“Siamo circondati, ma non cederemo”. Parola di Klitschko, il sindaco-pugile di Kiev

Vitali Klitschko, ex campione dei pesi massimi di pugilato e dal 2014 sindaco di Kiev, ammette le difficoltà ma ribadisce: “La questione più importante è difendere il Paese”.

***

apnews.com

Mentre le truppe russe si avvicinano alla capitale ucraina, il sindaco di Kiev si dice pieno di orgoglio per lo spirito dimostrato dai suoi cittadini, ma è anche in ansia perché non sa per quanto tempo potranno resistere.

In un’intervista con l’Associated Press, dopo un’estenuante notte di attacchi russi alla periferia della città, il sindaco Vitali Klitschko è rimasto in silenzio per diversi secondi quando gli è stato chiesto se ci sono piani per evacuare i civili nel caso in cui le truppe russe riuscissero a prendere Kiev.

“Non possiamo farlo, perché tutte le vie d’uscita sono bloccate”, ha ammesso infine. “In questo momento siamo circondati”.

L’AP non è stata in grado di verificare immediatamente il giudizio del sindaco secondo cui Kiev è stata accerchiata dalle forze russe o l’ampiezza dell’area compresa nel rigoroso coprifuoco domenicale sui movimenti in città.

Quando giovedì le truppe russe hanno invaso l’Ucraina, la capitale, che conta 2,8 milioni di abitanti, ha reagito con preoccupazione ma anche con autocontrollo. Tuttavia, i nervi hanno incominciato a logorarsi di fronte alla chiusura dei negozi di alimentari e quando le stazioni della famosa metropolitana cittadina sono state trasformate in rifugi antiaerei.

Il sindaco ha confermato all’AP che fino a quel momento a Kiev erano stati uccisi nove civili, compreso un bambino.

Un coprifuoco ordinato da Klitschko è iniziato intorno al tramonto di sabato ed è stato esteso almeno fino alle 8:00 di oggi. Il suo ordine afferma chiaramente che qualsiasi persona non autorizzata trovata all’esterno durante questo periodo può essere considerata un sabotatore.

“Stiamo dando la caccia a queste persone e sarà molto più facile se nessuno è per strada”, ha spiegato Klitschko, affermando che sabato notte sono stati uccisi sei sabotatori russi.

L’avanzata delle truppe russe verso la città è stata più lenta di quanto molti esperti militari si aspettassero, ma il complessivo vantaggio militare russo è ben noto a tutti.

“Ho appena parlato con il presidente (Volodymyr Zelenskyy). Non si sentono tutti tanto bene”, ha detto Klitschko, aggiungendo che i dipendenti del governo cittadino sono scioccati ma non depressi. “Mostriamo il nostro carattere, la nostra conoscenza, i nostri valori”.

Negli ultimi giorni, lunghe file di persone, uomini e donne, sono state avvistate in attesa di raccogliere armi in tutta la capitale ucraina dopo che le autorità hanno deciso di distribuire armi gratuitamente a chiunque fosse pronto a difendere la città. Ci sono preoccupazioni, tuttavia, sull’armare civili nervosi e con poca esperienza militare, a fronte di avvistamenti di sabotatori russi travestiti da polizia o giornalisti ucraini.

“A essere onesti, non abbiamo il controllo al 100%”, dice Klitschko. “Abbiamo costruito questo sistema di difesa territoriale in un breve lasso di tempo, ma queste sono persone patriottiche. In questo momento, la questione più importante è difendere il nostro Paese”.

Rispondendo a una domanda sulla capacità della città di ricostituire le scorte di cibo e medicine in diminuzione, Klitscho ha detto: “Siamo al confine di una catastrofe umanitaria. In questo momento abbiamo l’elettricità, abbiamo l’acqua e il riscaldamento nelle nostre case. Ma le infrastrutture che forniscono cibo e medicinali vengono distrutte”.

Poi si è fatto coraggio come il campione mondiale di boxe dei pesi massimi che era una volta: “Ecco perché il messaggio per tutti è sostenere insieme l’Ucraina… siamo forti. Ogni ucraino è orgoglioso di essere indipendente, orgoglioso di essere ucraino e noi siamo orgogliosi del nostro paese”.

Fonte: apnews.com

 

I miei ultimi libri