Blog

Pastori, vi prego, tornate alla Verità

Cari amici, ho ricevuto una lettera molto appassionata. L’ha scritta una laica, indirizzandola a cardinali, vescovi, sacerdoti, religiosi. Come una novella santa Caterina da Siena, richiama i pastori alle loro responsabilità e li ammonisce: parlate di “rivoluzione culturale” e “cambio di paradigma”, ma non annunciate Gesù e non proponete la dottrina nella sua integrità. “Tornate, vi prego, alla Verità”. A.M.V. *** Reverendi padri, cardinali, vescovi, sacerdoti, pastori consacrati a Dio! Consapevole che “i fedeli hanno il diritto di manifestare ai Pastori della Chiesa le proprie necessità, soprattutto spirituali […] e anzi talvolta anche il dovere di manifestare ai sacri Pastori…

Continue Reading

La “Christus vivit” e quella strisciante antipatia verso la dottrina

Dall’esortazione post sinodale Christus vivit, dedicata ”ai giovani e a tutto il popolo di Dio”, emerge un aspetto: l’antipatia, da parte di chi ha steso il documento, nei confronti dei contenuti dottrinali e morali. Basta leggere qui: «Per quanto riguarda la crescita, vorrei dare un avvertimento importante. In alcuni luoghi accade che, dopo aver provocato nei giovani un’intensa esperienza di Dio, un incontro con Gesù che ha toccato il loro cuore, vengono loro proposti incontri di “formazione” nei quali si affrontano solo questioni dottrinali e morali: sui mali del mondo di oggi, sulla Chiesa, sulla dottrina sociale, sulla castità, sul…

Continue Reading

De Mattei: “Questa crisi viene da molto lontano”

La dichiarazione di Abu Dhabi? “Contraddice l’insegnamento della Chiesa”. Come riassumere in due parole il pontificato di Francesco? “Ipocrisia e menzogna”. Come giudicare le nuove norme sulla vita nei monasteri? “Un piano per distruggere la vita contemplativa”. Non si può certo dire che il professor Roberto de Mattei non parli chiaro. Con lui, studioso del Concilio Vaticano II e attento osservatore della realtà  della Chiesa cattolica, tentiamo un’analisi a vasto raggio della situazione, anche per rispondere al disorientamento sempre più diffuso. Professore, non passa giorno senza che questo pontificato alimenti nuove perplessità e dubbi in moltissimi fedeli. La dichiarazione di…

Continue Reading

La strana “luce” di Roqueplo, il filosofo citato da Bergoglio

Durante la conferenza stampa in aereo, di ritorno dal Marocco, Francesco, rispondendo a una domanda, ha citato un filosofo francese, Philippe Roqueplo, e ha detto che questo pensatore, al fine di capire una situazione, gli ha dato una importante «luce ermeneutica», ovvero una chiave di comprensione. Affermazione quanto meno singolare se si pensa a ciò che questo filosofo, ambientalista e studioso dei rapporti tra scienza, tecnologia e cultura, sostiene su aborto e diritto alla vita. In proposito mi ha scritto l’amico Andrea Mondinelli. A.M.V. *** Caro Aldo Maria, ti segnalo questa parte della conferenza stampa di Bergoglio in aereo di…

Continue Reading

“I preti siano padri, non amici”. Parola di diacono

Cari amici, mi ha scritto un diacono dalla lunga esperienza. Punta l’attenzione su certi atteggiamenti “disinvolti” dei preti, in gran parte conseguenza dell’ideologia del padre-amico, con tutto ciò che la distorsione comporta. A.M.V.  *** Caro Aldo Maria, ti scrivo alcune considerazioni che da molti anni mi frullano nella testa e che hanno trovato conferma nella bella lettera sulla “prudenza” che ti è stata inviata dall’anonimo parroco lombardo. Da tanti anni osservo preoccupato gli atteggiamenti “disinvolti” del clero giovane nel rapportarsi con i laici, maschi o femmine. Spesso ho visto preti, rigorosamente privi di ogni segno che li identifichi come tali, comportarsi…

