Pellegrinaggio di Chartres: “Il clericalismo-caudillismo non funziona mai bene, il motu proprio sarà difficile da applicare in una Chiesa che si trova in una situazione catastrofica”

I cattolici di mentalità tradizionale di tutto il mondo conoscono bene il più grande di tutti gli attuali pellegrinaggi cattolici, il pellegrinaggio Parigi-Chartres che si svolge ogni anno (quando le pandemie lo consentono…) nel fine settimana di Pentecoste. Riunisce in particolare migliaia e migliaia di giovani pellegrini, fedeli alla liturgia tradizionale.

Il pellegrinaggio di Chartres, famoso nel Medioevo e riscoperto da Charles Péguy all’inizio del XX secolo, è stato ricreato nel 1983 dai cattolici tradizionali desiderosi di proclamare la loro fede e il loro patrimonio liturgico.

Molte organizzazioni in tutto il mondo hanno espresso la loro opinione e lo sgomento riguardo al motu proprio di Francesco anti-Summorum pontificum. I commenti sono tutti disponibili online. Ma questo degli organizzatori del pellegrinaggio (Association Notre-Dame de Chrétienté – Associazione Nostra Signora della Cristianità ) è particolarmente toccante ed esprime bene il sentimento generale della maggior parte dei cattolici tradizionali.

*

di Jean de Tauriers, presidente Notre-Dame de Chrétienté

Notre-Dame de Chrétienté esprime la sua grande tristezza davanti al motu proprio Traditionis custodes di papa Francesco, che non mostra altro che disprezzo per i cosiddetti cattolici tradizionalisti. Pregheremo in modo molto particolare per il papa emerito Benedetto XVI che, mentre è ancora in vita, vede spazzata via la sua opera di riconciliazione.

Il tradizionale Pellegrinaggio della cristianità, creato nel 1983, aveva creduto alle promesse di san Giovanni Paolo II e del cardinale Ratzinger nel 1988: “Voi avete il vostro posto nella Chiesa, così come siete”.  Ovviamente la situazione è cambiata e l’urgenza ora è di riaccendere le guerre liturgiche. L’ argomento avanzato lascia senza parole: mettere sotto controllo i giovani sacerdoti diocesani attratti dalla Messa tradizionale! L’intenzione del papa è quella di erigere un muro per impedire la scoperta della ricchezza di spiritualità della Messa tridentina!

Al di là della rabbia che riusciremo a controllare, in questa dolorosa situazione rimaniamo comunque fiduciosi. Il clericalismo-caudillismo non funziona mai molto bene, il motu proprio sarà difficile da applicare in una Chiesa che è in una situazione catastrofica e che ha molte altre difficoltà che il Vaticano fa finta di non vedere.

Nostra Signora della cristianità continuerà a riunire migliaia di pellegrini, indipendentemente dal fatto che il tempo sia di persecuzione. Questi tempi li abbiamo già conosciuti, vorrei aggiungere. Ci adatteremo al clima rigido, al Covid, al motu proprio, come sempre, camminando e pregando per la Santa Chiesa, per le nostre patrie, e per la speranza della nostra salvezza.

Nostra Signora della Santa Speranza, convertici!

Santissima Vergine, aiuta papa Francesco nel suo pontificato.

San Giuseppe, proteggi la Chiesa.

Fonte: rorate-caeli.blogspot.com

 

 

 

I miei ultimi libri