mano, che il fedele deve sì disinfettarsi all’ingresso, ma non subito prima di ricevere l’Ostia; quindi nel frattempo entra a contatto con i banchi, con la mascherina (e magari il fedele ha tossito), e poi quella mano non disinfettata prende l’Ostia…  Ne emerge l’insipienza delle misure profilattiche della Cei, che in fin dei conti forniscono solo un’illusoria, ingannevole rassicurazione psicologica: dà una sensazione di maggiore sicurezza vedere il prete con il guanto in lattice che non si avvicina alla bocca del comunicando.

Ma questa è scienza o, appunto, illusione? E possiamo permetterci di rinunciare alla Comunione alla bocca (cosa peraltro canonisticamente inammissibile) per correre dietro a illusorie rassicurazioni pseudoscientifiche che sconfinano in una fobica superstizione che prepara una dittatura igienico-profilattica?

Alessandro Martinetti

________________________________

Cari lettori, ecco i miei ultimi libri:

Aldo Maria Valli, Non avrai altro Dio. Riflettendo sulla dichiarazione di Abu Dhabi, con contributi di Nicola Bux e Alfredo Maria Morselli (Chorabooks, 2020)
Aldo Maria Valli, Gli strani casi. Storie sorprendenti e inaspettate di fede vissuta (Fede & Cultura, 2020)
Aldo Maria Valli, Le due Chiese. Il sinodo sull’Amazzonia e i cattolici in conflitto (Chorabooks, 2020) 
Aldo Maria Valli (a cura di), Non abbandonarci alla tentazione? Riflessioni sulla nuova traduzione del “Padre nostro”, con contributi di Nicola Bux, Silvio Brachetta, Giulio Meiattini, Alberto Strumia (Chorabooks, 2020)

I miei ultimi libri