Il peccato? E’ così noioso!

Cari amici di Duc in altum, il peccato è noioso! Non i peccatori, ma il peccato in sé. Per quanto il diavolo cerchi di renderlo attraente, in realtà è ripetitivo e prevedibile. Lo spiega padre  Dwight Longenecker sul National Catholic Register nell’articolo Sin Is So Boring! che vi propongo qui nella mia traduzione.

***

Va bene, lo ammetto, e sono sicuro che lo ammetterà anche ogni altro prete. Noi nel confessionale ci annoiamo.

Non fraintendermi. Non sono annoiato dalle persone. Amo le persone e sono infinitamente affascinato da loro. Le persone non sono noiose. I loro problemi non sono noiosi.

Ma il peccato è noioso. Veramente.

A essere onesti, non ci sono davvero molti peccati. Satana non può creare nulla. Tutto ciò che può fare è distruggere o distorcere tutto ciò che Dio ha fatto di bello, buono e vero.

Credo nel peccato originale, ma non c’è niente di originale nel peccato. È noioso. È derivato. È mortale.

Una delle principali bugie del diavolo è travestire il peccato per renderlo attraente e dirci che la santità è noiosa. Certo, alcune persone religiose sono senza dubbio molto ottuse e noiose, ma i santi non lo sono. I santi sono esseri umani infinitamente vivi, creativi e sorprendenti.

Il diavolo traveste il peccato per cercare di renderlo attraente e seducente, ma non si tratta solo di mettere il rossetto su un maiale. È peggio di così. Sta aggiungendo lo sciroppo al cianuro.

“Qui. Assaggia questo, ti piacerà!” dice il diavolo. “Solo un cucchiaio di sciroppo aiuta il cianuro ad andar giù!”

Il modo in cui Satana traveste il peccato mi ricorda una di quelle streghe che hanno fatto infiniti lifting al viso e si sono messe il trucco e una parrucca orribile, si sono infilate degli hot pants e un top scollato e se ne stanno all’angolo della strada a fare il broncio. Il ragazzo si ferma pensando che sia una ragazza sexy e si scopre che lei è una vecchia megera.

Ecco perché il peccato non è solo noioso. È triste.

Cosa fare al riguardo? Prega Dio che rinnovi il tuo cuore e la tua mente in modo che tu possa vedere la realtà. Pregate di vedere il peccato per la cosa triste, noiosa, noiosa e distorta che è realmente. Consideralo come faresti con un topo morto, con disgusto e orrore.

Tuttavia, per arrivare a quel punto è necessaria una trasformazione interiore. Di solito non possiamo vedere il peccato per quello che è perché nella nostra anima ci sono una distorsione e una ferita più profonde. Questo distorce la nostra visione, così guardiamo al peccato e pensiamo che sia delizioso invece che disgustoso. Affinché il nostro peccato sia davvero sconfitto, dobbiamo correggere il disordine profondo nella nostra anima, nella nostra mente e nella nostra memoria.

Ciò può avvenire solo attraverso l’autodisciplina, la preghiera e il miracolo della grazia di Dio che opera nel nostro cuore. Quello che succede è che la distorsione viene corretta quando veniamo non solo a disprezzare il peccato, ma, cosa più importante, ad amare la verità, la bellezza e la bontà di Dio.

Quindi prega anche di vedere, conoscere e arrivare ad amare la radiosa bellezza della bontà. Pregate affinché possiate arrivare a conoscere, comprendere e amare il gioioso potere della bontà.

Come ha scritto san Benedetto, pregate di poter camminare sulla via dei comandamenti di Dio con il cuore traboccante dell’inesprimibile gioia dell’amore.

Padre Dwight Longenecker

________________

Padre Dwight Longenecker è cresciuto in una famiglia evangelica in Pennsylvania. Dopo essersi laureato al college con una laurea in dialettica e inglese, è andato a studiare teologia all’Università di Oxford ed è stato ordinato ministro anglicano in Inghilterra. Nel 1995 padre Dwight e la sua famiglia furono accolti nella Chiesa cattolica. Da allora è diventato uno scrittore prolifico, autore di venti libri. Nel dicembre 2006 è stato ordinato sacerdote cattolico in base alla disposizione pastorale speciale per l’ex clero anglicano sposato. Attualmente è parroco della parrocchia di Nostra Signora del Rosario a Greenville, nella Carolina del Sud.

_________________

Fonte: National Catholic Register

Foto di Aldo Maria Valli ©

***

 Virus e Leviatano (Liberilibri, 108 pagine, 11 euro).

Una riflessione sull’uso politico e sociale della pandemia. Ovvero, ecco a voi il dispotismo statalista, condiviso e terapeutico che minaccia democrazia e libertà.

Arrivato alla terza ristampa, lo si può acquistare qui, qui e qui oltre che su tutte le altre piattaforme per la vendita di libri e, ovviamente, nelle librerie.

***

E non perdete

Nell’ora della prova (Chorabooks) di Carlo Maria Viganò, a cura di Aldo Maria Valli.

Per conoscere meglio monsignor Viganò, capire le sue ragioni, valutare la portata dei suoi interventi. Un libro che gli storici della Chiesa dovranno prendere seriamente in considerazione quando studieranno il pontificato di Bergoglio e ricostruiranno i drammatici passaggi che stanno caratterizzando questi nostri anni.

Nell’ora della prova può essere ordinato qui in formato cartaceo e qui in formato Kindle

 

I miei ultimi libri