Indagine negli Usa / Il male, la sofferenza, Dio, il paradiso, l’inferno. La società non è poi così secolarizzata

Perché il male? Perché la sofferenza? Perché Dio, che è buono, permette che soffriamo? Queste le domande che il Pew Research Center, centro di ricerche demografiche, analisi dei contenuti e indagini sull’opinione pubblica, ha rivolto a un campione di 6.485 adulti statunitensi, credenti e non credenti, anche prendendo spunto dalla vicenda Covid. Interessanti i risultati, che potete leggere qui nel testo originale in inglese, mentre qui sotto trovate una sintesi in italiano. Ne emerge un’opinione pubblica molto meno secolarizzata di quanto si potrebbe immaginare. Le persone riflettono sul senso della vita e hanno sete di assoluto. La maggioranza degli intervistati afferma di credere nel Dio della Bibbia e ritiene che il male venga dall’uomo e non sia mandato da Dio.

***

Per secoli, filosofi e teologi hanno tentato di rispondere a una domanda scomoda: se c’è un Dio buono e onnipotente, allora perché nel mondo c’è tanto male e tanta sofferenza? Dal biblico Libro di Giobbe allo scrittore satirico del XVIII secolo Voltaire, dallo scrittore cristiano del XX secolo CS Lewis al bestseller del 1981 Quando le cose cattive accadono alle brave persone, sia la grande letteratura sia la cultura popolare hanno ripetutamente affrontato questo “problema del male”.

La domanda assume particolare significato in mezzo a una pandemia globale che ha ucciso cinque milioni di persone e di fronte a recenti disastri naturali tra cui inondazioni, uragani e incendi. Sullo sfondo di questi e altri eventi, secondo un nuovo sondaggio del Pew Research Center la maggior parte degli americani afferma di aver trascorso un po’ di tempo nell’ultimo anno a riflettere su grandi questioni come il significato della vita, se c’è uno scopo nella sofferenza e perché le cose brutte accadono alle persone. Quasi un quarto degli adulti statunitensi (23%) afferma di aver rimuginato “molto” su questi argomenti.

Nel nuovo sondaggio, il Pew Research Center ha tentato per la prima volta di porre alcune di queste domande filosofiche a un campione rappresentativo a livello nazionale di adulti statunitensi, scoprendo così che la gran parte degli americani incolpa dell’umana sofferenza il caso, il comportamento delle persone e il modo in cui la società è strutturata, mentre sono relativamente pochi coloro che incolpano Dio o esprimono dubbi sull’esistenza di Dio per questo motivo.

Questi sono tra i risultati chiave di un nuovo sondaggio del Pew Research Center su 6.485 adulti statunitensi, condotto sull’American Trends Panel (ATP) del Centro.

Interrogarsi sulle cause e sui significati della sofferenza

Esistono molti modi diversi per comprendere le cause e le conseguenze della sofferenza umana. Le persone possono soffrire a causa di scelte o azioni sbagliate. Altra sofferenza potrebbe essere causate dal modo in cui è strutturata la società. Alcuni potrebbero credere che la sofferenza possa essere una punizione o una lezione da Dio oppure possa derivare da qualcosa di incomprensibile e inafferrabile. Altri possono arrivare a dubitare dell’esistenza di Dio perché non riescono a conciliare il fatto che la sofferenza esista con l’idea che ci sia un Dio buono e onnipotente che controlla l’universo. Infine, naturalmente, si può pensare che le sofferenze si verifichino casualmente, senza alcun motivo.

Per dare agli intervistati l’opportunità di descrivere le loro convinzioni su questi argomenti, il Pew Research Center ha dato agli intervistati l’opportunità di indicare le proprie opinioni. Le domande non sono state progettate per escludersi a vicenda e agli intervistati non è stato chiesto di scegliere quale spiegasse meglio le proprie opinioni. Piuttosto, potevano rispondere “sì” a più di una domanda, o anche a tutte.

Oltre alle domande a risposta chiusa, il sondaggio ha incluso una domanda a risposta aperta in cui gli intervistati erano invitati a descrivere con parole proprie perché pensano che a volte accadano cose terribili alle persone non per colpa loro.

La stragrande maggioranza degli adulti statunitensi attribuisce la sofferenza almeno in parte al caso, dicendo che la frase “a volte le cose brutte accadono e basta” descrive le loro opinioni molto bene (44%) o piuttosto bene (42%). Eppure è anche abbastanza comune per gli americani pensare che la sofferenza non avvenga invano. Più della metà degli adulti statunitensi (61%) pensa che la sofferenza esista “per fornire un’opportunità alle persone di uscirne più forti”. E, in una serie separata di domande su varie credenze religiose o spirituali, i due terzi degli americani (68%) affermano che “tutto nella vita accade per una ragione”.

