Ultime dal Covid / Il virus se ne va, ma arriva il vaccino

Cari amici di Duc in altum, l’infaticabile Alessandro Martinetti ci ragguaglia sugli ultimi sviluppi della vicenda Covid-19 partendo dalle affermazioni del professor Zangrillo (ormai fatte proprie anche da Ilaria Capua) e arrivando all’accordo stipulato in sede europea dal governo per l’approvvigionamento di milioni di dosi di vaccino. Iniziativa che rende legittima qualche domanda: dopo quali passaggi istituzionali si è arrivati alla decisione? Con quali controlli? Sulla base di quali evidenze?

A.M.V.

***

Caro dottor Valli, il professor Alberto Zangrillo ieri a La7 ha infranto un altro tabù: ha fatto diplomaticamente capire che i numeri di morti da Covid che la protezione civile ci somministra quotidianamente sono falsi (come i medici sanno da parecchio tempo): «Io oggi leggo “ancora 44 morti in Italia” quando una persona entra in ospedale con un infarto del miocardio, si fa un test per capire se sia o meno positivo al Covid, ma nel frattempo la situazione clinica precipita, entra in sala chirurgica ma non ce la fa, purtroppo dopo due giorni muore. Questa persona viene comunicata alla Protezione civile come caso Covid. Questa persona aveva il Covid ma è morta di tutt’altro».

Ecco, chi vuol capire ha capito, e così cade anche l’ultimo argomento del regime terroristico, secondo il quale «il Covid fa meno paura ma c’è ancora, come dimostra inequivocabilmente il fatto che ogni giorno miete ancora qualche decina di morti, quindi mascherinatevi tutti e tenete distanza di sicurezza, anche i bambini dei centri estivi».

Ripeto (mi scuso) ciò che le ho già detto tante volte: oggi nessuno muore di Covid, perché il Sars-Cov-2 odierno ha una carica virale così flebile da essere pressoché inoffensivo, può al massimo dare qualche disturbo similinfluenzale.

E non c’è alcun sensato motivo di mascherarsi e distanziarsi socialmente per riguardarsi da un virus poco circolante e che al più procura qualche disturbo similinfluenzale.

Quindi Istituto superiore di sanità, ministero della Salute e comitati vari stanno mentendo sfacciatamente per tenere desta negli italiani l’angoscia e prepararli alla vaccinazione di massa, sulla quale ha ben scritto tra gli altri Maurizio Blondet: come sta avvenendo l’approvvigionamento di vaccini di cui parla il governo? In base a quali regole e valutazioni? Con quali controlli? E poi: di quale vaccino stiamo parlando precisamente?

Alessandro Martinetti

I miei ultimi libri