Visto da Mosca / Così la stampa russa racconta la crisi ucraina

La crisi vista da Mosca. In che modo la stampa russa racconta ciò che sta avvenendo in Ucraina? Ecco la traduzione, da parte di Duc in altum,  di alcuni articoli di oggi del giornale più diffuso in Russia, Argumenty i facty.

***

Il presidente russo Vladimir Putin durante un discorso di emergenza ha affermato che i piani della Russia non includono l’occupazione del territorio ucraino.

Il giorno prima, il capo dello Stato aveva annunciato di aver deciso di condurre un’operazione militare speciale per proteggere il Donbass. Secondo lui, le circostanze richiedono un’azione decisiva da parte della Russia.

“Allo stesso tempo, i nostri piani non includono l’occupazione dei territori ucraini. Non imporremo nulla a nessuno con la forza”, ha sottolineato Putin.

Il capo dello Stato ha anche sottolineato che crede nel sostegno dei cittadini russi.

Il ministero della Difesa russo ha ribadito che le forze armate russe non colpiscono le città dell’Ucraina e nulla minaccia la popolazione civile.

Il ministero ha affermato che solo le infrastrutture militari, gli aeroporti militari, l’aviazione dell’esercito ucraino e le strutture di difesa aerea sono disabilitate con armi ad alta precisione.

Il ministero della Difesa della Federazione russa aveva precedentemente riferito che i sistemi di difesa aerea delle forze armate ucraine erano stati soppressi. Il dipartimento ha sottolineato che l’operazione militare è collegata alla protezione della stessa Russia.

I mezzi di difesa aerea delle forze armate ucraine sono stati soppressi. Lo ha riferito il ministero della Difesa della Federazione russa.

Il ministero ha anche osservato che l’infrastruttura militare delle basi aeree delle forze armate ucraine è stata disabilitata.

Il ministero della Difesa russo ha anche riferito che il personale militare russo non colpisce le città ucraine.

Perché è stata ritenuta inevitabile un’operazione militare speciale?

Ciò che sta accadendo ora è il risultato della politica di otto anni dell’Occidente, con l’obiettivo di creare un regime russofobo aggressivo sul territorio dell’Ucraina con la legalizzazione delle formazioni neonaziste.

“Ci impegneremo per la smilitarizzazione e la denazificazione dell’Ucraina”

L’operazione militare speciale lanciata dalle Forze armate russe è definita una misura forzata necessaria per prevenire maggiori danni. Danni non solo per il Donbass, e non solo per la stessa Ucraina, ma anche per la Russia.

Parlando degli obiettivi dell’operazione, il presidente russo Vladimir Putin ha osservato: “Il suo obiettivo è proteggere le persone che per otto anni sono state oggetto di bullismo e genocidio da parte del regime di Kiev, e per questo ci adopereremo per smilitarizzare e denazificare l’Ucraina, nonché per assicurare alla giustizia coloro che hanno commesso numerosi crimini sanguinosi contro i civili, compresi i cittadini della Federazione russa”.

Il leader russo ha sottolineato che uno scontro con i neonazisti ucraini era diventato inevitabile: “È solo questione di tempo. Si preparano, aspettano l’ora opportuna. Ora affermano anche di possedere armi nucleari. Non glielo permetteremo”.

Il presidente degli Stati Uniti Biden si è già affrettato a dichiarare che il presidente della Federazione russa “ha scelto una guerra che porterà vittime e sofferenze umane”. Secondo lui, il popolo ucraino è stato oggetto di un attacco immotivato e ingiustificato.

L’esperto militare Alexei Leonkov spiega l’operazione

Alexey Petrovich, cosa sta succedendo in Ucraina adesso? Perché è stata presa la decisione di avviare l’operazione?

L’esercito ucraino ha tentato più di una volta di distruggere la popolazione delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk. Era stato avvertito. Ha definito la Russia un nemico. Voleva davvero che le armi tattiche, comprese quelle nucleari, fossero piazzate sul suo territorio. Pertanto, si è deciso di effettuare tale operazione.

Il motivo dell’operazione è stato un attacco notturno delle forze armate ucraine lungo la linea di contatto, dove sono stati utilizzati sistemi di artiglieria e lanciarazzi multipli. Ora la Russia sta distruggendo l’infrastruttura militare dell’esercito ucraino con armi ad alta precisione. E nelle regioni di Donetsk e Luhansk è in corso un’operazione per bloccare le brigate militari delle Forze armate ucraine, che erano concentrate sulla linea di contatto. A queste forze è stato richiesto di lasciare il territorio e di deporre le armi, mentre l’operazione continua.

Ci sono state segnalazioni di veicoli corazzati russi nell’area di Kharkov.

Ora ci saranno molti rapporti sulla presenza di equipaggiamento militare russo in varie parti dell’Ucraina. Proprio come appariranno informazioni che la Russia ha attaccato obiettivi civili. Anche queste informazioni dovranno essere verificate. Durante l’operazione, ci sarà un’enorme quantità di informazioni. Prestiamo attenzione ai messaggi ufficiali che avvengono tramite il ministero della Difesa della Russia.

Quanto tempo può durare questa operazione?

È difficile specificare date specifiche ora. Ma gli aeroporti meridionali della Russia rimarranno chiusi fino al 2 marzo. Possiamo fare riferimento a questa data. Penso che questa sarà la durata massima dell’operazione.

Fonte: aif.ru

 

I miei ultimi libri