Molti americani danno la colpa della sofferenza che si verifica nel mondo alle azioni degli individui e delle istituzioni sociali. Circa sette adulti su dieci (71%) affermano che la seguente affermazione descrive piuttosto bene le loro opinioni: “La sofferenza è principalmente una conseguenza delle azioni delle persone”. Una quota simile di tutti gli adulti (69%) si identifica nell’affermazione secondo cui “la sofferenza è principalmente il risultato del modo in cui la società è strutturata”.

Per molte persone, le opinioni sulla sofferenza sono collegate alle opinioni su Dio. I pensatori religiosi hanno a lungo tentato di conciliare l’idea di un Dio onnipotente, onnisciente e benevolo presentato nelle tradizioni religiose abramitiche – ebraismo, cristianesimo e islam – con l’esistenza del male nel mondo. Scettici come il filosofo britannico del XVIII secolo David Hume hanno sostenuto che esiste una contraddizione logica, mentre scrittori, da Sant’Agostino al filosofo americano del XX secolo Alvin Plantinga, hanno proposto varie risposte a difesa di Dio, come ad esempio l’idea che Dio ha ragioni per permettere il male che gli umani non possono capire o che il libero arbitrio rende inevitabilmente possibili la sofferenza e il male.

Il sondaggio rileva che quasi sei adulti statunitensi su dieci (58%) affermano di credere in Dio come descritto nella Bibbia e un altro terzo (32%) crede che ci sia qualche altro potere o forza spirituale superiore nell’universo. Ai nove americani su dieci che credono in Dio o in un potere superiore (91%) è stata posta una serie di domande di follow-up sulla relazione tra Dio e la sofferenza umana. (A coloro che non credono in Dio o in alcun potere superiore non sono state poste queste domande.)

La grande maggioranza degli adulti statunitensi (80%) è credente e afferma che la maggior parte della sofferenza nel mondo viene dalle persone piuttosto che da Dio. In proposito circa sette su dieci affermano che in generale gli esseri umani sono liberi di agire in modi che vanno contro i piani di Dio o un potere superiore. Allo stesso tempo, la metà di tutti gli adulti statunitensi (il 56% dei credenti) sostiene l’idea che Dio scelga “di non fermare la sofferenza nel mondo perché fa parte di un piano più ampio”.

Il 44% di tutti gli adulti statunitensi (48% dei credenti) afferma che l’affermazione “Satana è responsabile della maggior parte delle sofferenze nel mondo” rifletta le loro opinioni “molto bene” o “abbastanza bene”.

Al contrario, relativamente pochi americani sembrano mettere in dubbio le loro credenze religiose a causa della sofferenza umana. Solo il 14% degli adulti statunitensi in generale (il 15% dei credenti) afferma che “a volte penso che la sofferenza nel mondo sia un’indicazione che Dio non esiste”. Inoltre, meno di un adulto americano credente su cinque afferma di essere spesso (3%) o talvolta (14%) arrabbiato con Dio “per aver permesso così tanta sofferenza”.

Basse le percentuali di coloro che vedono la sofferenza nel mondo come una punizione di Dio: solo il 4% degli adulti statunitensi credenti afferma che “tutta o la maggior parte” della sofferenza è una punizione di Dio, mentre il 18% afferma che lo è “in parte”. Il resto dice che “solo in piccola parte” (22%) o “per niente” (46%) la sofferenza nel mondo è punizione di Dio, oppure non credono in Dio o in alcun potere superiore (9%).

La maggior parte degli adulti statunitensi afferma che quando vedono o sentono notizie su cose terribili che accadono alle persone provano spesso gratitudine per le cose belle della propria vita e tristezza per coloro che stanno soffrendo. Circa un quarto afferma di sentire il bisogno di ignorare le cattive notizie “perché è semplicemente troppo da sopportare ” e uno su dieci ammette di sentirsi felice “se la persona [che sta soffrendo] sembra dimostrare che se lo meritava”.

Sebbene il sondaggio sia stato condotto tra americani di ogni estrazione religiosa, inclusi ebrei, musulmani, buddisti, indù, mormoni e altri, dai gruppi religiosi più piccoli non sono state ottenute sufficienti risposte per poter riferire dettagliatamente le loro opinioni.

