Blog

La rivoluzione all’Istituto GP II / Papa Ratzinger e un incontro significativo

Benedetto XVI ha ricevuto il primo agosto monsignor Livio Melina, già presidente dell’Istituto Giovanni Paolo II per gli studi su matrimonio e famiglia dal 2006 al 2016 e poi docente di teologia morale, recentemente allontanato in seguito a una riorganizzazione che sta facendo discutere e che ha provocato anche una protesta degli studenti. Ricordiamo che assieme a quello di Melina hanno suscitato scalpore altri licenziamenti, a partire da quelli di José Noriega, Maria Luisa Di Pietro, Przemyslaw Kwiatkowski, Vittorina Marini e Stanislaw Grigyel, filosofo polacco, amico di Karol Wojtyła e titolare di una cattedra intitolata proprio al pontefice santo. Joseph…

Continue Reading

Migranti e monasteri / Lettere alle “sorelle d’Italia”

Cari amici di Duc in altum, torniamo sulla lettera aperta che alcune claustrali hanno inviato al presidente della Repubblica e al presidente del Consiglio sulla questione di migranti. Come ricorderete, nella lettera, pubblicata da Avvenire, le monache hanno voluto esprimere “preoccupazione per il diffondersi in Italia di sentimenti di intolleranza, rifiuto e violenta discriminazione nei confronti dei migranti e rifugiati che cercano nelle nostre terre accoglienza e protezione”. Le claustrali  hanno scritto inoltre di voler “dare voce ai nostri fratelli e sorelle migranti che scappano da guerre, persecuzioni e carestie”  e hanno chiesto che “le istituzioni governative si facciano garanti della…

Continue Reading

Il vincitore del Tour / Egan Bernal e quel segno della croce

Alla fine del Tour de France, vinto dal ventiduenne colombiano Egan Bernal (primo sudamericano a riuscire nell’impresa e atleta più giovane ad aver vinto la Grande Boucle nei tempi moderni) sono rimasto colpito dal saluto fra il ragazzo, il suo fratellino di dodici anni e la mamma. Perché è stato qualcosa di più di un semplice abbraccio. Quando ha visto il fratello, Egan gli ha preso il volto fra le mani, poi si sono guardati negli occhi, poi Egan ha baciato il fratello sulla fronte e infine si sono scambiati reciprocamente il segno della croce, tracciandolo l’uno sul petto dell’altro….

Continue Reading

Il conclave del 2013 / Un colpo di stato made in Great Britain?

Il Foreign Office britannico potrebbe aver avuto un ruolo importante nell’elezione di papa Francesco. È quanto sostiene Catherine Pepinster, ex caporedattore del settimanale cattolico britannico The Tablet, in un libro nel quale, sulla base di numerose interviste con figure chiave come il cardinale Cormac Murphy-O’Connor e l’allora ambasciatore britannico presso la Santa Sede Nigel Baker, afferma che l’Inghilterra ha svolto “un ruolo cruciale” nell’elezione del papa argentino “destinato a scuotere la Chiesa cattolica”. Come riferisce Maike Hickson in LifeSiteNews, Catherine Pepinster nel suo libro The Keys and the Kingdom sostiene che il motivo per cui il governo britannico si sarebbe…

Continue Reading

La rinuncia di Benedetto XVI tra Codice di diritto canonico e Vangelo

Cari amici di Duc in altum, la disputatio tra don Andrea Maggi e padre Gabriele Rossi sulla rinuncia di Benedetto XVI al pontificato vive oggi una nuova puntata. Dopo che ho raccontato la storia di don Maggi (qui) e padre Rossi ha risposto (qui), don Andrea è intervenuto nuovamente (qui) e adesso padre Rossi a sua volta replica. Nel frattempo però don Andrea, anche su sollecitazione di moltissimi lettori del blog, si è reso conto di aver commesso un errore quando ha sostenuto che il Codice di diritto canonico del 1917 non prevedeva la rinuncia al pontificato. Oggi dunque vi…