Continue Reading

Nella casa della verità, dell’amore e della bellezza

Ho un debole per le storie dei convertiti da altre religioni e confessioni al cattolicesimo. Trovo che il convertito, nel narrare la sua vicenda interiore e il cammino di avvicinamento alla Santa Madre Chiesa cattolica, ci aiuti a riscoprire l’essenziale della nostra fede e a recuperare il senso della meraviglia. Mi colpisce, in particolare, una parola che tutti i convertiti utilizzano: casa. Per spiegare che cosa lo spinge e che cosa prova nel suo intimo, il convertito ricorre sempre a questa espressione: è un ritorno a casa. Mi viene in mente un bellissimo libro letto molti anni fa: Rome Sweet…

Continue Reading

Dalla santificazione alla sanificazione

La realtà supera spesso la fantasia, ma qualche volta anche l’ironia. Giorni fa scrivevo che la decisione di Bergoglio di non farsi baciare l’anello dai fedeli dipendeva dal non voler spargere germi. Ingenuo come sono, pensavo in quel modo di apparire un po’ sardonico. E invece ecco che adesso il portavoce vaticano fa sapere, urbi et orbi, che è andata proprio così:  “Il Papa mi ha detto che il motivo per cui non faceva fare il baciamo a Loreto è per igiene. Non per lui, ma per evitare il contagio quando ci sono lunghe file di persone. A lui piace…

Continue Reading

“Cari preti, riscopriamo la virtù della prudenza”

Cari amici, dopo la pubblicazione della testimonianza di don Riccardo, il parroco che ha raccontato la triste vicenda di don Marco, finito in carcere con l’accusa di abusi in base a prove quanto meno labili, ho ricevuto molti commenti. Particolarmente significativo è quello che vi propongo qui. Lo ha inviato un altro parroco, anche lui lombardo, che preferisce mantenere l’anonimato. Un’analisi molto chiara, che si conclude con una domanda da prendere in considerazione: siamo proprio sicuri che la “vecchia” Chiesa, quando adottava certe precauzioni che in seguito sono state giudicate sorpassate e inammissibili,  si comportasse in modo bigotto e sbagliato?…

Continue Reading

Uomini giusti ai posti giusti / 17

“Al crocifisso abbiamo staccato le braccia, saranno le lancette che permetteranno di segnare le ore e i minuti”. Dice così il signor vescovo di Innsbruck, Hermann Glettler, amante dell’arte moderna, spiegando perché ha pensato di appendere Nostro Signore Crocifisso all’incontrario, usandolo alla  stregua di un orologio. Un braccio segnerà le ore, l’altro i minuti. A volte mi spiace di non aver studiato da psichiatra, perché sarebbe davvero interessante capire come certi nostri pastori possano toccare queste vette di spiritualità e inculturazione della fede. Il vescovo Glettler, non nuovo alle innovazioni (emblematica la sua decisione di far distribuire la comunione ai…

Continue Reading

Cattivi pensieri

Attenzione. La presente rubrica fa uso di IRONIA. In caso di accertata allergia all’IRONIA si raccomanda di astenersi dalla lettura. *** Donne & Chiesa Come avrete saputo, la professoressa Lucetta Scaraffia e l’intero staff dell’inserto femminile Donne Chiesa Mondo dell’Osservatore romano hanno presentato al papa le dimissioni. All’origine della clamorosa decisione, si è detto, l’incompatibilità con la linea editoriale decisa dal nuovo direttore dell’Osservatore, Andre Monda. “Ci sembra – scrive Lucetta Scaraffia senza nascondere il suo rincrescimento – che un’iniziativa vitale sia ridotta al silenzio e che si ritorni all’antiquato e arido costume della scelta dall’alto, sotto il diretto controllo…

