Famiglia, maternità, lavoro, sicurezza. Ecco perché l’Ungheria ha scelto di nuovo Orbán

di Javier Navascués 

infocatolica.com

Rientrata dall’Ungheria, dove ha fatto parte degli osservatori internazionali per le elezioni e il referendum, Polonia Castellanos, presidente di Abogados Cristianos, parla della situazione nel Paese e spiega il perché della vittoria di Orbán.  

*

Che cosa significa per lei, in quanto massimo rappresentante dell’associazione degli avvocati cristiani, essere stata in Ungheria come osservatore internazionale?

È stata una grande opportunità e un vero onore che l’associazione Abogados Cristianos sia stata in Ungheria come osservatore internazionale. Significa che il nostro lavoro è riconosciuto e apprezzato a livello internazionale.

Qual è il bilancio generale dell’esperienza e quali le conclusioni?

L’esperienza è stata molto positiva, il popolo ungherese è un grande popolo, gentile e laborioso. Ho anche potuto incontrare altre organizzazioni europee che difendono la vita, la famiglia e la libertà religiosa e credo che si possano stringere buone alleanze per difendere con più forza i diritti fondamentali.

A cosa attribuisce il successo travolgente di Orbán?

È evidente, chiunque si rechi in Ungheria lo può vedere di persona. La sicurezza è aumentata, c’è più lavoro, la maternità è aiutata, è più facile per le donne conciliare lavoro e vita familiare, le nascite sono premiate, c’è rispetto e libertà con il referendum che fa decidere ai cittadini.

Come ha visto il Paese a proposito della difesa della vita dal concepimento alla morte naturale?

Ero già stata in Ungheria vent’anni fa e sono rimasta sorpresa dal grande cambiamento. Ho visto tanta sicurezza nelle strade, tanti bambini, tanto lavoro… Sono stata felice perché ho visto che l’Ungheria sta molto meglio dell’ultima volta che ci sono andata e mi sono anche sentita molto dispiaciuta per il mio paese, la Spagna, perché qui invece le strade stanno diventando più insicure, perché la povertà è in aumento, non ci sono bambini, ci sono attacchi alle chiese… Dal confronto risulta che oggi la Spagna è un posto peggiore in cui vivere e più insicuro dell’Ungheria.

In Ungheria ci sono molte agevolazioni per la natalità…

Sì, tante, perché la vita è rispettata e le donne sono valorizzate. Ci sono gli aiuti al parto e il congedo di maternità è fino a due anni, con la riscossione del 70% dello stipendio. Ecco perché ci sono le famiglie, ci sono i bambini, c’è il lavoro. Gli ungheresi sanno che questo è ciò che è importante ed è per questo che il risultato delle elezioni è stato travolgente.

Come giudica il fatto che tengano un referendum su cose importanti, come la questione Lgbt?

Bisogna partire dal fatto che gli Stati devono essere neutrali, quindi non si deve imporre l’ideologia di genere o l’ideologia Lgtb, che è anche dannosa per tutti, soprattutto per bambini e giovani. In Ungheria hanno voluto che i cittadini si esprimessero e, nonostante il boicottaggio perpetrato dalla sinistra, la risposta è stata unanime: no all’indottrinamento Lgtb dei bambini.

Credo inoltre fermamente che in una democrazia dovrebbero essere i cittadini a decidere gli aspetti fondamentali, soprattutto se dovranno pagarli anche con le tasse.

In Spagna, invece, non solo cercano di imporre un’ideologia perniciosa ai nostri bambini, nonostante sia contraria alla Costituzione, ma alzano il prezzo della benzina e del carrello per pagare milioni di euro per l’indottrinamento.

Quali altre cose buone ha visto in Ungheria?

Mi è sembrato un sistema elettorale più pulito ed efficiente. Ad esempio, la carta non si spreca, una persona va a votare, gli danno un voto e deve scegliere quello che vuole. Non ci sono centinaia di schede che finiscono poi nella spazzatura.

Inoltre è più garantita la verifica dei voti, il riconteggio. Tutto è più trasparente e più affidabile. Ma soprattutto sono stata felice di vedere tanti bambini, significa che l’Ungheria ha un futuro.

Tuttavia, portano ancora una piccola traccia del loro passato comunista.

In effetti, si vede in alcuni edifici. Gli ungheresi, che hanno ancora ben presente il flagello del comunismo, non vogliono tornare alla fame, alla miseria, alla repressione. Ecco perché votano come votano. Sono intelligenti, l’hanno sperimentato in prima persona.

Cosa dovrebbe copiare la Spagna dal modello ungherese?

Urgente è il modello pro-nascite, smettere di dare aiuto agli abortisti e darlo alle donne, poi promozione del lavoro e non sussidi, e soprattutto rispetto della fede.

In che modo Christian Lawyers esce più forte da questa esperienza internazionale?

Christian Lawyers fa esperienza, stringe alleanze con altre organizzazioni in Europa, acquista rilevanza e soprattutto guadagna speranza perché vede un grande popolo che si è liberato dalla tirannia del comunismo e del socialismo ed è cresciuto e migliorato. Vi saluto con una frase di san Giovanni Paolo II: “Animati dallo Spirito, comunichiamo la speranza”.

Fonte: infocatolica.com

I miei ultimi libri