Continue Reading

Intervista / Stanisław Grygiel: “Non si rinnova la casa distruggendola”

Cari amici di Duc in altum, oggi sono particolarmente lieto di proporvi un’intervista esclusiva al professor Stanisław Grygiel, filosofo polacco, grande amico di san Giovanni Paolo II e fino a poco tempo, prima del suo allontanamento, docente al Pontificio istituto teologico fondato proprio da papa Wojtyła. Un’intervista a tutto campo, nella quale il professor Griygiel accenna alla vicenda che lo ha visto coinvolto ma soprattutto spiega qual è, a suo avviso, la natura dell’attuale crisi della Chiesa e pronuncia parole assai nette:”La Chiesa d’oggi ha bisogno di un Mosè che, portato dall’ira del Dio misericordioso, con cui egli parla sul…

Continue Reading

Sinodo amazzonico / La terribile distorsione dell’Instrumentum laboris

Cari amici di Duc in altum, oggi affrontiamo di nuovo i contenuti dell’Instrumentum laboris del prossimo sinodo amazzonico. Lo facciamo con un contributo di don Alfredo Morselli che si concentra sulla questione della regione amazzonica considerata come “luogo teologico”. Analizzando il testo, don Morselli non esita a parlare di “stravolgimento” della categoria di luogo teologico, che porta con sé “una terribile distorsione del concetto di Rivelazione”. A.M.V. *** Lo stravolgimento della categoria di luogo teologico nell’Instrumentum laboris per il Sinodo sull’Amazzonia Lo status quaestionis Il recente Instrumentum laboris[1] per il Sinodo sull’Amazzonia[2], che si terrà dal 6 al 29 ottobre…

Continue Reading

Istituto GP II / L’appello degli studenti

Cari amici di Duc in altum, dopo gli articoli dei giorni scorsi (qui e qui), torniamo sulla questione del Pontificio istituto teologico Giovanni Paolo II. Oggi vi propongo la lettera che 241 studenti hanno inviato alle autorità accademiche per chiedere che l’istituto non sia snaturato. La lettera dimostra che anche fra gli studenti, e non solo fra i docenti, cresce la preoccupazione. “Chiediamo chiarezza e vogliamo esprimere supporto ai nostri professori” scrivono Nicole Haddad e Marc Adrien, rappresentanti degli studenti. “Al fine di ottenere un maggiore supporto, abbiamo deciso di aprire la possibilità di firmare agli studenti e agli ex…

Continue Reading

Il papa e le dimissioni / Una pietra stabile o una che si può rimuovere?

Cari amici di Duc in altum, dopo che padre Gabriele Rossi ha risposto (qui) all’intervento di don Andrea Maggi (lo trovate qui) sulla rinuncia di Benedetto XVI al pontificato, lo stesso don Maggi mi ha inviato un nuovo contributo, che vuole essere non solo una replica al padre Rossi, ma anche una puntualizzazione su ciò che veramente sta a cuore all’ex parroco diventato noto, suo malgrado, per aver bruciato una foto di papa Ratzinger durante la Messa. Come già sapete, sia don Maggi sia padre Rossi sono stati, per motivi diversi, sospesi a divinis.  A.M.V. *** Gentile Aldo Maria Valli,…

Continue Reading

La rivoluzione all’Istituto GP II / Appello per la revoca dei licenziamenti

Cari amici di Duc in altum, la situazione che si è venuta a creare all’Istituto Giovanni Paolo II per il matrimonio e la famiglia, come abbiamo già osservato in un articolo di qualche giorno fa, è di una gravità senza precedenti. Ormai si tratta di una vera e propria epurazione, che ha fatto vittime illustri come il noto filosofo Stanislaw Grygiel, la bioeticista Maria Luisa Di Pietro, la mariologa suor Vittorina Marini.  Di forte portata simbolica è il licenziamento del professor Grygiel, docente emerito di antropologia filosofica e amico di Giovanni Paolo II fin dai tempi di Cracovia, chiamato a…

