X

Vaccinazioni anti Covid e calo della fertilità. Il caso di Germania e Svizzera solleva molte domande

France Soir

L’inizio del 2022 è stato segnato da un forte calo del tasso di natalità in Germania e Svizzera. Quando esaminiamo i dati, e li mettiamo a confronto con quelli degli anni precedenti, notiamo un calo significativo delle nascite per entrambi i paesi.

Cosa dicono le statistiche ufficiali

Secondo i risultati provvisori dell’ufficio statistico tedesco Statistisches Bundesamt (Destatis) per l’anno 2022, tra gennaio e maggio 2022 in Germania sono nati circa 285.800 bambini. Se guardiamo i dati per gli anni 2019, 2020 e 2021 e facciamo un confronto con gli stessi mesi, notiamo una diminuzione delle nascite del 9%. Un calo particolarmente significativo da gennaio ad aprile (−10% secondo dati ancora incompleti) che però si riduce a maggio a -3%.

Ci sono differenze significative anche tra la Germania dell’Ovest, che ha mostrato una diminuzione dell’8%, e la Germania dell’Est, che mostra una diminuzione del 12,9% (-12,5% senza Berlino).

Se entriamo nei dettagli vediamo che è il numero di nascite del secondo figlio a mostrare il calo più forte con (-11%). Per il primo figlio, l’Istituto di Statistica mostra un calo dell’8,3%, mentre per il terzo la cifra è del -6%.

Dal canto suo, la Svizzera registra un calo ancora più marcato poiché, secondo i dati dell’Ufficio federale di statistica (Ust), i nati registrati sarebbero 5526 in meno rispetto all’anno precedente, il che equivale a un calo delle nascite del 15,1%.

La variazione della natalità potrebbe essere collegata al vaccino?

L’esame delle nascite in Svizzera e in Germania per l’anno 2022, e il confronto con i dati degli anni precedenti, rivela una diminuzione spettacolare e senza precedenti delle nascite.

Leggendo quanto riportato dalla stragrande maggioranza dei media sull’argomento, vediamo che i problemi di fertilità riscontrati a seguito dell’infezione da Sars-CoV-2, o a seguito della vaccinazione contro il Covid, non vengono mai considerati come potenziali cause di un calo delle nascite. Tuttavia, quando osserviamo più da vicino i periodi delle prime vaccinazioni per le persone in età fertile (da 20 a 49 anni) nel 2021, e il calo delle nascite nove mesi dopo, la strana corrispondenza che emerge fa sorgere domande e merita sicuramente un’indagine.

Quando si verifica un fenomeno di tale portata, è sempre pericoloso attribuirlo a un’unica causa, ma è anche pericoloso trascurarla come una delle possibili cause del calo della fertilità.

Secondo le ultime previsioni delle Nazioni Unite, la popolazione mondiale potrebbe raggiungere gli otto miliardi di esseri umani il 15 novembre prossimo e i 10,4 miliardi nel 2100. Questa proiezione, lungi dall’essere unanime, è contestata in particolare da James Pomeroy, economista di HSBC che ha fatto previsioni molto diverse nel suo studio pubblicato il 22 agosto 2022. Secondo lui, la popolazione mondiale potrebbe, al contrario, dimezzarsi entro il 2100, cifra che egli spiega sia con il calo della natalità che con l’aumento della mortalità dovuto all’invecchiamento della popolazione.

“La probabilità che la dimensione della popolazione mondiale inizi a ridursi nei prossimi vent’anni è molto più alta di quanto inizialmente previsto”, ha affermato l’economista, il quale ritiene che il picco previsto intorno al 2080 dalle Nazioni Unite non sarebbe reale. Lo colloca piuttosto intorno al 2043. Pertanto, il declino inizierebbe prima del previsto.

Il tasso di fertilità continua a diminuire. Negli anni Cinquanta la fertilità media della popolazione mondiale era di cinque figli per donna, una cifra che è crollata al 2,3% delle nascite per donna nel 2021 e potrebbe scendere ulteriormente al 2,1% entro il 2050, con conseguente stabilità della popolazione prima di scendere rapidamente a raggiungere i quattro miliardi di persone sulla Terra entro il 2100.

Secondo il rapporto, questo calo del tasso di fertilità ha molteplici cause. L’accesso alla contraccezione, l’aumento dei prezzi degli immobili nei paesi sviluppati e l’integrazione delle donne nel mercato del lavoro sono tutti fattori che potrebbero giocare a favore di questo calo globale della natalità. Tuttavia, nel rapporto non viene mai menzionata la possibilità che l’infezione da Sars-CoV-2 o la vaccinazione contro il Covid possano aver influito sulla fertilità.