Continue Reading

Padre Cavalcoli: “Alla Sorella nascosta rispondo che…”

Cari amici, qualche giorno fa ho pubblicato una lettera che mi è stata inviata da una monaca perplessa, scoraggiata e stanca, tanto da sentirsi “sradicata” in questa Chiesa che, scriveva, cede alle logiche del mondo, fa sua l’ideologia ecologista e pacifista e preferisce farsi paladina della Tolleranza anziché della Giustizia divina.  Ora a quella lettera risponde il padre Giovanni Cavalcoli, con l’intervento che trovate qui sotto. Preciso che pubblicare la riflessione dell’amico padre Cavalcoli non significa che io la faccia mia. A essere sincero fino in fondo, la mia visione è molto più vicina a quella della Sorella nascosta, la…

Continue Reading

“Così don Marco è finito in carcere”

Cari amici, mi ha scritto un parroco. Si chiama don Riccardo e racconta la vicenda di un altro sacerdote, don Marco, da lui ben conosciuto, finito in carcere con l’accusa di molestie nei confronti di una minorenne. Secondo don Riccardo la sentenza è ingiusta e ci si è arrivati in un modo che suscita, quanto meno, parecchie perplessità.  Don Riccardo esprime dolore per la sorte di don Marco e precisa che non è sua intenzione sollevare ulteriore clamore. Vuole soltanto proporre di guardare alla vicenda dal punto di vista di chi, anche sulla base di fatti concreti, si sente accusato…

Continue Reading

Dottrina sociale della Chiesa: così la musica è cambiata

Cari amici, in merito alla notizia del diktat che ha colpito La Scuola di Dottrina sociale della Chiesa promossa dall’Osservatorio Van Thuan mi ha scritto l’amico Andrea Mondinelli. È un approfondimento che ritengo molto utile e ve lo propongo. A.M.V. *** L’Osservatorio rinuncia alla scuola a Udine “nonostante non condividiamo le motivazioni trasmesseci dal vescovo di Udine per indurci a sospendere la nostra iniziativa”. Non conosco esattamente le motivazioni del vescovo, ma le posso perfettamente immaginare. Si dà il caso che io stia partecipando alla Scuola di Dottrina sociale della Chiesa (DSC) organizzata a Maguzzano (BS) e che sia veramente…

Continue Reading

Quel sentimentalismo che infiacchisce lo spirito e non porta a Dio

Liturgia, musica sacra, livello culturale nella Chiesa. Il maestro Aurelio Porfiri prosegue nella sua riflessione e punta l’attenzione su quel sentimentalismo zuccheroso che anche attraverso la musica sacra è entrato nella vita della Chiesa deformando la spiritualità cattolica. Perché questa situazione? Solo la conseguenza di una serie di errori o il frutto di una precisa strategia? A.M.V. *** Nei precedenti interventi ci siamo occupati del basso livello culturale che caratterizza anche la vita della Chiesa. Ora, specialmente nei paesi dell’Occidente, non possiamo negare che il livello culturale medio delle persone si è grandemente alzato. Rispetto al passato, molte più persone…

Continue Reading

“Quella Scuola non s’ha da fare!”. Un diktat colpisce l’Osservatorio Van Thuan

Cari lettori, ricevo questa segnalazione da Udine. A.M.V. *** A Udine si è mostrato, in tutta la sua arroganza, il peggior clericalismo delle attuali gerarchie! L’Osservatorio Van Thuan, rispondendo all’appello di sei associazioni locali, era pronto a iniziare domani la Scuola di Dottrina sociale della Chiesa del Friuli Venezia Giulia. C’era anche il patrocinio della Regione, e il presidente del Consiglio regionale avrebbe aperto i lavori. L’arcivescovo di Udine ha però esercitato pressioni tali, sino alla minaccia, intimando la cancellazione della Scuola, che l’Osservatorio, per amore della Chiesa, ha scelto di sospendere l’avvio dell’iniziativa, che partirà in autunno in luogo…

Continue Reading

È bella o brutta la Sposa di Cristo?