Continue Reading

“Certa specie di demoni si scaccia solo con la preghiera e col digiuno”

Cari amici di Duc in altum, la lettera che vi propongo mi è arrivata dal Comitato Beata Chiara da Rimini, che ha organizzato una preghiera di riparazione in occasione del Rimini Summer Pride in programma oggi. A.M.V. *** Carissimo dottor Valli, come forse avrà potuto leggere da qualche parte, anche quest’anno, per le spiagge di Rimini e dintorni, sfilerà l’orgoglio omosessualista. Ogni estate, ormai con appuntamento fisso, in tutte le città d’Italia la sodomia sfila non solo indisturbata, ma anche e soprattutto osannata politicamente, socialmente e con il tacito silenzio ecclesiale. Il peccato impuro contro natura diventa “orgoglio”, proclamazione di…

Continue Reading

Ecco perché io, convertita, non voglio un simil-cattolicesimo, ma una fede piena

Cari amici di Duc in altum, oggi vi voglio proporre una bella lettera che ho ricevuto da Mariasole, una giovane tornata al cattolicesimo nel senso pieno del termine dopo anni di quello che lei definisce, argutamente, “simil-cattolicesimo”. Una testimonianza sulla quale meditare, specie là dove afferma che le brutte chiese contemporanee e le liturgie sciatte o “creative” sono vissute con sofferenza da chi ha ritrovato la fede dopo una conversione. A.M.V. *** Gentile Aldo Maria Valli, è la prima volta che le scrivo. Ciò che mi ha mosso è stato il suo post nel quale spiega di avere un debole…

Continue Reading

L’Instrumentum laboris del sinodo amazzonico è eretico e invita all’apostasia. Ecco le prove

Torniamo sull’Instrumentum laboris del prossimo sinodo amazzonico. Lo facciamo con un ampio intervento di José Antonio Ureta, dell’ Istituto Plinio Corrêa de Oliveira, che partendo dalle prese di posizione dei cardinali Müller e Brandmüller riassume e illustra tutti i motivi per cui, nel caso del testo che prepara l’assemblea sinodale, si può dire senza tema di smentita che siamo di fronte a un caso gravissimo di documento sostanzialmente eretico che invita all’apostasia. A.M.V. *** In un’intervista di ampio respiro concessa al giornalista Edward Pentin, corrispondente a Roma per il National Catholic Register, il cardinale Gerhard Müller ha commentato che nell’Instrumentum…

Continue Reading

Monaca guerriera: “I monasteri di clausura si aprano, sì, ma verso il Cielo, non per i migranti”

Cari amici di Duc in altum, credo che il fatto sia senza precedenti: una monaca di clausura, a nome suo e di alcune sue consorelle, risponde alle monache, anche loro di clausura, che giorni fa hanno indirizzato, tramite il quotidiano Avvenire, una lettera aperta alle massime cariche dello Stato per esprimere preoccupazione circa il clima di intolleranza e di violenta discriminazione che, a loro dire, sarebbe diffuso in Italia e per dirsi pronte ad accogliere i migranti. La monaca che mi ha scritto, e che si firma “Monaca guerriera di Cristo Re”, contesta la lettera aperta delle altre monache per…

Continue Reading

Caro don Andrea, ecco perché lei, pur avendo torto, ha ragione!