L’azione della proteina Spike sugli organi riproduttivi

Tra gli effetti indotti da Sars-CoV-2 o dalla proteina Spike del vaccino, si osservano danni agli organi riproduttivi sessuali.

Uno studio israeliano sul calo della fertilità dopo la vaccinazione ha dimostrato che l’iniezione del vaccino Pfizer ha temporaneamente compromesso la fertilità, con un possibile ritorno alla normalità dopo l’iniezione, non però dimostrato. Infatti, osservando i dati, si può notare che dopo sei mesi c’è ancora una diminuzione del 15,9% del livello di concentrazione degli spermatozoi mentre il numero totale di spermatozoi mobili (REM) mostra ancora una diminuzione del 19,4%.

La fertilità è considerata compromessa quando il numero di spermatozoi mobili è inferiore al 40%. Se il valore normale è compreso tra il 40 e l’81%, è probabile che un calo del 19,4% renda sterili tutte le persone che hanno una media inferiore al 60%.

Poiché lo studio è stato condotto su donatori vaccinati con due dosi, ci si può anche chiedere quali potrebbero essere le conseguenze di iniezioni ripetute ogni tre o quattro mesi, e qual è la situazione per i donatori che hanno già ricevuto tre, quattro o cinque dosi.

Come spiega il direttore della ricerca del Cnrs Jean-Marc Sabatier, questi attacchi sono stati resi possibili dalla presenza molto forte del recettore cellulare ECA2 nelle cellule degli organi riproduttivi maschili e femminili, e riconosciuto dal Sars-CoV-2 che funge da punto di attaccamento.

Durante un’infezione o un’inoculazione di un vaccino anti-Sars-CoV-2, può verificarsi un’alterazione nella produzione di ormoni androgeni (compreso il testosterone) e degli spermatozoi attraverso la sua azione sul sistema renina-angiotensina (RAS) degli organi riproduttivi maschili. L’ormone angiotensina-2 è coinvolto nella sottoregolazione della produzione di testosterone e nella regolazione della crescita testicolare, mentre il recettore AT1R inibisce la spermatogenesi e la produzione di testosterone.

Pertanto, nelle persone infette o vaccinate, la disfunzione erettile (dovuta all’effetto vasocostrittore del recettore AT1R iperattivato), una riduzione delle dimensioni (atrofia) del pene e dei testicoli, nonché della libido (per entrambi i sessi) sono gli effetti “visibili” di questi problemi indotti dalla disfunzione del RAS. Gli effetti avversi di Sars-CoV-2 o del vaccino Spike sulla spermatogenesi e sulla produzione di testosterone possono influire sulla fertilità maschile. In effetti, l’importanza dell’ARS nella fertilità o nell’infertilità è stata ampiamente dimostrata fino ad oggi, sia negli uomini che nelle donne.

Nelle donne il RAS ovarico (chiamato OVRAS) svolge un ruolo chiave nella fisiologia delle ovaie e delle malattie ovariche associate. È necessario per la riproduzione normale. Tuttavia, una disfunzione del RAS ovarico potenzialmente indotta da Sars-CoV-2 o dalla proteina Spike vaccinale può influenzare la maturazione e l’ovulazione degli ovociti (ciclo mestruale alterato) e la produzione di ormoni estrogeni, portando a disturbi o patologie come infertilità, cancro ovarico, sindrome dell’ovaio policistico eccetera La presenza di anticorpi autoimmuni diretti contro il recettore AT1R può causare infertilità.

Nelle donne si può così osservare (insieme ad altre potenziali patologie da Covid-19) un’interruzione più o meno significativa e invalidante del ciclo mestruale.

La proteina Spike (dal Sars-CoV-2 o virus vaccinale) può agire direttamente sull’endometrio e sui vasi sanguigni associati e causare disturbi della coagulazione del sangue, inclusa la trombocitopenia (un basso numero di piastrine che aiutano il sangue a coagulare). Ciò è dovuto a un fenomeno chiamato emofagocitosi che si manifesta durante la sindrome da attivazione macrofagica indotta dal virus o dal vaccino Spike protein che è direttamente responsabile del sanguinamento e dei disturbi mestruali talvolta osservati in alcune persone durante l’infezione da Sars-CoV-2 o a seguito di una vaccinazione. In alcuni casi estremi è stata necessaria la rimozione dell’utero (isterectomia) dopo una vaccinazione.

Fonte: francesoir.fr

__________________________________

blogducinaltum@gmail.com

 

Aldo Maria Valli:
Post Correlati
Loading