Il sondaggio ha anche posto domande sull’aldilà, scoprendo che molti americani credono in un aldilà in cui la sofferenza finisce del tutto o continua per sempre.

Quasi tre quarti di tutti gli adulti statunitensi (73%) afferma di credere nel paradiso, mentre una quota minore, ma pur sempre la maggioranza (62%), crede nell’inferno. Entrambe le cifre sono simili a quelle registrate l’ultima volta che furono poste queste domande, nel 2017. Tra i cristiani, la stragrande maggioranza esprime fede nel paradiso, con percentuali maggiori tra i protestanti che appartengono alle tradizioni evangeliche e i protestanti di colore. Di contro, circa un quarto degli adulti statunitensi afferma di non credere né al paradiso né all’inferno, incluso un 7% che crede in qualche altro tipo di aldilà e un 17% che non crede in alcun aldilà.

Agli americani che hanno espresso fede nel paradiso e nell’inferno sono state poste diverse domande su come pensano che siano quei luoghi. La stragrande maggioranza di coloro che credono nel paradiso – ovvero la maggior parte degli adulti statunitensi – afferma di credere che il paradiso sia “sicuramente” o “probabilmente” un luogo in cui le persone sono libere dalla sofferenza, si riuniscono con i propri cari che sono morti in precedenza, possono incontrare Dio e avere corpi perfettamente sani. E circa la metà di tutti gli americani (cioè la maggior parte di coloro che credono nell’inferno) vede l’inferno come un luogo in cui le persone sperimentano sofferenza psicologica e fisica e diventano consapevoli della sofferenza che hanno creato nel mondo. In percentuali simili affermano che le persone all’inferno non possono avere una relazione con Dio.

Oltre a queste domande, agli intervistati che hanno espresso fiducia nel paradiso è stato chiesto chi secondo loro sarà autorizzato ad andarci. Quattro adulti statunitensi su dieci (39%) affermano di pensare che le persone che non credono in Dio possano entrare in paradiso, rispetto a circa un terzo (32%) che afferma che vi possono accedere solo i credenti. I cattolici sono molto più propensi dei protestanti a dire che le persone che non credono in Dio possono andare in paradiso (68% contro 34%). I protestanti evangelici sono particolarmente restrittivi: solo il 21% afferma che le persone che non credono in Dio possono andare in paradiso.

C’è anche un’ampia divergenza tra i cristiani sulla questione se “molte religioni” possono portare alla vita eterna in cielo o se la loro religione è “l’unica vera fede” che conduce al paradiso. I protestanti hanno più del doppio delle probabilità dei cattolici di affermare che la loro fede è l’unica vera fede che conduce alla vita eterna in cielo (38% contro 16%), con la metà degli evangelici che esprimono questo punto di vista. D’altra parte, il 44% dei protestanti evangelici afferma che molte religioni possono condurre alla vita eterna in cielo, anche se sono divisi sul fatto che questa ricompensa sia concessa solo a membri di altri rami del cristianesimo (19%).

Altri risultati del sondaggio

  • Un terzo di tutti gli adulti statunitensi afferma di credere nella reincarnazione, l’idea che le persone rinasceranno ancora e ancora in questo mondo. A differenza del modello di molte credenze religiose, inclusa la fede nel paradiso e nell’inferno, è più probabile che gli adulti più giovani (sotto i cinquant’anni) riferiscano di avere questa credenza. Anche gli adulti neri e ispanici sono più propensi degli adulti bianchi a dire di credere nella reincarnazione.
  • Il 44% esprime fiducia nel destino – l’idea che il corso della loro vita sia predeterminato – con una quota più alta (65%) tra i neri americani.
  • Più di otto adulti statunitensi su dieci affermano di credere che possano accadere cose inspiegabili per la scienza o in base a cause naturali. In risposta a domande più specifiche, la maggioranza afferma che è possibile sentire la presenza di qualcuno che è morto, ricevere una rivelazione diretta da Dio, ricevere una risposta definitiva a una richiesta di preghiera e vivere un’esperienza di pre-morte durante la quale lo spirito di una persona lascia effettivamente il suo corpo.

Fonte: pewforum.org

I miei ultimi libri

Sei un lettore di Duc in altum? Ti piace questo blog? Pensi che sia utile? Se vuoi sostenerlo, puoi fare una donazione utilizzando questo IBAN:

IT65V0200805261000400192457
BIC/SWIFT: UNCRITM1B80
Beneficiario: Aldo Maria Valli
Causale: donazione volontaria per blog Duc in altum

Grazie!