Battesimi, matrimoni e funerali celebrati da laici? Il rischio dell’abuso è dietro l’angolo

Cari amici di Duc in altum, ricevo dal lettore Lucio Matteo Delli Falconi una riflessione che volentieri condivido.

***

Caro Valli, in riferimento alla notizia sulle novità riguardanti la celebrazione di matrimoni, battesimi e funerali, vorrei manifestare una mia preoccupazione che credo giustificata. La Congregazione per il clero, nell’istruzione La conversione pastorale della comunità parrocchiale al servizio della missione evangelizzatrice della Chiesa, ribadisce che in alcune circostanze, in mancanza di sacerdoti, possono essere i diaconi a celebrare questi riti e, in mancanza anche di diaconi, in via eccezionale, i laici. Tutto giusto, a patto che tali disposizioni siano rispettate. Io temo invece che non sarà così. Il Signore ci invita a non aprire la fessura della porta perché sa bene che a causa di quella fessura la porta si potrà spalancare. Mi chiedo: chi controllerà che effettivamente una parrocchia è sprovvista di sacerdote e diaconi?

Ricordo che oggi assistiamo già a un vero e proprio abuso nell’impiego dei ministri straordinari per l’Eucarestia. Spesso si tratta di laici e laiche che, in presenza del sacerdote, aprono il tabernacolo, prelevano la pisside e distribuiscono l’Eucarestia al posto del sacerdote senza che ce ne sia una valida giustificazione. Addirittura, in alcuni casi il sacerdote resta seduto mentre il ministro straordinario distribuisce la Comunione. Tali abusi avvengono a volte all’insaputa dei vescovi ma talvolta con il loro tacito consenso. Senza dimenticare l’illecito della Comunione sulla mano, che inizialmente doveva essere un’eccezione, un indulto, mentre poi è diventata la regola.

Insomma, anche nel caso di matrimoni, battesimi e funerali vedo il rischio che i laici saranno impiegati per le celebrazioni pur in presenza di preti, magari mentre questi ultimi saranno impegnati in faccende burocratiche. E così i sacramenti saranno ulteriormente sminuiti e la Chiesa cattolica assomiglierà sempre di più a quelle protestanti.

Lucio Matteo Delli Falconi

***

Sei un lettore di Duc in altum? Ti piace questo blog? Pensi che sia utile? Se vuoi sostenerlo, puoi fare una donazione utilizzando questo IBAN:

IT65V0200805261000400192457

BIC/SWIFT  UNCRITM1B80

Beneficiario: Aldo Maria Valli

Causale: donazione volontaria per blog Duc in altum

Grazie!

***

I contributi che appaiono nel blog sono disponibili anche su Telegram.

Potete cercarmi digitando il mio nome, Aldo Maria Valli, oppure cliccate sul link https://t.me/aldomariavalli e poi scegliete: unisciti al canale. 

***

Vi ricordo i miei ultimi libri

Aldo Maria Valli, Non avrai altro Dio. Riflettendo sulla dichiarazione di Abu Dhabi, con contributi di Nicola Bux e Alfredo Maria Morselli (Chorabooks, 2020)

Aldo Maria Valli, Gli strani casi. Storie sorprendenti e inaspettate di fede vissuta (Fede & Cultura, 2020)

Aldo Maria Valli, Le due Chiese. Il sinodo sull’Amazzonia e i cattolici in conflitto (Chorabooks, 2020) 

Aldo Maria Valli (a cura di), Non abbandonarci alla tentazione? Riflessioni sulla nuova traduzione del “Padre nostro”, con contributi di Nicola Bux, Silvio Brachetta, Giulio Meiattini, Alberto Strumia (Chorabooks, 2020)

I miei ultimi libri