Roma senza papa. E un papa senza Roma

Cari amici di Duc in altum, vi propongo, dal sito La porte latine, questo contributo nel quale don Jean-Michel Gleize riflette sulla situazione del papato e della Chiesa a partire dal mio articolo Roma senza papa. Jean-Michel Gleize è professore di apologetica, ecclesiologia e dogma al Séminaire Saint-Pie X d’Écône. È il principale collaboratore del Courrier de Rome. Ha partecipato alle discussioni dottrinali tra Roma e la FSSPX tra il 2009 e il 2011.

***

don Jean-Michel Gleize

Aldo Maria Valli è uno dei vaticanisti più conosciuti in Italia. È anche una delle figure più rappresentative dei fedeli cattolici attaccati all’ortodossia dottrinale, disciplinare e liturgica, in quella che è diventata la Chiesa “ufficiale”. La sua voce, sebbene solidale nei confronti della Fraternità San Pio X, non può quindi essere sospettata, a priori, di echeggiare qualsiasi controversia proveniente dai cosiddetti circoli tradizionalisti, tanto meno da una presunta obbedienza lefebvriste. Le riflessioni preoccupate e indignate che ha appena pubblicato, per esprimere la sua reazione all’attuale evoluzione del papato sono tanto più notevoli [1] .

“Il Papa”, scrive, “sebbene fisicamente presente, non è realmente lì, perché non si comporta come un Papa. È lì, ma non adempie al suo compito di successore di Pietro e vicario di Cristo. Jorge Mario Bergoglio c’è, Pierre non c’è ”. E per aggiungere: “Una cosa è essere nel mondo e un’altra è diventare come il mondo. Parlando come parla il mondo, e ragionando come le ragioni del mondo, Bergoglio ha fatto evaporare Pierre e si è posto in primo piano ”.

La formulazione può sembrare offensiva. Possiamo scommettere che sarebbe stato severamente rimproverato a quelli dei discepoli dell’arcivescovo Lefebvre che avrebbero rischiato di usarlo, e che sarebbe stato visto come un’indicazione di uno stato d’animo scismatico [2], di una tendenza sedevacantista [3]o, per lo meno, di una tendenza all’isolamento [4] . Questi rimproveri sono stati effettivamente sostenuti da detti discepoli per molto meno di quello, a causa di un linguaggio la cui modestia è rimasta tuttavia nella mente del fondatore della Fraternità San Pio X. “Non sfidiamo l’autorità del Papa, ma cosa lo fa ”, disse ancora quest’ultimo poco prima di essere chiamato a Dio [5]. “Riconosciamo l’autorità del Papa, ma quando la usa per fare il contrario di quanto gli è stato dato, è ovvio che non possiamo seguirlo” [6] . Quattro anni prima [7], stava già facendo la seguente diagnosi: “Quindi ora c’è un intero set a Roma, che prima non esisteva, e che non può darci leggi nel modo in cui i Papi ci davano in precedenza, perché non hanno più uno spirito veramente cattolico su questo argomento “. E a venticinque anni dalle incoronazioni del 30 giugno 1988, il secondo successore dell’Arcivescovo Lefebvre fece a nome della Fraternità questa dichiarazione di principio: “Siamo obbligati a notare che questo Concilio atipico, che voleva essere solo pastorale e non dogmatico, ha inaugurato un nuovo tipo di magistero, finora sconosciuto nella Chiesa, senza radici nella tradizione; un magistero determinato a conciliare la dottrina cattolica con le idee liberali; un magistero intriso dei principi modernisti del soggettivismo,[8] . In questo senso sì, è vero, come fa Aldo Maria Valli, che “Roma non ha un Papa”.

