Diocesi argentina pubblica una “preghiera” alla pachamama (e poi è costretta a scusarsi)

Diocesi argentina pubblica una “preghiera” alla pachamama

Il 1° agosto la diocesi di Venado Tuerto, situata a sud di Rosario, in Argentina, ha pubblicato una “preghiera” alla pachamama che ha suscitato l’indignazione di molti cattolici sui social network, tanto da portare alla sua eliminazione e a tiepide scuse.

“La pachamama è un simbolo di fertilità, della terra e della sacralità della vita. È un mito carico di significato spirituale che può essere sfruttato. Alcune feste religiose contengono un significato sacro e sono spazi di riunione e fraternità. Questi sono i nuovi cammini per la Chiesa e per la realizzazione di un’ecologia integrale” diceva il testo poi eliminato.

La “preghiera” recitava quanto segue: “Dio ti salvi Pachamama, dolce sorgente della nostra vita, sii venerata per sempre. Beati i frutti del tuo grembo, il nostro pane quotidiano, benedetta sia tu oggi e sempre. Guarda con compassione, Santa Madre, il branco umano che ti distrugge per ambizione. Sia benedetta la tua clemenza, Pachamama. Terra mia, preda della follia. Tu sei la fonte della vita e della gioia. Pachamama, terra santa, Santa Madre, Vergine Maria”.

La pubblicazione della “preghiera” ha provocato un massiccio rifiuto sui social network: di qui la sua successiva eliminazione.

Il 3 agosto, la pagina Facebook di Cáritas Venado Tuerto ha pubblicato tiepide scuse: “Vogliamo scusarci con coloro che si sono sentiti offesi dalla nostra pubblicazione su Pachamama, l’intenzione era quella di comunicare la nostra comunione con Francisco” e con ciò che si dice nella “cara esortazione apostolica amazzonica ai numeri 79 e 80”.

La Giornata della Pachamama si celebra il 1° agosto nelle comunità quechua e aymara delle Ande in Argentina, Bolivia, Colombia, Cile, Ecuador e Perù in onore di quella che è considerata una divinità andina. La celebrazione prende il nome di Qulqi Uru.

Questa divinità è stata protagonista del sinodo dell’Amazzonia, svoltosi a Roma nell’ottobre 2019. In uno degli eventi più criticati del suo pontificato, Francesco ha assistito a una strana cerimonia in cui alcuni religiosi hanno adorato una statua della Pachamama nei giardini vaticani.

La diocesi di Venado Tuerto è guidata dal 2000 da Gustavo Arturo Aiuto, 74 anni. A questo prelato succederà il coreano Han Lim Moon, attuale vescovo coadiutore della diocesi. Moon è una vecchia conoscenza di papa Francesco. Nel 2014 il Santo Padre lo ha nominato vescovo ausiliare di San Martín e alla fine del 2020 curato di Venado Tuerto.

Fonte: infovaticana.com

* * * * *
Sei un lettore di Duc in altum? Ti piace questo blog? Pensi che sia utile? Se vuoi sostenerlo, puoi fare una donazione utilizzando questo IBAN:
IT65V0200805261000400192457
BIC/SWIFT  UNCRITM1B80
Beneficiario: Aldo Maria Valli
Causale: donazione volontaria per blog Duc in altum
Grazie!

I miei ultimi libri