Lettera / Io, seminarista, chiedo: “Ditemi, c’è qualche motivo per cui dovrei restare nella Chiesa cattolica?”

Il sito OnePeterFive ha ricevuto questo contributo da un anonimo seminarista. Un testo che si può leggere come la domanda rivolta da un bambino al padre: “Perché non eri lì per proteggermi quando quello era il tuo lavoro?”. È il grido di un uomo che ha dato la vita a una causa, per scoprire che i custodi di quella causa non ci credono più. Chi scrive, naturalmente, non si aspetta una risposta.   

***

Sto terminando gli studi di teologia e ho intenzione di lasciare il seminario. So che non dovrei entrare nel ministero pubblico. Sono diventato disilluso e risentito. Non credo in ciò che la Chiesa cattolica sta insegnando e non voglio aiutare a perpetuare ciò che sta facendo. Dopo quasi dieci anni trascorsi a discernere una chiamata e perseguire una vocazione, mi sembra di aver vagato lungo una strada senza uscita e di essere finito nel bosco. Sono stato così ingenuo da presumere che la fede cattolica fosse praticata nella Chiesa cattolica, ma l’esperienza mi ha insegnato che la fede non è più la benvenuta nella Chiesa.

Oggi sconsiglio di perseguire una vocazione nella Chiesa e non consiglierei la Chiesa a nessuno. Che cosa si può aspettare di trovarvi se non chi abusa di spirito spirituale, si rifiuta di entrare nel Regno di Dio e cerca di impedire ad altri di farlo?

Onestamente, non molto della mia fede è sopravvissuto al seminario. Non saprei segnalare un insegnamento della fede cattolica che non cambi sempre. Credo che non abbiamo nemmeno iniziato a riconoscere fino a che punto il modernismo ha minato le fondamenta della fede. La Chiesa si sta sgretolando nelle sabbie mobili, eppure veniamo rimproverati fino alla nausea da chi sostiene che la Chiesa deve cambiare ancora di più, con i tempi. Gesù disse: “Il vostro parlare sia sì sì, no no”, ma noi rispondiamo che “non è né sì né no, ma sì e no”. Chiamiamo bene il male e male il bene. Custodiamo una falsa pace di compromesso e coltiviamo le malattie della corruzione e del declino. La Chiesa è come una scatola di cartone bagnata e il fondo sta cedendo.

Perché evangelizzare? Evangelizzare in che senso? Non ci è più permesso catechizzare. C’è troppa resistenza alla fede da parte della Chiesa. Qual e il punto? Cosa stiamo facendo? La Chiesa non spera più di convertire il mondo a Gesù Cristo, ma noi stiamo convertendo la Chiesa allo Spirito del mondo. Il sale ha perso il suo sapore e viene messo da parte e calpestato. La lampada si sta spegnendo, le braci si stanno estinguendo e la carità si sta raffreddando. La sostanza della fede è stata prosciugata dalla Chiesa e annacquata. La Chiesa è stata svuotata. Il trionfalismo è sconfitto, la barca di Pietro sta affondando.

Ma so che il problema sono io. Sono amareggiato, pessimista e pieno di risentimento. So che non dovrei avere un ministero pubblico nella Chiesa, quindi mi laureo e me ne vado. Non avrei dovuto cercare di perseverare per così tanto tempo e vorrei non aver mai perseguito quella che pensavo fosse una vocazione. Sono il tipo di persona che dovrebbe essere cacciata da questa Chiesa. Ma prima di andarmene, voglio solo fare una domanda, sperando che alcuni dirigenti della Chiesa possano ascoltarmi, e magari provare a offrire una risposta: c’è qualche motivo per cui dovrei rimanere cattolico?

Di più: c’è qualche motivo per cui qualcuno deve rimanere cattolico o diventare cattolico? Ti sfido a darci una buona ragione.

Non puoi dirci che la Chiesa è necessaria per la salvezza, perché non ci è più permesso né di crederlo né di insegnarlo. Non abbiamo più bisogno di essere salvati da niente, tranne forse dalla tradizione, è malsano parlare di peccato e l’inferno non esiste più. Non puoi dirci che Cristo è presente nella Chiesa, perché dobbiamo riconoscere che è presente anche in altre chiese, e anche nella natura. Cosa può offrire la Chiesa che una vista panoramica sulle montagne non possa offrire? Non puoi dirci che stiamo costruendo il Regno di Dio sulla terra, perché possiamo farlo meglio come democratici liberali e le tradizioni della Chiesa ci stanno solo frenando. Non puoi dirmi che la Chiesa è una comunità di carità, perché so quanto sono inospitali gli accoglienti, so quanto sono intolleranti i tolleranti e so quanto sono vendicativi i misericordiosi.