Ma a trent’anni dalla chiamata a Dio dell’arcivescovo Lefebvre, l’autorità del Papa è così sovvertita che il suo uso quasi quotidiano finisce per far precipitare gli animi sempre più nella confusione e nello scompiglio, fomentando un indifferentismo che non è più solo dottrinale ed ecclesiologico, ma che ora invade il dominio della moralità. Papa Francesco continua così a camminare sulla strada aperta dal Concilio Vaticano II e già seguita dai suoi predecessori, a partire da Giovanni XXIII e Paolo VI. In questo modo, il papato della storia attuale sembra celebrare costantemente l’olocausto o il funerale di tutto ciò che è tuttavia la sua ragion d’essere, dissolvendo fede e costumi anche all’interno della santa Chiesa cattolica. Aldo Maria Valli ne prende semplicemente atto, come ha fatto finora la Fraternità San Pio X prima di lui: “Ma oggi Pietro non nutre le sue pecore e le conferma nella fede. Perché ? […] Bergoglio parla di Dio, ma da tutta la sua predicazione nasce un Dio che non è il Dio della Bibbia, ma un Dio adulterato, un Dio, direi, privo di potere o, meglio ancora, adattato. A cosa? All’uomo e alla sua pretesa di essere giustificato vivendo come se il peccato non esistesse ”.

Roma senza il Papa? L’energia del soggetto riflette più di un’esasperazione, un’angoscia che colpisce ormai gli animi ben oltre il cosiddetto movimento “tradizionalista”. Possiamo vedere lì il segno che la relazione redatta da monsignor Lefebvre era giustificata. Ma da parte nostra, lo vedremmo anche come un omaggio involontario reso non solo alla temperanza teologica ma anche alla saggezza soprannaturale del fondatore di Ecône. Non solo ha sempre cercato di evitare l’ambiguità del linguaggio, che avrebbe potuto far credere alla sua adesione alla tesi sedevacantista, ma ha visto soprattutto chiaramente dove stava il dramma: il dramma dell’abbandono, da parte del Papa, di tutti i patrimonio della Tradizione della Chiesa, abbandono di ciò che fa della Roma eterna, la “Roma di sempre”. Ed è piuttosto il Papa di oggi che non è più romano: un Papa senza Roma.

Fonte: Courrier de Rome, n. 638

Note

  1. Vedi l’articolo “Roma senza papa. C’è Bergoglio, non c’è Pietro“, riprodotto nella sua traduzione francese sulla pagina del 26 febbraio 2021 del sito ufficiale della Casa generalizia della Fraternità San Pio X: https://fsspx.news/fr/news- eventi / news / rome-sans-pope-bergoglio-est-la-mais-pas-pierre-64467.
  2. Questo è il rimprovero lanciato di fronte all’arcivescovo Lefebvre da Papa Giovanni Paolo II nel Motu proprio Ecclesia Dei afflictadel 2 luglio 1988, e da allora ribadito incessantemente, sempre di recente dal cardinale Burke in una conferenza del 15 luglio 2017 a Medford, negli Stati Uniti. Vedi l’articolo “Il cardinale Burke discende dalla FSSPX” sul sito della filiale dell’APIC in Svizzera: https://www.cath.ch/newsf/cardinal-burke-descend-fsspx .
  3. Così padre Lucien che rimprovera alla Fraternità San Pio X una “forma non riconosciuta di affermazione del posto vacante formale della sede apostolica” perché nega tutto il valore magisteriale al Concilio Vaticano II. Cfr. Abbé Bernard Lucien, “L’Autorità Magistrale del Vaticano II” nella rivista Sedes sapientiae, n ° 119 (marzo 2012), nota 17, p. 54.
  4. Si veda ad esempio quanto riportato sul quotidiano La Croixdel 20 settembre 2020, che riprende le parole di un ex membro della Fraternità San Pio X. https://www.la-croix.com/Religion/Fraternite- priestly -Saint-Pie-X-accetta-riconciliazione-signi-fie-non-perdere-identità-2020-09-23-1201115607 .
  5. Lefebvre, “La visibilità della Chiesa e la situazione attuale” in Fidelitern ° 66 (novembre-dicembre 1988), p. 28.
  6. Ibidem.
  7. “Conferenza in Ecône del 12 giugno 1984”, Cospec n ° 111.
  8. Fellay, “Dichiarazione in occasione del 25 ° anniversario delle incoronazioni episcopali”, 27 giugno 2013, n ° 4, in Cor unum, n ° 106, p. 36.

 

I miei ultimi libri