Cari amici di Duc in altum, il contributo che oggi vi propongo mi è stato inviato da un religioso, padre Gabriele Rossi (dei Figli dell’amore misericordioso) ed è una lettera aperta a don Andrea Maggi, della cui vicenda mi sono occupato qui.   Non succede tutti i giorni che un prete sospeso a divinis si rivolga  pubblicamente a un altro prete sospeso a divinis. E io sono contento che il contatto avvenga qui, in questo blog a disposizione di irregolari ed emarginati.  La questione affrontata da padre Gabriele è quella, tuttora irrisolta, della compresenza di due papi.  Con un’incursione in un…

Continue Reading

Dimenticare san Giovanni Paolo II. Rivoluzione all’istituto su matrimonio e famiglia

La settimana scorsa, con un tipico colpo di mano estivo, è stata annunciata la pubblicazione dei nuovi statuti di quello che fino a tre anni fa, prima della soppressione voluta da papa Bergoglio, era il Pontificio istituto Giovanni Paolo II per gli studi sul matrimonio e la famiglia, sostituito da un nuovo organismo denominato Pontificio istituto teologico Giovanni Paolo II per le scienze del matrimonio e della famiglia. L’obiettivo dei nuovi statuti? Da un lato rafforzare il potere del gran cancelliere, monsignor Vincenzo Paglia, dall’altro snaturare definitivamente l’istituto voluto da san Giovanni Paolo II, allontanare i docenti non allineati e…

Continue Reading

“Care sorelle d’Italia, ecco perché state sbagliando”

Cari amici di Duc in altum, come sapete, qualche giorno fa un buon numero di monasteri di clarisse e carmelitane scalze ha fatto pervenire una lettera aperta al presidente della Repubblica e al presidente del Consiglio. Pubblicata da Avvenire, la lettera intende “dare voce ai nostri fratelli e sorelle migranti che scappano da guerre, persecuzioni e carestie” e vi si legge fra l’altro: “Molti monasteri italiani, appartenenti ai vari ordini, si stanno interrogando su come contribuire concretamente all’accoglienza dei rifugiati, affiancando le istituzioni diocesane. Alcuni già stanno offrendo spazi e aiuti. E, al tempo stesso, tutte noi cerchiamo di essere…

Continue Reading

L'”Instrumentum laboris” del sinodo amazzonico? Confuso, ambiguo, erroneo, pericoloso

Confuso, ambiguo, erroneo, pericoloso. Il titolo che ho dato all’intervento del cardinale Gerhard Müller circa l’Instrumentum laboris del sinodo sull’Amazzonia non è esagerato. L’ex prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, infatti, stronca totalmente il documento. La riflessione di Müller nella versione integrale in lingua italiana si può leggere qui, mentre qui sotto ne trovate le parti, a mio giudizio, salienti. *** […] Ambivalenza nella definizione dei termini e degli obiettivi Come spesso accade quando si scrivono questi testi preparatori, ci sono gruppi di persone con una mentalità simile che lavorano su singole parti, con il risultato che ne…

Continue Reading

Uomini giusti ai posti giusti / 30

“Molte cose della tradizione, molte cose della cultura passata, non servono più”. Parola del cardinale brasiliano, prefetto della Congregazione per gli istituti di vita consacrata, João Braz de Aviz, che così ha dichiarato in un’intervista a un sito paraguaiano. È sempre consolante sapere di poter contare su questi pastori saggi e lungimiranti, non è vero? Parlando della vita religiosa, il cardinale ha aggiunto: “Abbiamo forme di vita, legate ai nostri fondatori, che non sono essenziali: un certo modo di pregare, un certo modo di vestire… Quella visione più globalizzata di tutto, che non avevamo, ora ce l’abbiamo”. Ma sì, cari…

Continue Reading

Quella volta che progettarono la chiesa lunare

La luna improvvisamente è tornata di moda. Potenza dell’eclissi e degli anniversari. A cinquant’anni dallo sbarco dell’uomo sul nostro satellite, è tutto un ricordare e discettare di allunaggi e missioni spaziali. Cose che da un bel po’ di tempo non appassionavano più. In cinquant’anni la pallida luna è rimasta uguale a se stessa. Quelli che sono cambiati sono i terrestri Sulla rivista America c’è un’interessante rievocazione di quella volta che qualcuno progettò una cappella da costruire sulla luna. Come ben sappiamo, non se ne fece niente, anche perché la luna si dimostrò tanto inospitale, e alla fine tanto inutile a scopo…

Continue Reading