Non puoi dirmi che la Chiesa mi accompagnerà con il dialogo perché so come la Chiesa non sia uno spazio sicuro per le persone che credono nella fede e quanto gli ecclesiastici spettegolano, fanno i prepotenti e ostracizzano.

Ehi, qualcuno può sentirmi?!

Qualche leader di questa chiesa si preoccupa di qualcosa oltre a custodire la falsa pace, imporre la mediocrità e gestire il declino? Ti interessa la salvezza delle anime? Ti importa di qualcosa?

Vi sfido a rispondere a questa domanda: c’è qualche buona ragione per cui qualcuno dovrebbe praticare la fede cattolica nella Chiesa cattolica? Ti sfido. C’è qualche ragione, oltre alla paura del giudizio di Dio – qualcosa in cui non ci è più permesso credere – perché non dovrei avvertire le persone di stare lontane dalla Chiesa cattolica?

Naturalmente, so che i dirigenti della Chiesa non possono rispondere a questa domanda in modo soddisfacente. Non credono più nella fede cattolica e non possono più dire nulla di sostanziale. Possono solo rispondere parlando di qualcosa a proposito di una comunità umana inclusiva che cammina verso l’unità in un dialogo di accompagnamento, eccetera. E il mio punto sarà stato dimostrato. La Chiesa non ha nulla da offrire al mondo che il mondo non abbia già, ei suoi benefici non possono superare i suoi deficit. Alcuni sacerdoti e fedeli laici potrebbero ancora dare una risposta soddisfacente, ma sanno bene cosa vuol dire sentirsi sgraditi in questa Chiesa accogliente, e come ci si sente a lottare per trovare ragioni per restare.

Spesso durante le omelie nei giorni delle feste mariane esco di soppiatto dalla cappella, perché trovo che l’avversione al sacro sia rivolta soprattutto a Maria, e mi fa troppo male sentire la Madonna denigrata dai sacerdoti. Quindi finirò questo terribile sproloquio pregando Nostra Signora Ausiliatrice di intercedere: per favore, aiuta la Chiesa, e specialmente i piccoli che si sentono così spiritualmente abusati da essa.

Nostra Signora Ausiliatrice, per favore, fa’ qualcosa, qualsiasi cosa. Ma, in ogni caso, probabilmente dovrei andarmene. Ho perso la fede e qui non sono voluto.

[Alcuni particolari circa la situazione dell’autore sono stati modificati per proteggere la sua identità].

Fonte: onepeterfive.com

* * * * *

Cari amici di Duc in altum, è disponibile il mio nuovo libro: La trave e la pagliuzza. Essere cattolici “hic et nunc” (Chorabooks).

Uno sguardo sulla situazione della Chiesa cattolica e della fede. Senza evitare gli aspetti più controversi e tenendo conto dell’orizzonte dei nostri giorni, segnato dalla vicenda del Covid. Un diario di viaggio in una realtà caratterizzata da profonde divisioni, ma con la volontà di costruire, non di distruggere. E sapendo che il processo di conversione riguarda tutti, a partire da se stessi.

Il volume prende in esame questioni disparate (dal Concilio Vaticano II al pontificato di Francesco, dalla vita spirituale in regime di lockdown alle vicende vaticane, dal great reset alle questioni bioetiche) ma con un filo conduttore: l’amore per la Chiesa e la Tradizione, unito a una denuncia chiara sia delle derive moderniste sia delle nuove forme di dispotismo che limitano o negano le libertà fondamentali.

* * * * *

Sei un lettore di Duc in altum? Ti piace questo blog? Pensi che sia utile? Se vuoi sostenerlo, puoi fare una donazione utilizzando questo IBAN:

IT65V0200805261000400192457

BIC/SWIFT  UNCRITM1B80

Beneficiario: Aldo Maria Valli

Causale: donazione volontaria per blog Duc in altum

Grazie!

 

I miei ultimi libri