Trent’anni fa, nel 1989, dal 12 al 18 febbraio il cardinale Giacomo Biffi (1928 – 2015) fu chiamato da Giovanni Paolo II a predicare gli esercizi spirituali in Vaticano. Ne è stato tratto un libro, La multiforme sapienza di Dio, che contiene una bellissima pagina sulla Chiesa. Da meditare in questi nostri tempi complicati. Com’è la Sposa di Cristo? Bella o brutta? Per quanto possa sembrare frivola, dice il compianto cardinale Biffi, la domanda pone una questione molto seria. Come, d’altra parte, sa ogni sposo… A.M.V. *** È bella o brutta la Sposa? Questa che può sembrare frivola, è una…

Continue Reading

I vescovi luterani norvegesi, l’aborto e la “lungimiranza” di certo cattolicesimo

Anni fa, a Oslo, durante una cena conobbi un pastore luterano norvegese. Incominciammo a chiacchierare e scoprii che era sposato. Non solo. Era sposato, divorziato e risposato. Con una pastora. A sua volta divorziata e risposata, se non ricordo male. Temo che l’espressione del mio volto tradì una certa sorpresa, perché il pastore disse: “Lo, so, per voi cattolici romani è difficile capire”. Lo disse con quel tono di condiscendenza che a volte i nordici assumono nei confronti di noi meridionali, e la mia impressione fu che stesse pensando: “Ma prima o poi ci arriverete anche voi”. All’epoca il papa…

Continue Reading

Uomini giusti ai posti giusti / 16

Si può fare lo “sciopero della Messa”? E, soprattutto, ha senso? Se non avete mai pensato a una simile eventualità, leggete un po’ che cosa ha detto il nostro primo uomo giusto al posto giusto di oggi. Siamo in Trentino, lui si chiama don Marcello Farina, di professione parroco, e secondo quanto riferiscono i mass media locali avrebbe proposto di chiudere per una domenica le chiese contro la decisione della provincia autonoma di allontanare da Lavarone ventiquattro donne migranti che erano state accolte due anni fa. “Non bastano i presepi e i crocefissi nelle scuole per essere dei cristiani”, ha…

Continue Reading

“Ecco perché anch’io, monaca, mi sento sradicata”

Cari lettori, mi ha scritto una monaca. Vive da molti anni in monastero e ha sentito il bisogno di aprire il suo cuore, confidando tutto lo sconcerto e il dolore che prova per la situazione in cui si trova la Sposa di Cristo. A.M.V. *** Caro fratello, la dichiarazione di Abu Dhabi mi ha lasciato sgomenta. Chi è questo Dio nel nome del quale è stata siglata la dichiarazione emiratina? Non può essere il Dio cattolico, che d’altra parte cattolico non è, come disse Bergoglio a Scalfari. Ha, piuttosto, tutte le sembianze del Dio modernista, prodotto della coscienza (o delle…

Continue Reading

Cronache dal futuro / Papa Francesco VII e la cura verso le persone ENCA+R

Attenzione! Il presente articolo contiene IRONIA. In caso di accertata allergia all’IRONIA  astenersi dalla lettura. *** Città del Vaticano, marzo 2219 – Una serie di foto postate sul sito Natagion – il portale che racconta come si può coniugare la fede cattolica con l’eterosessualità – mostra la grande cura che Papa Francesco VII ha nei confronti delle realtà ENCA+R (Eterosessuali Naturali Cattolici Apostolici e Romani). Prima di partire per il ritiro spirituale, il Papa ha infatti ricevuto i membri del pellegrinaggio ENCA+R proveniente dalla Gran Bretagna, sotto l’egida del cardinale Lichons. I sedici pellegrini, che contavano, oltre ad amici e…

Continue Reading