X

Una parola al giorno / Cane

Non so se avete visto il cane robot che pattuglia un parco di Singapore e lancia messaggi sul rispetto del cosiddetto distanziamento sociale.

Il video è piuttosto impressionante perché la creatura meccanica a quattro zampe (che ricorda i cattivissimi robot dog della serie Black Mirror) si muove proprio come un cane, cammina come un cane, si guarda attorno come un cane, si accuccia come un cane.

Ogni tanto Spot (questo il suo nome), emette un messaggio che ricorda l’obbligo di mantenere le distanze ed è anche capace, mediante telecamere e sensori, di calcolare quante persone sono presenti nel parco.

Per ora Spot gira accompagnato da un addetto della ditta costruttrice, la Boston Dynamics, ma nulla vieta che un domani possa pattugliare la città senza sorveglianza umana.

Non è difficile immaginare che il cane robot in futuro, dopo appropriata modifica, potrà fare anche un’altra cosa: azzannare. Magari alla prossima pandemia?

A.M.V.

___________________________________________

Cari lettori di Duc in altum, ecco i miei ultimi libri:
Aldo Maria Valli, Gli strani casi. Storie sorprendenti e inaspettate di fede vissuta (Fede & Cultura, 2020)
Aldo Maria Valli, Le due Chiese. Il sinodo sull’Amazzonia e i cattolici in conflitto (Chorabooks, 2020) 
Aldo Maria Valli (a cura di), Non abbandonarci alla tentazione? Riflessioni sulla nuova traduzione del “Padre nostro”, con contributi di Nicola Bux, Silvio Brachetta, Giulio Meiattini, Alberto Strumia (Chorabooks, 2020)
Aldo Maria Valli:
Post Correlati
Loading